Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Procurar Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

A Coisa

Por

Editor: Objetiva

4.4
(8153)

Language:Português | Number of Páginas: 749 | Format: Paperback | Em outros idiomas: (outros idiomas) English , Spanish , Italian , German , Chi traditional , Swedish , Russian , Dutch , Turkish , Polish , Croatian , Czech

Isbn-10: 8573023104 | Isbn-13: 9788573023107 | Data de publicação: 

Translator: Louisa Ibañez

Category: Fiction & Literature , Horror , Science Fiction & Fantasy

Do you like A Coisa ?
Junte-se ao aNobii para ver se os seus amigos já o leram, e descubra livros semelhantes!

Registe-se gratuitamente
Descrição do livro
Foi em 1958, na pacata Derry, que eles aprenderam o real sentido de algumas palavras. Foi ao longo de junho de 1958, durante as férias escolares, que Bill, Richie, Stan, Mike, Eddie, Ben e Beverly descobriram o que significa amizade, amor, confiança e...medo. O mais profundo e tenebroso medo. Naquele verão, eles enfrentaram pela primeira vez a Coisa, um ser sobrenatural e maligno que deixa em Derry terríveis marcas de sangue. Quase trinta anos depois, eles voltam a se encontrar. Uma nova onda de terror avassala a pequena cidade e somente eles são capazes de enfrentar e vencer a Coisa. O tempo é curto. No entanto, eles vão até o fim, mesmo que isso signifique ultrapassar os próprios limites.
Sorting by
  • 4

    Ottimo lavoro anche se mi attendevo qualcosa di più...

    Recensione completa su:

    http://evasioneletteraria.blogspot.it/2014/12/ebook-it-di-stephen-king.html

    dito em 

  • 5

    Tutto il nostro bagaglio

    Quello che siamo, che saremo, e come battono i nostri cuori ce lo dicono Ben, Bill, Bev, Stan, Mike, Eddie e Richie. La centralità dell'infanzia/pubertà nelle nostre vite, una promessa ineluttabille fatta da bambini e mantenuta da adulti, un amore vero che muove le sorti di tutti. Derry la cittad ...continuar

    Quello che siamo, che saremo, e come battono i nostri cuori ce lo dicono Ben, Bill, Bev, Stan, Mike, Eddie e Richie. La centralità dell'infanzia/pubertà nelle nostre vite, una promessa ineluttabille fatta da bambini e mantenuta da adulti, un amore vero che muove le sorti di tutti. Derry la cittadina cieca che implode su se stessa e che libera le catene di un vincolo trentennale.

    dito em 

  • 5

    Capolavoro assoluto della letteratura horror, It è l'incarnazione del male assoluto e riesce a rendere benissimo quanto possano essere sconvolgenti i mostri della nostra infanzia.

    Ha due chiavi di lettura, quella metaforica è forse addirittura più forte di quella letteraria.

    dito em 

  • 5

    Fa accapponare la pelle

    Questo libro mi ha fatto più paura di un film horror. Le scene descritte da Stephen King erano così vivide da farmi guardare continuamente alle spalle mentre lo leggevo.
    L'ho adorato, soprattutto per la maestria con cui l'autore è riuscito a muovere in parallelo le vicende dei sei bambini e ...continuar

    Questo libro mi ha fatto più paura di un film horror. Le scene descritte da Stephen King erano così vivide da farmi guardare continuamente alle spalle mentre lo leggevo.
    L'ho adorato, soprattutto per la maestria con cui l'autore è riuscito a muovere in parallelo le vicende dei sei bambini e dei sei adulti, di cui è riscito a descrivere con precisione le caratteristiche fondamentali di ognuno di loro e la successiva evoluzione in età adulta, facendo si che tutto finisse com'era iniziato.

    dito em 

  • 5

    Stanno stretti sotto i letti sette spettri a denti stretti.

    Mia sorella provò a dirmi svariate volte che “IT è non è come gli altri film horror, parla anche d’amicizia perché ci sono dei bambini che... " prima che io la interrompessi, puntualmente, per dirle che no, comunque non avevo interesse a vederlo perché convinta che si trattasse della class ...continuar

    Mia sorella provò a dirmi svariate volte che “IT è non è come gli altri film horror, parla anche d’amicizia perché ci sono dei bambini che... " prima che io la interrompessi, puntualmente, per dirle che no, comunque non avevo interesse a vederlo perché convinta che si trattasse della classica trama splatter (“un clown che uccide, oooh, che paura”) con l’aggiunta di qualche sentimento a buon mercato.
    Se mia madre non avesse comprato quel tomo da 1238 pagine che è IT (“perché costava €2 al Mercatino dell’Usato e magari tua sorella vuole leggerlo”), se quel pomeriggio d'inverno non fossi stata annoiata, e se non avessi la mania quasi ossessiva di leggere qualsiasi cosa mi capiti a tiro (etichette, istruzioni... trame dei libri) non avrei iniziato a leggere quel librone ingiallito, stropicciato e dal dorso spiacevolmente piegato buttato a caso sulla scrivania, e avrei perso il piacere di scoprire una delle più grandi storie mai state scritte.
    Non potevo essere più in errore credendo che IT parlasse di un pagliaccio assassino che tagliuzza ragazzini per diletto. IT, per dirla tutta, non dovrebbe nemmeno chiamarsi così; THEY sarebbe un titolo più che appropriato.
    Perché IT non racconta una, ma dozzine di storie, di bambini vittime e carnefici, eroi e codardi; di adulti che dimenticano ma devono ricordare, di un passato e di un futuro che non potrebbero essere più dipendenti di quanto non lo siano l'uno dall'altro; IT narra di amicizie nate per caso ma unite dal destino, di amori genuini che trapassano il tempo e la memoria, di orrori che si ripetono come si ripetono gli errori umani. Si parla del crescere e del tornare bambini, della fuga e della lotta, dell'innocenza e della colpa, del gioco e del dovere, della spensieratezza e della serietà. Di vita e di morte e di vita oltre la morte.
    Per me, IT è il Libro. IT IS.

    dito em 

  • *** Este comentário contém <i>spoilers</i>! ***

    3

    continuo a provarci ma con King proprio non c'è feeling. Premetto di aver visto prima film e poi di aver letto il libro It, e questo mi rovina sempre le letture. Ma la scrittura di King è veramente troppo prolissa, troppo lenta. Quello che invece ho sicuramente apprezzato del romanzo sono i temi ...continuar

    continuo a provarci ma con King proprio non c'è feeling. Premetto di aver visto prima film e poi di aver letto il libro It, e questo mi rovina sempre le letture. Ma la scrittura di King è veramente troppo prolissa, troppo lenta. Quello che invece ho sicuramente apprezzato del romanzo sono i temi trattati, come la forza e l'importanza dell'amicizia e come in ogni città si possa celare un "mostro", una forza oscura che rende le persone ed i luoghi loro stessi dei mostri. C'è un punto che ho trovato però di cattivo gusto spoiler ed è sicuramente in cui nel libro viene descritta (seppur in modo delicato e mai troppo esplicito) una scena di sesso tra ragazzini di 10/11 anni. Questo l'ho trovato fuori luogo, immaginare una ragazzina di giovane età che, seppur la situazione abbia trasformato per un'estate lei e i suoi amici in piccoli adulti, che per uscire dal quel Dedalo super intricato delle fogne...si sia dovuta offrire ai suoi amici. Quest'immagine l'avrei evitata.

    dito em 

  • 4

    ho riletto IT dopo veramente tanti anni dalla prima lettura e ne è valsa la pena; è rimasta intatta l'impressione di un meccanismo perfettamente studiato e realizzato, che non ti permette di distogliere l'attenzione malgrado le mille e passa pagine. Ma in più sono riuscita ad apprezzare in pieno ...continuar

    ho riletto IT dopo veramente tanti anni dalla prima lettura e ne è valsa la pena; è rimasta intatta l'impressione di un meccanismo perfettamente studiato e realizzato, che non ti permette di distogliere l'attenzione malgrado le mille e passa pagine. Ma in più sono riuscita ad apprezzare in pieno la storia di amicizia e lealtà, la tenerezza con cui l'autore descrive i suoi personaggi, senza farmi distrarre dall'"Horror", pure proposto con la maestria di Stephen King. Un bel libro.

    dito em 

Sorting by