A Short History of Nearly Everything

By

Publisher: Black Swan

4.2
(1646)

Language: English | Number of Pages: 688 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Spanish , Portuguese , German , Italian , Dutch , Swedish , Finnish , Danish , Slovenian , Basque , Norwegian , Indian (Hindi) , Polish , French

Isbn-10: 0552151742 | Isbn-13: 9780552151740 | Publish date:  | Edition Export Ed

Also available as: Hardcover , Audio CD , Audio Cassette , Others , eBook

Category: History , Non-fiction , Science & Nature

Do you like A Short History of Nearly Everything ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
One of the world’s most beloved and bestselling writers takes his ultimate journey -- into the most intriguing and intractable questions that science seeks to answer.In A Walk in the Woods, Bill Bryson trekked the Appalachian Trail -- well, most of it. In In A Sunburned Country, he confronted some of the most lethal wildlife Australia has to offer. Now, in his biggest book, he confronts his greatest challenge: to understand -- and, if possible, answer -- the oldest, biggest questions we have posed about the universe and ourselves. Taking as territory everything from the Big Bang to the rise of civilization, Bryson seeks to understand how we got from there being nothing at all to there being us. To that end, he has attached himself to a host of the world’s most advanced (and often obsessed) archaeologists, anthropologists, and mathematicians, travelling to their offices, laboratories, and field camps. He has read (or tried to read) their books, pestered them with questions, apprenticed himself to their powerful minds. A Short History of Nearly Everything is the record of this quest, and it is a sometimes profound, sometimes funny, and always supremely clear and entertaining adventure in the realms of human knowledge, as only Bill Bryson can render it. Science has never been more involving or entertaining.From the Hardcover edition.
Sorting by
  • 4

    Il libro è molto interessante, racconta la storia della scienza e delle scoperte scientifiche utilizzando molti aneddoti curiosi, senza diventare pensante ma restando sempre piacevole nella lettura.
    E ...continue

    Il libro è molto interessante, racconta la storia della scienza e delle scoperte scientifiche utilizzando molti aneddoti curiosi, senza diventare pensante ma restando sempre piacevole nella lettura.
    Essendo del 2003 sarebbe bello avere anche una versione "aggiornata" con le nuove scoperte, ma questo libro può essere proprio uno spunto per cercare personalmente questi approfondimenti.
    Consigliato!!

    said on 

  • 5

    Stupendo

    Molto avvincente e interessante, uno dei migliori libri che abbia letto recentemente. Stimola la curiosità e induce ad approfondire diversi argomenti, di cui si sa magari già qualcosa dagli studi scol ...continue

    Molto avvincente e interessante, uno dei migliori libri che abbia letto recentemente. Stimola la curiosità e induce ad approfondire diversi argomenti, di cui si sa magari già qualcosa dagli studi scolastici.
    È davvero incredibile come ogni capitolo contenga molte nozioni e curiosità su fatti, scoperte, false convinzioni, personaggi storici e scienziati con caratteri e attitudini così diverse.
    Consigliato a tutti.

    said on 

  • 3

    Surely interesting, it doesn't deliver on the title.

    Surely interesting, it is a divulgation/popularisation book that deals with the very basics of several disciplines, seen mainly through the history of the scientists and their society.
    You can discove ...continue

    Surely interesting, it is a divulgation/popularisation book that deals with the very basics of several disciplines, seen mainly through the history of the scientists and their society.
    You can discover many interesting things reading the book, but the scientific content is almost on a second level, while in full focus are the personalities, the events, the coincidences, the struggles.

    So, in a way, it doesn't outline a "history of nearly everything", but mentions "many things" through a compendium history of "many of the people that studied something".
    Slightly disappointing, in this way.

    Also, the author adversity for exponential notation is unmotivated and, contrary to what he wants, makes the book (the first part anyway) more difficult to read.

    said on 

  • 3

    divulgazione semplice ed ironica

    Un libro corposo che mette nero su bianco la storia delle scienze, dalla fisica alla chimica, dalla geologia alla cosmologia: c'è tutto in questo calderone!
    Una narrazione leggera ed ironica, sicurame ...continue

    Un libro corposo che mette nero su bianco la storia delle scienze, dalla fisica alla chimica, dalla geologia alla cosmologia: c'è tutto in questo calderone!
    Una narrazione leggera ed ironica, sicuramente superficiale come può esserlo un documentario di Piero Angela, ma altrettanto interessante e piacevole per i non addetti ai lavori. Un libro che consiglio a chiunque sia minimamente curioso...in senso DAVVERO lato!!

    said on 

  • 5

    雖然談的是uncertainty principle、quantum theory一類我一點都不明白的東西,但書本身卻很好看,這是甚麼魔力呢?

    said on 

  • 3

    In many paragraphs it is a sensationalist book, focused mostly on popular science, quoting and/or praising many English-speaking scientists. Funny little jokes between interesting summaries and chrono ...continue

    In many paragraphs it is a sensationalist book, focused mostly on popular science, quoting and/or praising many English-speaking scientists. Funny little jokes between interesting summaries and chronologies of a lot of events, discoveries and facts.

    said on 

  • 5

    Una guida per reimparare a stupirsi

    Oltre alla abbondantemente decantata capacità di Bryson di render questo libro un vero spasso, la cosa migliore è la linea sottile che collega ogni capitolo, e che emerge poi nel finale (un po' più le ...continue

    Oltre alla abbondantemente decantata capacità di Bryson di render questo libro un vero spasso, la cosa migliore è la linea sottile che collega ogni capitolo, e che emerge poi nel finale (un po' più lento forse, proprio perché più indirizzato verso la "morale" del saggio): la vita sulla terra, allo stato attuale delle nostre conoscenze, è qualcosa di così complesso, magico ed unico (nel modo in cui è per lo meno), ed è nostro dovere imparare ad esser dei guardiani della terra migliori di quanto non siamo stati fino ad ora. Questo pianeta troverà il modo di sopravvivere anche con la nostra dipartita, ma se vogliamo ancora godercelo, sarebbe saggio cambiare atteggiamento verso ciò che ci circonda.
    Cominciando dal non dare nulla per scontato: soprattutto iniziando a riconoscere le cose che non sappiamo. Chiuse le pagine, tutto ha ripreso un colore che da un po' di tempo (forse dall'infanzia) non aveva. Tutto ciò che ci circonda è magnifico, e dovremmo ogni giorno ascoltarlo, apprezzarlo, lasciandoci stupire.

    said on 

  • 3

    Mi sono scelto un altro libro di Bryson appena completata la lettura di "Una città o l'altra". Questo è totalmente differente, essendo una sorta di saggio divulgativo...oddio, questa definizione risul ...continue

    Mi sono scelto un altro libro di Bryson appena completata la lettura di "Una città o l'altra". Questo è totalmente differente, essendo una sorta di saggio divulgativo...oddio, questa definizione risulta molto asettica e fredda, non rende giustizia al libro! E' difficile parlare di così tante cose ( anche estremamente complesse ) senza risultare aridi o noiosi. Bryson riesce praticamente sempre nell'impresa, e bisogna dargliene atto. Forse solo la parte finale sulle origini della specie umana appare un poco piatta, ma non escludo dipenda dal fatto che la si incontra appunto alla conclusione del libro, così denso di nomi date e nozioni . In sostanza un ottimo testo per avvicinarsi a questi argomenti con intelligenza e leggerezza.
    Consigliato.

    said on 

  • 3

    L'idea alla base del libro è senza dubbio accattivante: raccontare una storia di quasi tutto (chimica, biologia, oceanografia..) partendo dai protagonisti. Sono rimasta affascinata dagli scienziati de ...continue

    L'idea alla base del libro è senza dubbio accattivante: raccontare una storia di quasi tutto (chimica, biologia, oceanografia..) partendo dai protagonisti. Sono rimasta affascinata dagli scienziati del settecento ottocento, uomini eclettici e "strani", generalmente vulcani di idee.
    Mi ha coinvolto meno la parte del libro dedicata all'origine della vita, di lettura più faticosa e stancante.
    Nel complesso è un bell'esempio di come si possa parlare di cose difficili in modo anche facile, ma l'ambizione di parlare di tutto in 500 pagine è davvero troppo.

    said on 

Sorting by