Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

A Doll's House

(Dover Thrift Editions)

By

Publisher: Dover Publications

4.0
(3257)

Language:English | Number of Pages: 72 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Italian , German , Spanish , Norwegian , French , Slovenian , Greek , Finnish , Korean , Portuguese

Isbn-10: 0486270629 | Isbn-13: 9780486270623 | Publish date:  | Edition New

Also available as: Hardcover , Audio Cassette , Audio CD , School & Library Binding , Others , eBook

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Social Science

Do you like A Doll's House ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
One of the best-known, most frequently performed of modern plays, displaying Ibsen’s genius for realistic prose drama. A classic expression of women’s rights, the play builds to a climax in which the central character, Nora, rejects a smothering marriage and life in "a doll’s house." Publisher’s Note. Contents. Dramatis Personae.
Sorting by
  • 3

    7/10

    Non mi piace leggere copioni e questo in particolare non è tra i miei preferiti, ma davvero non capisco l'odio verso Nora che trasuda da certe recensioni, che la accusano di essere (cito a spanne) "un ...continue

    Non mi piace leggere copioni e questo in particolare non è tra i miei preferiti, ma davvero non capisco l'odio verso Nora che trasuda da certe recensioni, che la accusano di essere (cito a spanne) "un pessimo modello femminista". Sarò stupida io, ma leggendo non ho avuto l'impressione che Ibsen proponesse Nora come un modello di vita per le sue lettrici (anzi): è una donna ingenua se non proprio stupida, e la sua scelta finale IMO non è stata concepita dall'autore come l'unica scelta Corretta e Morale (?) per qualsiasi donna sempre e comunque, ma semplicemente la cosa più logica da fare in quella particolare situazione per il suo personaggio, che ripeto è ben lungi dall'essere il tabernacolo di virtù a cui ogni donna dovrebbe aspirare. Nora non è la donna perfetta e non fa "la cosa giusta", fa semplicemente ciò che crede di dover fare per sfuggire a una situazione di abusi domestici, una scelta per cui non credo dovrebbe essere biasimata come non deve esserlo nessuna altra donna che si trovi nella sua situazione nella vita reale.
    Sotto questo punto di vista, ho trovato il dramma ben costruito e riuscito.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    2

    Sopravvalutatissimo il personaggio di Nora, presa a icona di un protofemminismo secondo me quasi del tutto immaginario. Sì, è vero, alla fine se ne va di casa, ma la conclusione è ambigua, e soprattut ...continue

    Sopravvalutatissimo il personaggio di Nora, presa a icona di un protofemminismo secondo me quasi del tutto immaginario. Sì, è vero, alla fine se ne va di casa, ma la conclusione è ambigua, e soprattutto nessun segnale di un’evoluzione interiore si poteva carpire prima del famoso dialogo col marito, messo lì come una lucida disanima sul matrimonio, punto per punto. Le didascalie non offrono grandi indizi in merito, come anche i monologhi. Nora sembra presa da un’epifania improvvisa, che però non può convincere del tutto, vista la superficialità e l’inconsistenza del personaggio fino a quel momento.

    said on 

  • 5

    Quasi in chiave fiabesca e delicata racconta la difficile condizione femminile dell'epoca (e non solo). Per donne e per uomini, soprattutto per quelli più ottusi. Molto bello, invita alla riflessione. ...continue

    Quasi in chiave fiabesca e delicata racconta la difficile condizione femminile dell'epoca (e non solo). Per donne e per uomini, soprattutto per quelli più ottusi. Molto bello, invita alla riflessione.

    said on 

  • 5

    Donna

    Visto e rivisto in versione teatrale e sempre apprezzato.
    Trovo eccezionale la "rivalsa" finale di Nora, magistralmente resa da Ibsen.
    Molte donne del nostro tempo avrebbero di che imparare, ma ques ...continue

    Visto e rivisto in versione teatrale e sempre apprezzato.
    Trovo eccezionale la "rivalsa" finale di Nora, magistralmente resa da Ibsen.
    Molte donne del nostro tempo avrebbero di che imparare, ma queste non leggeranno mai "Casa di bambola", purtroppo!

    said on 

  • 0

    Esta obra de teatro fue representada por primera vez en 1879. No me extraña que como se refleja en la sinopsis, esta obra produjera una gran controversia. Desde luego el final de la obra no dejaría in ...continue

    Esta obra de teatro fue representada por primera vez en 1879. No me extraña que como se refleja en la sinopsis, esta obra produjera una gran controversia. Desde luego el final de la obra no dejaría indiferente a nadie, sobre todo en esa época. Y creo que en ésta también lo haría.
    Una obra excepcional por su sencillez, e disfrutado recreándome en los personajes. Y todavía estoy impactada con el final.

    said on 

  • 4

    [H. Ibsen, Casa di bambola] Scritto dal norvegese Henrik Ibsen nel 1879, il testo teatrale «Casa di bambola» rappresenta una forte messa in discussione dei tradizionali ruoli dell'uomo e della donna n ...continue

    [H. Ibsen, Casa di bambola] Scritto dal norvegese Henrik Ibsen nel 1879, il testo teatrale «Casa di bambola» rappresenta una forte messa in discussione dei tradizionali ruoli dell'uomo e della donna nell'ambito del matrimonio in piena epoca vittoriana conservando una straordinaria validità ancora oggi. Considerato il padre della drammaturgia moderna per aver portato nel teatro la dimensione più intima della borghesia ottocentesca, mettendone a nudo le contraddizioni e l’idea di superiorità dell’uomo rispetto alla donna, di questa commedia egli scriverà «ci sono due tipi di leggi morali, due tipi di coscienze, una in un uomo e un'altra completamente differente in una donna. L'una non può comprendere l'altra; ma nelle questioni pratiche della vita, la donna è giudicata dalle leggi degli uomini, come se non fosse una donna, ma un uomo.» Un’opera fondamentale in cui è presentata la situazione familiare di Nora e di suo marito Torvald Helmer il quale ha trovato un nuovo lavoro e permette, così, alla moglie di spendere qualcosa in più. In realtà, la famiglia non è povera ma aspira ad una posizione sociale ed economica migliore. Questo porta, però, ad una vita fatta di ipocrisie, di falsi sorrisi e di un attaccamento esagerato al denaro. Per continuare a godere di un tale benessere, Nora compie un atto illecito e riprovevole per una donna dell’Ottocento: firmare un prestito per il marito a nome di suo padre ormai morto. E qui, mi fermo. Con la sola e quanto mai sadica intenzione di lasciare, a coloro i quali non hanno ancora avuto modo di conoscerla, il tempo di scoprirla e gustarla nella sua originalità. Torno a Nora e a quel focolare che irradia felicità. Qualcosa che si dimentica presto sopraffatti dalla potenza delle parole che scaglia contro il marito. Nora trasforma la vita servendosi della gioia, dell’eccitazione per il gioco e della fantasia. Trasforma il passato: della falsificazione fa un atto di eroismo nei confronti del consorte e, soprattutto, di un padre che non c’è. Un padre che sostiene di amare ma che, lasciandosi trasportare da un’amarezza melodrammatica, insulta nella tomba e che, dunque, non può difendersi. Trasforma il presente: muta ogni istante attraverso la menzogna e l’artificio, con grande abilità. Inventa il futuro. Gioca, gioca sempre la “piccola” Nora: con le persone che la circondano e con sé stessa. Eppure, non c’è un vero spazio per quegli atti di eroismo ai quali lei si appella. Molti parlano di dramma: di un uomo possessivo e disattento, di una donna che si oppone al ruolo di giocattolo e di piacevole svago; di un autore, Ibsen appunto, fondamentalmente conservatore e tradizionalista il quale rimprovera ad Helmer l’incapacità ad affermarsi nella coppia come un “padre e padrone”. Lo ammetto, ho qualche dubbio. Per me, questa è una commedia. Il matrimonio di Nora non è affatto infelice e non lo diventerà in avvenire. Qui non si assiste ad una tragica lotta tra i due sessi al termine della quale uno prevarrà sull'altro. Semplicemente, si assiste ad un frammento in cui svariate esistenze si incontrano e si confrontano; un pezzo di vita osservato dall'alto e da cui parole ed azioni risultano, spesso, ridicole. Ma un sorriso benevolo ed affettuoso. Una tragicità può risiedere nel modo in cui emerge in superficie la certezza che parole e gesti, per quanto convincente sia il modo in cui vengono presentati, non dicono nulla dell’uomo la cui vera essenza resta nascosta nelle più remote profondità del suo essere. Al contrario, ciò che rimane si può reinventare e mutare sempre: in questo, Nora è bravissima. La sua essenza è fatta di felicità, meraviglioso e gioco.

    said on 

  • 4

    Breve e conciso!
    Interessante che sia un libro scritto nell'Ottocento e che tratti con una certa modernità argomenti come la donna-oggetto!Trovo che la trama sia stata ben strutturata pur essendo essa ...continue

    Breve e conciso!
    Interessante che sia un libro scritto nell'Ottocento e che tratti con una certa modernità argomenti come la donna-oggetto!Trovo che la trama sia stata ben strutturata pur essendo essa piuttosto semplice,mi piace molto come si intrecciano i fatti!Molto bella la parte finale anche se forse un pò troppo rapida..non so,il personaggio di Nora sembra cambiare troppo rapidamente,ma alla fine credo sia lo stesso Ibsen che l'abbia voluto!;) Niente da dire,un bel libro!

    said on 

  • 4

    QUEL CHE OGNI DONNA DOVREBBE SAPERE

    Da leggere prima o dopo il matrimonio? Boh...da leggere per capire...anche se alcuni meccanismi nella coppia attuale si sono modificati almeno esteriormente, ma sotto sotto strisciano un po'inconsci u ...continue

    Da leggere prima o dopo il matrimonio? Boh...da leggere per capire...anche se alcuni meccanismi nella coppia attuale si sono modificati almeno esteriormente, ma sotto sotto strisciano un po'inconsci un po'consci ma non detti...da leggere sprattutto come donne per capire qualcosa di noi stesse...magari anche per una nuova generazione di uomini, smarcati o che si vogliono smarcare da una tradizione che perde il suo valore perchè stereotipo coercitivo.
    Troppo dura? Forse...

    said on 

  • 5

    Attualissimo e lucido

    nelle tematiche...."....Intendo dire che dalle mani di mio padre passai nelle tue: tu sistemavi tutto a tuo gusto, e così
    ebbi anch'io i tuoi stessi gusti, oppure feci finta di averli, non so bene... ...continue

    nelle tematiche...."....Intendo dire che dalle mani di mio padre passai nelle tue: tu sistemavi tutto a tuo gusto, e così
    ebbi anch'io i tuoi stessi gusti, oppure feci finta di averli, non so bene... Credo tutte e due le cose insieme, ora l'una e ora
    l'altra. Se ora ci penso, mi sembra di avere vissuto qui come una poveretta... alla giornata. Scopo della mia vita era
    quello di far la buffona per te. Ma sei stato tu a volere così. Tu e papà avete commesso un grosso peccato nei miei
    riguardi. É colpa vostra se son diventata quella che sono."

    said on 

Sorting by