Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

A Supposedly Fun Thing I'll Never Do Again

Essays and Arguments

By

Publisher: Back Bay Books

4.0
(3168)

Language:English | Number of Pages: 368 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) German , Italian , Spanish

Isbn-10: 0316925284 | Isbn-13: 9780316925280 | Publish date: 

Also available as: Hardcover , Others , eBook

Category: Fiction & Literature , Humor , Travel

Do you like A Supposedly Fun Thing I'll Never Do Again ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 5

    Primo serio tentativo (dopo aver letto un breve estratto da "Tennis, trigonometria...") con David Foster Wallace. Inutile dire che va oltre ogni mia aspettativa. Iniziato a leggere con un po' di titub ...continue

    Primo serio tentativo (dopo aver letto un breve estratto da "Tennis, trigonometria...") con David Foster Wallace. Inutile dire che va oltre ogni mia aspettativa. Iniziato a leggere con un po' di titubanza riguardo l'argomento, sono rimasta piacevolmente sorpresa di ritrovarmi a ridere (molte volte anche ad alta voce, altre volte ritrovandomi a dover soffocare le risate) per il resoconto, il reportage di una crociera di lusso che DFW doveva recensire e raccontare per una rivista.
    Non posso dire che sia stata una lettura piacevole, mentirei. E' stato molto di più e mi invoglia a continuare a scoprire questo genio e le altre opere che ha scritto.

    said on 

  • 2

    Divertente ed esasperante.
    Non ho mai fatto una crociera e probabilmente non la farò mai visto che una nave affollata, per quanto grande e lussuosa, resta comunque troppo affollata per me.
    Eppure non ...continue

    Divertente ed esasperante.
    Non ho mai fatto una crociera e probabilmente non la farò mai visto che una nave affollata, per quanto grande e lussuosa, resta comunque troppo affollata per me.
    Eppure non credo mi sentirei in colpa per chi pulisce, serve i tavoli, o cucina visto che non sento mai in colpa quando vado al ristorante.
    ( nota 1 per questo credo sia esagerato)

    said on 

  • 3

    Iniziavo a dubitare che avrei trovato ancora qualcosa di DFW che mi sarebbe piaciuto dopo Infinite Jest. Invece finalmente ecco questo libro. Non è un romanzo, ma un lunghissimo resoconto di una vacan ...continue

    Iniziavo a dubitare che avrei trovato ancora qualcosa di DFW che mi sarebbe piaciuto dopo Infinite Jest. Invece finalmente ecco questo libro. Non è un romanzo, ma un lunghissimo resoconto di una vacanza in una crociera super lusso. Divertente, dissacrante, spietato, lucido. DFW al suo meglio.

    said on 

  • 3

    Divertente

    Brillante e delirante! Una sorta di saggio/diario in cui Wallace ci illustra con dovizia di particolari, fobie e follie una crociera extra lusso nel mar dei Caraibi sulla nave Nadir. La vita organizza ...continue

    Brillante e delirante! Una sorta di saggio/diario in cui Wallace ci illustra con dovizia di particolari, fobie e follie una crociera extra lusso nel mar dei Caraibi sulla nave Nadir. La vita organizzata tra tiri al piattello e freccette, cene e the formali, spettacoli di magia tutto sapientemente sottolineato con ironiche note. Dopo aver letto questo "romanzo" le cose son due o spinti dalla curiosità decidete di imbarcarvi in un'avventura del genere oppure scappate a gambe levate. Appartengo alla seconda categoria. Consigliato se volete passare qualche ora di puro divertimento

    said on 

  • 3

    'disperato è una parola seria e la sto usando seriamente. per me indica una semplice combinazione, uno strano desiderio di morte mescolato a un disarmante senso di piccolezza e futilità che si present ...continue

    'disperato è una parola seria e la sto usando seriamente. per me indica una semplice combinazione, uno strano desiderio di morte mescolato a un disarmante senso di piccolezza e futilità che si presenta come paura della morte. forse si avvicina a quello che la gente chiama terrore o angoscia. ma non è neanche questo. è più come avere il desiderio di morire per sfuggire alla sensazione insopportabile di prendere coscienza di quanto si è piccoli e deboli ed egoisti e destinati senza alcun dubbio alla morte.'
    per un misantropo pieno di fobie come david foster wallace è facile scavare ossessivamente nei particolari e tramite un'ironia e un feroce sarcasmo fare a pezzi le due categorie dell'americano benestante in crociera extralusso e del dipendente dal sorriso professionale obbligato e perenne. un'esperienza bipolare tra scoppiettante allegria e consapevole disperazione.

    said on 

  • 4

    un libro divertente che leggero' ancora

    Un libro che fa ridere sguiatamente ma anche pensare. Mai letto niente di wallace, iniziero' sicuramente a leggerne altri

    said on 

  • 4

    Ironico e delirante(mente americano)
    Giusto D. F. Wallace poteva scrivere di una crociera-sette-giorni senza farti provare il desiderio di tagliarti le vene.

    said on 

Sorting by