A Cidade Perdida

Por

Editor: Difel

3.6
(574)

Language: Português | Number of Páginas: 480 | Format: Softcover and Stapled | Em outros idiomas: (outros idiomas) English , Italian , German , French , Slovenian , Dutch

Isbn-10: 9722909703 | Isbn-13: 9789722909709 | Data de publicação: 

Category: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Do you like A Cidade Perdida ?
Junte-se ao aNobii para ver se os seus amigos já o leram, e descubra livros semelhantes!

Registe-se gratuitamente
Descrição do livro
Numa noite de tempestade, a restauradora Safia al-Maaz é acordada por uma explosão terrível. Minutos depois, um telefonema confirma-lhe o pior: a Galeria Kensigton do Museu Britânico, da qual ela é a principal responsável, foi destruída.

A estranha explosão teve origem numa estátua milenar, aparentemente normal, mas após uma investigação descobre-se no seu interior um coração de metal com uma inscrição em Sabeo, a antiga língua dos povoadores da Arábia: Ubar é o nome da mítica cidade das mil colunas, a capital da rainha de Sabá, que desapareceu sob a areia há milhares de anos, devido ao seu orgulho e opulência. Safia, acompanhada pela sua amiga Kara Kensigton e pelo explorador e aventureiro Omaha Dunn, parte para Omã com a intenção de resolver o mistério, mas o coração é apenas o primeiro obstáculo numa cadeia de pistas e indicações que conduzem às portas de Ubar. Para o conseguirem têm de agir com rapidez, já que brevemente irão descobrir que não são os únicos interessados em averiguar o que se esconde por baixo da areia. Assim começa uma corrida impiedosa, da qual só uma das partes pode sair vencedora.
Sorting by
  • 5

    Favoloso

    erano anni che non leggevo niente di questo autore, ma lo ricordavo come uno dei miei preferiti, e infatti anche qui non si smentisce. Personaggi facili da ricordare, tanto mistero, intrigo, archeolog ...continuar

    erano anni che non leggevo niente di questo autore, ma lo ricordavo come uno dei miei preferiti, e infatti anche qui non si smentisce. Personaggi facili da ricordare, tanto mistero, intrigo, archeologia, in un mix praticamente prefetto. Persino le varie "guerriglie" scorrono abbastanza.

    dito em 

  • 2

    (versione riccamente illustrata su http://capitolo23.com/2017/01/29/recensione-la-citta-sepolta-di-james-rollins/)

    Oggi ci droghiamo di Netflix e SKY On Demand quindi ci abbiamo perso un po’ l’abitudi ...continuar

    (versione riccamente illustrata su http://capitolo23.com/2017/01/29/recensione-la-citta-sepolta-di-james-rollins/)

    Oggi ci droghiamo di Netflix e SKY On Demand quindi ci abbiamo perso un po’ l’abitudine, ma una volta in tivvù c’erano quegli infiniti blocchi pubblicitari – generalmente posizionati ad arte – che da una parte ti consentivano di sgranchire le gambe ed esprimere l’efficacia del sistema urinario e dall’altra spegnevano l’attenzione verso la trama. Devo essermi rimasti sottopelle perché durante la lettura de La città sepolta di James Rollins me ne sono tornati in mente alcuni.

    Il primo era la rappresentazione epica di uno scontro calcistico fra le star del pallone dell’epoca e una massa di diavolacci-similalieni dotati di maschera tipo Hannibal Lecter e cattiveria infinita. Ecco, i cattivi di Rollins hanno la stessa profonda convenzionalità che li rende spessi più o meno come un foglio A4: sai esattamente cosa aspettarti (anche perchè il gruppo, guidato da un Ministro, è noto come la Gilda, ed è tutto dire…) e – come per lo spot Nike – sai benissimo che alla fine ci sarà Cantona ad aprirli in due come una anguria. Imprevedibilità: zero cubico.

    Poi ogni tanto partiva una pubblicità, generalmente in bianco e nero o dai vaghi colori seppiati, in cui non capivi semplicemente un cappero: atmosfera rarefatta, musica tra il misterioso e l’ammorbante, protagonisti con corpi di perfezione scultorea e volti belli in modo sovraumano: dopo dodici frame avevi già capito che si trattava dell’ennesima pubblicità di un profumo e che dovevi rassegnarti al non sense più profondo. Magnifico: un intero comparto industriale che aveva deciso di dedicarsi ad un solo strato narrativo.
    Ecco, La città sepolta – con i suoi risvolti quasi mistici, la telepatia, la Regina di Saba, misteriose esplosioni di energia, la scomparsa civiltà di Ubar, i servizi segreti, la tempesta magnetica… – è una via di mezzo fra un filmone hollywoodiano e la pubblicità di j’adore.

    Infine, ci sono io: mi muovo per la stanza in un lucido bianconero con una giacchetta che gnanca-se-i-me-paga e con lo sguardo perso verso un infinito variabile esclamo “Ho letto La città sepolta perchè… perchè… non so perchè.” Chiudo il libro e ordino una boccetta di Jagermeister. Buonanotte.

    dito em 

  • 3

    senza infamia e sanza lode

    non lo so, vuoi che l'ho letto in periodo in cui avevo pochissimo tempo, vuoi che ho provato a leggerlo con il kindle (che devo dire concilia il sonno in maniera mostruosa!), non mi ha entusiasmato co ...continuar

    non lo so, vuoi che l'ho letto in periodo in cui avevo pochissimo tempo, vuoi che ho provato a leggerlo con il kindle (che devo dire concilia il sonno in maniera mostruosa!), non mi ha entusiasmato come il solito ROLLINS, l'ho trovato anche un po' lunghetto. comunque tutto sommato godibile.

    dito em 

  • 3

    La storia non è male: molta azione (pure troppa, in realtà: alla fine ci si stufa) ed un po' di misteri che rendono la lettura piacevole... Ma i personaggi sono troppo stereotipati, con le loro battut ...continuar

    La storia non è male: molta azione (pure troppa, in realtà: alla fine ci si stufa) ed un po' di misteri che rendono la lettura piacevole... Ma i personaggi sono troppo stereotipati, con le loro battute banali già pronte per il solito filmone americano. Peccato, perché la lettura del romanzo sarebbe decisamente migliore se non ti venisse continuamente voglia di prendere a testate i protagonisti. Ah già: qualche pagina in meno avrebbe giovato... Voto: 6+/10

    dito em 

  • 5

    Molto bello

    Il mio secondo romanzo di Rollins, l'ho trovato leggero e piacevole da leggere. Sicuramente un romanzo tutti azione, con qualche nozione scientifica. Bella storia.
    Consigliato!!!

    dito em 

  • 1

    Tutto azione e zero emozione

    Decisamente non sono fanatica dei romanzi di avventura, ma cercavo qualcosa di leggero da leggere per evadere. Invece mi sono imbattuta in questa storia che più noiosa non si può, non decolla mai e no ...continuar

    Decisamente non sono fanatica dei romanzi di avventura, ma cercavo qualcosa di leggero da leggere per evadere. Invece mi sono imbattuta in questa storia che più noiosa non si può, non decolla mai e non mi sono mai fatta coinvolgere dai personaggi, la cui rete di relazioni mi è parsa del tutto inverosimile. Non mi aspettavo certo un capolavoro , ma nemmeno una storia così inconsistente.

    dito em 

  • 4

    Una bella storia d'azione, ben raccontata, che si legge come si vede un film. Questo detto, non mi ha comunicato nessuna emozione. Il modo di scrivere è molto maschile e, a mio parere, freddo. La sua ...continuar

    Una bella storia d'azione, ben raccontata, che si legge come si vede un film. Questo detto, non mi ha comunicato nessuna emozione. Il modo di scrivere è molto maschile e, a mio parere, freddo. La sua passione per il definire ogni oggetto con la marca e il modello è solo un piccolo fastidio. In cambio racconta avventure basate sulla realtà, perciò stimola gli approfondimenti, e anche questo non è poco.

    dito em 

  • 3

    Avvincente e veloce da leggere, con una trama classica alimentata da numerosi colpi di scena. Forse un numero esagerato di personaggi principali, ma tutti con un buono spessore psicologico. Anche la ...continuar

    Avvincente e veloce da leggere, con una trama classica alimentata da numerosi colpi di scena. Forse un numero esagerato di personaggi principali, ma tutti con un buono spessore psicologico. Anche la varietà dei temi è molto ampia, si va dall'avventura archeologica passando per l'azione militare e spionistica arrivando anche parti fantastiche o fantascientifiche. Non un solo genere quindi, ma una strizzatina d'occhio per un pubblico eterogeneo a cui piace evadere con la lettura. Questa non è mi faticosa, tende spesso a rilassarti ed i rompicapo risultano piacevoli sebbene non troppo sostenuti. Facile calarsi all'interno delle varie location descritte durante lo sfoglio delle pagine, forse eccessive per poter arrivare indenni al risultato finale. Alcune sezioni del libro risultano prolisse o ripetitive, ma nel complesso possiamo dire di non fare nessuna fatica per portare la lettura alla fine. Rollins però sa il fatto suo e pur mancando di originalità riesce a rendere la storia appetibile e nuova proprio grazie al mix di più generi e più personaggi. Sai già cosa aspettarti, ma lo fai con gioia.

    dito em 

Sorting by