A Game of Thrones

Book 1 of a Song of Ice and Fire

By

Publisher: Voyager

4.5
(5942)

Language: English | Number of Pages: 864 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Spanish , Czech , Dutch , Chi traditional , Polish , Swedish , Italian

Isbn-10: 0007428545 | Isbn-13: 9780007428540 | Publish date: 

Also available as: Mass Market Paperback , Hardcover , Audio Cassette , Others , eBook , Audio CD

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Do you like A Game of Thrones ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Kings and quuens, knights and renegades, liars, lords and honest men. All will play the Game of Thrones.

Summer span decades. Winter can last a lifetime. And the struggle for the Iron Throne has begun. It will stretch from the south, where heat breeds plot, lusts and intrigues; to the vast frozen north, where a 700-foot wall of ice protects the kingdom from the dark dorces that lie beyond.
The Game of Thrones.
You win, or you die.

Book One of A Song of Ice and Fire begins the greatest fantasy epic of the modern age.
Sorting by
  • 5

    Pornografia testuale

    Ora, non vorrei passare per quello che si ferma alle superficie e non guarda al contenuto. Non vorrei proprio, e devo dire che, date certe mie altre letture, potrei passare per ipocrita. La serie dell ...continue

    Ora, non vorrei passare per quello che si ferma alle superficie e non guarda al contenuto. Non vorrei proprio, e devo dire che, date certe mie altre letture, potrei passare per ipocrita. La serie della HBO, che mi sono scofanato al ritmo di una stagione e mezza al giorno grazie al cofanetto della morosa, mi aveva preparato, va bene, dovevo aspettarmelo. E però... Sul serio!
    Pornografia.
    Pornografia pura, come un mattone di cocaina finissima, pornografia negli scenari e pornografia nelle scene, specialmente quando si parla di vestiario e araldica, di battaglie e di manierismi. Pornografia che mira ai bassi istinti del lettore smanioso di fantasia realistica e post-tolkieana, che fa di tutto per titillare i di lui recettori narrativi con fiotti di dettagli minuziosi, fini, incastonati in un'ambientazione che ormai è al paro con Arda come fama, e a ragione.
    Ebbene, la pornografia vende, in forma di libro come no. Lo scenery porn, come sua variante dal sapore squisitamente tecnico-letterario, pure, naturalmente. È saputo. Certo, c'è pornografia e pornografia...
    Cento a uno, si tratta di un povero tentativo di sbancare sul listello del giornalone nazionale. Nei restanti casi, è George R. R. Martin, e il libro vende comunque, anche se è un mattone di ottocento pagine di sfacciatissimo capolavoro in formato anti-tascabile.
    Ma va bene, va bene: è un mattone facilmente digeribile. Croce sul cuore, parola di lupetto: ve lo farete fuori in tre pomeriggi, e se ci metterete di più sarà solo perché v'hanno sgamato troppe volte a leggere di straforo al lavoro e ora rischiate il posto. Tanto bello è che proverete a portarvelo anche a mollo nella vasca, col suo formato A4 copertina in lega di cartone rigido (cosa che vi sconsiglierei, dato l'imbarazzo ergonomico e ed etico, ma allora farei la figura dell'ipocrita).
    E anche a chi si fosse spoilerato tutto lo spoilerabile guardando la trasposizione televisiva piacerà. Ne son più che sicuro: nel peggiore dei casi, non vi accorgerete dei meravigliosi passaggi descrittivi e della narrativa esperta di Martin, e vi riraffigurerete le scene della produzione HBO; nel migliore, vi verrà voglia di immergervi ancora di più nella mitologia dei Sette Regni, e spenderete ore e ore del vostro prezioso tempo libero a memorizzare le genealogie di tutte le grandi Case (e vi piacerà, o se vi piacerà). Robe da uscirsene maniaci, garantisco io.
    E della trama... Cosa volete che vi dica? Al gioco del trono o si vince o si muore, e già solo questa frase dovrebbe farvi capire che se stessi qui a spiegarvela tutta, primo ci lascerei le giornate, secondo rischierei poi di ricevere da voi carte-bomba. E non va bene, perché devo ancora leggermi gli altri quattro palinsesti (e i due che verranno poi).
    Ed ecco, sì. Mi è piaciuto. Tanto. Un capolavoro non adatto ai tradizionalisti del fantasy, ma perfetto per chi del genere conosce vita, morte e miracoli. In ogni caso, godibile anche dai più timorosi benauguranti di questo filone così importante della nostra tradizione narrativa contemporanea.

    said on 

  • 5

    Fuori dagli schemi

    Al di là di tutto ciò che concerne la serie televisiva, devo dire che questo libro mi ha aperto gli occhi: da un certo punto in poi, mi sono resa conto di essermi ormai assuefatta negli anni ad una se ...continue

    Al di là di tutto ciò che concerne la serie televisiva, devo dire che questo libro mi ha aperto gli occhi: da un certo punto in poi, mi sono resa conto di essermi ormai assuefatta negli anni ad una serie di schemi narrativi e di "paletti" che in questo libro vengono allegramente scavalcati. Non voglio fare spoiler, mi limito a dire che, dopo aver letto quel che c'è finora di questa saga, molti altri romanzi mi sono apparsi decisamente scontati e banali.

    said on 

  • 0

    Al gioco del trono o si vince o si muore

    e questo Martin lo ha fatto capire ai lettori molto velocemente.E' l'unico libro che ho gettato ai piedi del letto dopo appena una trentina di pagine per poi telefonare ed insultare chi me lo aveva re ...continue

    e questo Martin lo ha fatto capire ai lettori molto velocemente.E' l'unico libro che ho gettato ai piedi del letto dopo appena una trentina di pagine per poi telefonare ed insultare chi me lo aveva regalato. Non era possibile.Abituata a Stephen King pensavo di aver letto tutto in quanto a morti improvvise dei miei personaggi preferiti...fino a Martin.In effetti avendone letto tutti i libri pubblicati finora mi rendo conto che le sue morti sono tutte logiche.Tutti ,anche se solo per un attimo, hanno smesso di giocare, chi per lealtà chi per superficialità chi per aver sottovalutato il nemico, alla fine se sbagli muori.
    A Song of Ice and Fire non è per tutti. Bisogna essere lettori capaci di seguire più intrecci narrativi, lettori appassionati capaci di passare la notte a leggere . George R.R. Martin ha definitivamente sdoganato il filone fantasy , non è più letteratura di serie B ma di una A piena. I personaggi hanno tutti un notevole spessore psicologico, sono profondi , complessi, mai banali. Ci si immedesima talmente in essi che tutto sembra permesso , anche un incesto o un infanticidio. I dialoghi sono avvincenti così come le parti descrittive.Per chi volesse iniziare a leggere la saga dopo aver visto la serie in tv deve sapere che fino ad un certo punto le trame sono simili, poi si discostano notevolmente , questo per esigenze televisive .Personalmente preferisco i libri anche se grazie alla serie ho potuto visualizzare i personaggi .

    said on 

  • 4

    下集看更快了,劇情開始緊湊
    還是只能說媒體人真的是不手軟的殺掉許多以為的主角啊
    忍不住難過一下
    主人翁年紀都好小 國中生就帶兵打仗 被迫結婚 真是小說世界

    said on 

  • 0

    Non riesco a finirlo... è bello, per carità, veramente ben scritto e coinvolgente... però boh, forse mi sono un po' venute a noia queste storie, ho visto la prima stagione della serie TV e conosco qui ...continue

    Non riesco a finirlo... è bello, per carità, veramente ben scritto e coinvolgente... però boh, forse mi sono un po' venute a noia queste storie, ho visto la prima stagione della serie TV e conosco quindi la trama... Insomma, non mi appassiona, non so se continuerò

    said on 

  • 0

    Il primo che sento dire che il fantasy è un genere letterario minore, lo uccido (e vi assicuro che Martin riguardo a questo offre degli spunti veramente interessanti...)
    Quest'uomo è stato capace di c ...continue

    Il primo che sento dire che il fantasy è un genere letterario minore, lo uccido (e vi assicuro che Martin riguardo a questo offre degli spunti veramente interessanti...)
    Quest'uomo è stato capace di creare un mondo vero, con le sue terre, i suoi confini, le sue leggi e la sua storia, un mondo popolato dai personaggi più diversi, caratterizzato dalle usanze più affascinanti, un mondo che ti cattura attraverso le vicende di varie famiglie, varie generazioni, ciascuna con la propria voce narrante, ciascuna con la propria battaglia da portare avanti, contro i nemici e più spesso contro se stessi.
    Non vedo l'ora di tornare a Westeros.

    said on 

  • 5

    Winter is coming

    All'inizio ero scettica all'idea di iniziare l'ennesima saga fantasy, per giunta ancora in corso d'opera... la mia migliore amica aveva già divorato il primo libro e così mi sono lasciata convincere.. ...continue

    All'inizio ero scettica all'idea di iniziare l'ennesima saga fantasy, per giunta ancora in corso d'opera... la mia migliore amica aveva già divorato il primo libro e così mi sono lasciata convincere... WOW! Sono letteralmente volata in libreria e ho comprato l'intera saga. Questo è il primo libro della saga, qui vengono introdotte i personaggi appartenenti alle casate STARK, LANNISTER, BARATHEON e TARGARYEN, sono loro a raccontare le vicissitudini che legano personaggi e casate tra loro; e riassumere in poche parole un libro così complesso sarebbe impossibile, quindi eccovi gli aspetti che mi sono piaciuti di più. G. R. R. MARTIN è secondo me il migliore scrittore contemporaneo di libri fantasy: ambientazioni particolareggiate, ben descritte e mai banali, personaggi complessi e sfaccettati, che col progredire della storia si rivelano diversi dalla prima impressione data. Un altro punto i forza è la suddivisione del libro in base ai personaggi: in ogni capitolo la vicenda è raccontata da un personaggio della saga, così ogni fatto accaduto ci viene riportato da punti di vista diversi. Inoltre non sempre i capitoli sono posti in ordine cronologico, a volte iniziando un capitolo si torna indietro nella storia riprendendo vicende già raccontate da altri personaggi; questo tipo di suddivisione dei capitoli mi ha spinta a proseguire la lettura ad oltranza: il voler sapere cosa sarebbe accaduto ad un personaggio mi ha portato a finire il libro in un batter d'occhio. Come per le ambientazioni, anche i personaggi sono descritti molto dettagliatamente: ogni personaggio viene descritto fisicamente e caratterialmente, ne vengono descritti gli atteggiamenti e la casata di appartenenza, che poi ne determina (il più delle volte) il carattere e le azioni. Martin non trascura nulla: abiti, animali e comportamenti vengono descritti da punti di vista diversi, così da rendere la descrizione il più completa possibile. Nonostante la moltitudine di personaggi proposti e di eventi in corso e passati, non ho avuto difficoltà a seguire ed a collegare le vicende accadute ed i personaggi coinvolti. Ogni casata ha un capostipite e relativa famiglia, con determinate caratteristiche fisiche e caratteriali, ma sono comunque tutti coinvolti nel "Gioco del trono di spade".
    Il libro è davvero bello, lo consiglio a tutti gli amanti del fantasy! La serie tv non è male, ma il libro è comunque migliore!

    said on 

  • 5

    Al gioco del trono o si vince o si muore

    Per chi ha guardato la serie ma non ha iniziato a leggere i libri del Trono di Spade ve lo consiglio vivamente. Ricco di dettagli che rimangono impressi e che fanno vivere la singola storia di ogni pe ...continue

    Per chi ha guardato la serie ma non ha iniziato a leggere i libri del Trono di Spade ve lo consiglio vivamente. Ricco di dettagli che rimangono impressi e che fanno vivere la singola storia di ogni personaggio come se fosse la propria, questo primo libro riesce a fondere la passione per le antiche battaglie medioevali al genere fantasy, con creature mitiche, re, lord e ser che si scontrano alla ricerca di onore e potere. Non mancano però scene più spinte di sesso e decapitazioni che riescono così ad non annoiare mai il lettore.

    "Mai dimenticare chi sei, perché di certo il mondo non lo dimenticherà. Trasforma chi sei nella tua forza, così non potrà mai essere la tua debolezza. Fanne un'armatura, e non potrà mai essere usata contro di te"

    said on 

Sorting by
Sorting by
Sorting by