Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Procurar Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

A Coisa

Por

Editor: Objetiva

4.4
(8361)

Language:Português | Number of Páginas: 749 | Format: Paperback | Em outros idiomas: (outros idiomas) English , Spanish , Italian , German , Chi traditional , Swedish , Russian , Dutch , Turkish , Polish , Croatian , Czech

Isbn-10: 8573023104 | Isbn-13: 9788573023107 | Data de publicação: 

Translator: Louisa Ibañez

Category: Fiction & Literature , Horror , Science Fiction & Fantasy

Do you like A Coisa ?
Junte-se ao aNobii para ver se os seus amigos já o leram, e descubra livros semelhantes!

Registe-se gratuitamente
Descrição do livro
Foi em 1958, na pacata Derry, que eles aprenderam o real sentido de algumas palavras. Foi ao longo de junho de 1958, durante as férias escolares, que Bill, Richie, Stan, Mike, Eddie, Ben e Beverly descobriram o que significa amizade, amor, confiança e...medo. O mais profundo e tenebroso medo. Naquele verão, eles enfrentaram pela primeira vez a Coisa, um ser sobrenatural e maligno que deixa em Derry terríveis marcas de sangue. Quase trinta anos depois, eles voltam a se encontrar. Uma nova onda de terror avassala a pequena cidade e somente eles são capazes de enfrentar e vencer a Coisa. O tempo é curto. No entanto, eles vão até o fim, mesmo que isso signifique ultrapassar os próprios limites.
Sorting by
  • 4

    La paura ha le forme che noi vogliamo darle

    Un mostro multiforme che vive dall’inizio del tempo nelle fogne di Derry nel Maine e ama presentarsi nelle sembianze di un clown torna ciclicamente x uccidere dei bambini. Un gruppo di ragazzini, unit ...continuar

    Un mostro multiforme che vive dall’inizio del tempo nelle fogne di Derry nel Maine e ama presentarsi nelle sembianze di un clown torna ciclicamente x uccidere dei bambini. Un gruppo di ragazzini, uniti da una salda amicizia, lo combatte e lo ricaccia nell’oscurità. Gli stessi ragazzini, divenuti adulti, ancora si uniscono x combattere e sconfiggere il Male, anche a prezzo delle loro vite. Monumentale opera di King in cui si fondono due romanzi, sull’infanzia e l’età adulta, sull’amicizia e la solidarietà, che unite possono combattere i fantasmi della Paura, che si nasconde in ciascuno di noi ed assume le forme che noi vogliamo darle. I libri di King hanno una peculiarità unica: è più coinvolgente la descrizione degli eventi che fanno da corollario al fatto saliente (magistrale la descrizione dell’alluvione di Derry), che il fatto stesso. Stupendo romanzo sull’infanzia in cui tutti possiamo trovare un pezzetto della nostra: gli amici, l’avventura, i giochi segreti proibiti dai nostri genitori. Forse è scontata solo la morale: la lotta del Bene contro il Male fino all’inevitabile trionfo.

    dito em 

  • 4

    Derry, una città infestata?

    La mente geniale di King in un romanzo forse troppo prolisso che comunque non vi lascerà mai riprendere fiato durante la lettura, un pozzo (o forse una cisterna...) senza fondo di terrore. Consigliato ...continuar

    La mente geniale di King in un romanzo forse troppo prolisso che comunque non vi lascerà mai riprendere fiato durante la lettura, un pozzo (o forse una cisterna...) senza fondo di terrore. Consigliato

    dito em 

  • 4

    Primo approccio con il Re dell'orrore! Soddisfatta!

    Ho scelto IT come primo approccio per scoprire l'inquietante mondo di Stephen King e devo dire che sono rimasta molto contenta della scelta! Io consiglio a tutti questo libro che più che una lettura l ...continuar

    Ho scelto IT come primo approccio per scoprire l'inquietante mondo di Stephen King e devo dire che sono rimasta molto contenta della scelta! Io consiglio a tutti questo libro che più che una lettura la definirei una vera e propria AVVENTURA a 360°. Impossibile non restare attaccati a questa storia, impossibile provare a non affezionarsi ad ogni singolo protagonista che l'autore ti presenta altrettanto impossibile è non farsi colpire e avvolgere dalla paura; paura del luogo, di It ma soprattutto delle persone. Una paura che non conoscevo fino a quando non ho letto It. Sottile, intelligente, travolgente e inquietante ecco lo stile di scrittura che usa Stephen King in questo libro e credo siano proprio queste le caratteristiche che lo legano alla sua nomea di Re dell'orrore. Mi ha colpito soprattutto il suo modo intelligente di narrare una storia complessa, ma molto scorrevole! la loro avventura è diventata la mia avventura, la loro ricerca di IT e la loro voglia di combattere la paura è diventata anche la mia. Una volta finito il libro mi è mancato ogni singolo personaggio della storia! Non vedo l'ora di leggere un altro libro di Stephen King!!

    dito em 

  • 3

    Stefano. Sii sincero. Io sono a metà. Ma se togliessimo tutte le parole che non c'entrano, quante pagine lasciamo di queste prime 650...? Già duecento mi sembrano tante... Ma ti pagano a cottimo ...?
    ...continuar

    Stefano. Sii sincero. Io sono a metà. Ma se togliessimo tutte le parole che non c'entrano, quante pagine lasciamo di queste prime 650...? Già duecento mi sembrano tante... Ma ti pagano a cottimo ...?
    ***
    Si impara, dopo un po', a scorrere questo libro. Un po' come quando si va al fiume, e sasso dopo sasso si salta l'acqua (non profonda) tra l'uno e l'altro.
    Qui si saltano pagine (non profonde) tra l'uno e l'altro dialogo, deviazione, punto importante.
    Pero', che noia.
    ***
    Un'opera che ha richiesto quattro lunghi anni per essere composta non andrebbe liquidata con poche frasi.

    Oggettivamente non si puo' dire che non sia molto interessante, scritta con grande tecnica, giochi di rimandi, attenzione al dettaglio, invenzioni visive ardite, capacità di gestire coralmente un elevato numero di personaggi, salti di registro anche piacevoli, capacità di scrittura con timbri diversi, qualche invenzione sintattica, un po' di morbosità sparsa qui e la'.

    Soggettivamente non vedevo l'ora che finisse tutto questo spreco di tempo su un tema cosi' insulso.

    dito em 

  • 0

    Alla cinquecentonovantaseiesima vocetta di Richie ho detto basta, per il momento lo mollo. Le parti coinvolgenti sono intervallate da troppi pantani descrittivi in cui non succede nulla. Spero di ripr ...continuar

    Alla cinquecentonovantaseiesima vocetta di Richie ho detto basta, per il momento lo mollo. Le parti coinvolgenti sono intervallate da troppi pantani descrittivi in cui non succede nulla. Spero di riprenderlo e finirlo in futuro.

    dito em 

  • 0

    Quelli della mia "risma" e i best sellers

    Un libro per ragazzi, un’avventura horror sulle corde salde dell’amicizia, nell’eterno dualismo fra bene e male. Una narrazione fluida e incalzante, un montaggio cinematografico (per il genere) funzi ...continuar

    Un libro per ragazzi, un’avventura horror sulle corde salde dell’amicizia, nell’eterno dualismo fra bene e male. Una narrazione fluida e incalzante, un montaggio cinematografico (per il genere) funzionale e ineccepibile.
    Indubbiamente io sono out of category e il piacere limitato durante la lettura di queste 1130 pagine è intrinseco all’età. Il fatto è che il buon Cristiano Cavina, lo scrittore, di cui ho apprezzato la felliniana esuberanza dei suoi primi libri, un giorno, davanti ai sublimi pasticcini di Arione, antica e rinomata pasticcieria di Cuneo, mi consigliò vivamente di leggere It, perché lettori della mia “risma” finivano sempre per snobbare gente da best sellers come Stephen King & C, rischiando così di limitare gli strumenti per giudicare altri scrittori considerati di maggiore spessore e profondità dai critici letterari e da quelli come me. Fu un suggerimento pungolante che rimase in rimessa per un tot di anni, finché un regalo inatteso ha portato IT direttamente nel mio e-book.
    Mi sono divertita? Si, in media misura.
    Ho apprezzato i passaggi in cui l’ironia guizza leggera come il ridere, nello sguardo nudo e “puro” della preadolescenza, e il suo impattare con i traumi infantili, l’inadeguatezza, il bullismo, genitori soffocanti o assenti, le grandi paure, il male. Ho apprezzato le mani nude e due scatole di fiammiferi di fronte all’orrore indicibile.
    Un lembo di paura mi ha colto impreparata solo un attimo, poi l’età adulta ha raffreddato e ridicolizzato un po’, in qua e in là, anche se ho cercato di essere il più aperta e disponibile possibile. Di essere indulgente. E' stata dura indulgere quando si è giunti alla rivelazione finale.

    Mi ha lasciato un qualche "strumento" in più? Al momento non saprei dirlo.

    dito em 

  • 4

    Ho finalmente finito IT.
    Senza pregiudizi: il libro è troppo, troppo lungo e pieno di inutile infodump; alla fine la storia è semplicissima, ma riesce a lasciare molti interrogativi aperti. Non è un b ...continuar

    Ho finalmente finito IT.
    Senza pregiudizi: il libro è troppo, troppo lungo e pieno di inutile infodump; alla fine la storia è semplicissima, ma riesce a lasciare molti interrogativi aperti. Non è un brutto libro, perchè comunque riesce a farti mantenere la curiosità su dove voglia andare a parare, ma si perde troppo in stronzate.
    Pennywise è un grandissimo bel personaggio, ogni volta che appare è capace di catalizzare tutta l'attenzione su di sé in maniera strabiliante.
    Finale un po' meh.

    Voto: 3 e 1/2 su 5

    dito em 

  • 3

    Mi piace leggere i libri di King, ma in quelli che ho letto mi pare di notare un crescendo che si chiude un po' troppo frettolosamente. Il "mostro" che diventa sempre più cattivo e potente poi viene s ...continuar

    Mi piace leggere i libri di King, ma in quelli che ho letto mi pare di notare un crescendo che si chiude un po' troppo frettolosamente. Il "mostro" che diventa sempre più cattivo e potente poi viene sconfitto fin troppo facilmente.
    Bruttissima, a mio parere, la scena dei bambini dopo aver sconfitto la prima volta It per riprendere coraggio e uscire.

    dito em 

Sorting by
Sorting by