Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

A Long Way Down

By

Publisher: Riverhead Hardcover

3.6
(7525)

Language:English | Number of Pages: 352 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) German , French , Italian , Spanish , Chi traditional , Swedish , Portuguese , Greek

Isbn-10: 1573223026 | Isbn-13: 9781573223027 | Publish date: 

Also available as: Audio CD , Audio Cassette , Softcover and Stapled , Paperback , eBook , Others

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Humor

Do you like A Long Way Down ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
In his eagerly awaited fourth novel, New York Times-bestselling author Nick Hornby mines the hearts and psyches of four lost souls who connect just when they've reached the end of the line.

Meet Martin, JJ, Jess, and Maureen. Four people who come together on New Year's Eve: a former TV talk show host, a musician, a teenage girl, and a mother. Three are British, one is American. They encounter one another on the roof of Topper's House, a London destination famous as the last stop for those ready to end their lives.

In four distinct and riveting first-person voices, Nick Hornby tells a story of four individuals confronting the limits of choice, circumstance, and their own mortality. This is a tale of connections made and missed, punishing regrets, and the grace of second chances.

Intense, hilarious, provocative, and moving, A Long Way Down is a novel about suicide that is, surprisingly, full of life.

What's your jumping-off point?

Maureen
Why is it the biggest sin of all? All your life you're told that you'll be going to this marvelous place when you pass on. And the one thing you can do to get you there a bit quicker is something that stops you getting there at all. Oh, I can see that it's a kind of queue-jumping. But if someone jumps the queue at the post office, people tut. Or sometimes they say "Excuse me, I was here first." They don't say "You will be consumed by hellfire for all eternity." That would be a bit strong.

Martin
I'd spent the previous couple of months looking up suicides on the Internet, just out of curiosity. And nearly every single time, the coroner says the same thing: "He took his own life while the balance of his mind was disturbed." And then you read the story about the poor bastard: His wife was sleeping with his best friend, he'd lost his job, his daughter had been killed in a road accident some months before . . . Hello, Mr. Coroner? I'm sorry, but there's no disturbed mental balance here, my friend. I'd say he got it just right.

Jess
I was at a party downstairs. It was a shit party, full of all these ancient crusties sitting on the floor drinking cider and smoking huge spliffs and listening to weirdo space-out reggae. At midnight, one of them clapped sarcastically, and a couple of others laughed, and that was it-Happy New Year to you, too. You could have turned up to that party as the happiest person in London, and you'd still have wanted to jump off the roof by five past twelve. And I wasn't the happiest person in London anyway. Obviously.

JJ
New Year's Eve was a night for sentimental losers. It was my own stupid fault. Of course there'd be a low-rent crowd up there. I should have picked a classier date-like March 28, when Virginia Woolf took her walk into the river, or November 25 (Nick Drake). If anybody had been on the roof on either of those nights, the chances are they would have been like-minded souls, rather than hopeless f*ck-ups who had somehow persuaded themselves that the end of a calendar year is in any way significant.
Sorting by
  • 1

    34-2014

    Pessimo, non mi è proprio piaciuto, l'ho trascinato per quasi un mese leggendo qualsiasi altra cosa pur di non continuarlo. La storia - 4 personaggi assai diversi che si incontrano per caso mentre ...continue

    Pessimo, non mi è proprio piaciuto, l'ho trascinato per quasi un mese leggendo qualsiasi altra cosa pur di non continuarlo. La storia - 4 personaggi assai diversi che si incontrano per caso mentre stanno per suicidarsi da un grattacielo - poteva essere brillante, e lo stile Hornby mi avevano colmato di aspettative, ma in realtà l'ho trovato lento e scadente.

    said on 

  • 3

    E'un libro carino... Però mi aspettavo davvero di più. Cioè prendete il personaggio di Jess, ad esempio: la prenderei a schiaffi dal mattino alla sera e dalla sera alla mattina. E' l'unica ad ...continue

    E'un libro carino... Però mi aspettavo davvero di più. Cioè prendete il personaggio di Jess, ad esempio: la prenderei a schiaffi dal mattino alla sera e dalla sera alla mattina. E' l'unica ad avere un crescita a "metà" nella storia. E non riconosce nemmeno i meriti a chi li ha! Però in effetti alcuni tratti dei personaggi si avvicinano molto a quelli di persone reali. Giudizio incerto per un libro ambiguo.

    said on 

  • 2

    Ci sono cose che mi sono piaciute di questo libro: in primis il fatto che è ambientato a Londra, una città che adoro. I protagonisti sono molto diversi tra loro e questa è una cosa che ho ...continue

    Ci sono cose che mi sono piaciute di questo libro: in primis il fatto che è ambientato a Londra, una città che adoro. I protagonisti sono molto diversi tra loro e questa è una cosa che ho apprezzato; anche la storia non è male. Detto ciò, devo ammettere che molte cose non mi hanno convinta. E' un libro che trovo poco scorrevole, a tratti pesante. Non capisco se è la traduzione che gli ha fatto perdere colpi, bisognerebbe provare a leggerlo in lingua originale. In alcuni punti mi ha annoiata e trovo che in fondo in fondo le ragioni che portano i protagonisti a tentare il suicidio non siano così sensate soprattutto nel caso di JJ. Mi ha annoiata parecchio la sua storia, si ripete e non da un vero contributo. In conclusione per me è mediocre, mi aspettavo di meglio.

    said on 

  • 4

    "Qualunque cosa sia, dilla a te stesso. La verità ti renderà libero. Oppure ti beccherai un pugno sul muso. Sopravvivere a qualsiasi vita tu stia vivendo significa mentire, e l'inganno corrode ...continue

    "Qualunque cosa sia, dilla a te stesso. La verità ti renderà libero. Oppure ti beccherai un pugno sul muso. Sopravvivere a qualsiasi vita tu stia vivendo significa mentire, e l'inganno corrode l'anima: quindi, almeno per un minuto, molla le bugie."

    said on 

  • 1

    Questo libro lo definirei irritante. IIrritante la storia, irritanti i personaggi, irritante la scrittura. So che era una cosa voluta, ma quella scrittura sgrammaticata non riesco proprio a ...continue

    Questo libro lo definirei irritante. IIrritante la storia, irritanti i personaggi, irritante la scrittura. So che era una cosa voluta, ma quella scrittura sgrammaticata non riesco proprio a sopportarla, non ce la faccio, è più forte di me!

    said on 

  • 4

    Una strana gang...

    Incontrarsi su un tetto a Capodanno con l'idea più malata che si possa immaginare, e trovare nella compagnia di tre strampalati compagni di sventura i motivi per continuare a vivere: Hornby mi ...continue

    Incontrarsi su un tetto a Capodanno con l'idea più malata che si possa immaginare, e trovare nella compagnia di tre strampalati compagni di sventura i motivi per continuare a vivere: Hornby mi piace, il suo stile sgrammaticato e sboccato non mi turba, i personaggi sono divertenti e, a modo loro, istruttivi. Vite stritolate dal nulla, che col nulla imparano pian piano a convivere, senza aspettarsi molto di più. Gradevole, davvero.

    said on 

  • 1

    Che noia la comicità forzata

    Trovo noiosissima la comicità forzata. Mi sono fermato a pagina 100 perché questi personaggi non mi fanno né ridere né commuovere. Ho trovato la scrittura al limite della noia, i dialoghi poco ...continue

    Trovo noiosissima la comicità forzata. Mi sono fermato a pagina 100 perché questi personaggi non mi fanno né ridere né commuovere. Ho trovato la scrittura al limite della noia, i dialoghi poco realistici e le situazioni davvero inverosimili, tanto che mentre lo leggevo continuavo a pensare che avrei dovuto passare a qualcosa di stimolante, piuttosto che perdere tempo con questo.

    said on 

  • 3

    Il libro diviso in tre parti ti coglie subito l'attenzione con i personaggi e le loro storie in cui spesso puoi personificarti. Hornby è bravo a raccontare come al solito in maniera pop con tante ...continue

    Il libro diviso in tre parti ti coglie subito l'attenzione con i personaggi e le loro storie in cui spesso puoi personificarti. Hornby è bravo a raccontare come al solito in maniera pop con tante citazioni di film, musica, sport ... Le altre due parti però ti lasciano la sensazione di incompletezza. Un libro più fatto a descrivere i personaggi che la loro storia.

    said on 

  • 3

    Inizio da 4 stelle, seconda parte da 2. Complessivamente 3stelle meritate.

    Lettura piacevole. Il romanzo è diviso in tre parti e sinceramente la prima è quella che più mi ha preso; poi nel corso del romanzo, a mio parere, la trama si appiattisce un po'. Prossimamente ...continue

    Lettura piacevole. Il romanzo è diviso in tre parti e sinceramente la prima è quella che più mi ha preso; poi nel corso del romanzo, a mio parere, la trama si appiattisce un po'. Prossimamente sono curioso di vedermi il film tratto dal romanzo. (Anche se non ne ho sentito parlare benissimo...)

    said on 

Sorting by