Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

A Supposedly Fun Thing I'll Never Do Again

Essays and Arguments

By

Publisher: Back Bay Books

4.0
(3243)

Language:English | Number of Pages: 368 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) German , Italian , Spanish

Isbn-10: 0316925284 | Isbn-13: 9780316925280 | Publish date: 

Also available as: Hardcover , Others , eBook

Category: Fiction & Literature , Humor , Travel

Do you like A Supposedly Fun Thing I'll Never Do Again ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 5

    una cosa divertente che rifarei all'infinito

    rileggere DFW

    "Perchè i datori di lavoro e i superiori costringono i loro inferiori ad
    allenarsi nel Sorriso Professionale? Sono forse l'unico cliente in cui
    grandi dosi di sorrisi del genere produco ...continue

    rileggere DFW

    "Perchè i datori di lavoro e i superiori costringono i loro inferiori ad
    allenarsi nel Sorriso Professionale? Sono forse l'unico cliente in cui
    grandi dosi di sorrisi del genere producono disperazione? Sono l'unica
    persona al mondo a essere convinta che la causa del numero crescente di
    fatti di cronaca in cui persone all'apparenza assolutamente normali
    cominciano a sparare con pistole automatiche nei centri commerciali, nelle agenzie di assicurazione, nelle cliniche private e nei McDonald dipende anche dal fatto che posti del genere sono ben noti vivai di propagazione del Sorriso Professionale?"

    said on 

  • 4

    Non fatevi rovinare la lettura da aspettative troppo elevate

    Mi fa il trentenne che (pagina 24) pensa alle scelte da fare in relazione a ciò che è bene o importante o divertente, consapevole che col tempo avrà sempre meno opzioni. Nel mentre, sfrutta il potere ...continue

    Mi fa il trentenne che (pagina 24) pensa alle scelte da fare in relazione a ciò che è bene o importante o divertente, consapevole che col tempo avrà sempre meno opzioni. Nel mentre, sfrutta il potere suggestivo dell'acqua. Ora, come potrei non sentirlo vicino?

    Spiace per chi si avvia alla lettura con aspettative elevate, in attesa di un "effetto wow" e di paragrafi che sconvolgano l'esistenza. È sempre un errore. Non leggetelo per cercare di capire cosa lo rende grande secondo i pareri sentiti in giro. Leggetelo e basta, è facile.

    said on 

  • 3

    Un libro divertente da cui mi aspettavo di piu'

    Il mio primo libro di DFW scorre via facile, fa ridere spesso, fa pensare molto e conferma molte delle cose che un Europeo nota sui turisti Ammericani ma che sempre piu' spesso copiamo.
    Leggerlo come ...continue

    Il mio primo libro di DFW scorre via facile, fa ridere spesso, fa pensare molto e conferma molte delle cose che un Europeo nota sui turisti Ammericani ma che sempre piu' spesso copiamo.
    Leggerlo come un reportage e non come un romanzo aiutera' il godimento del libro.
    Adesso avanti con il prossimo di DFW.

    said on 

  • 3

    Un autore la cui genialità non mi ha colpito

    È il mio primo incontro con il pluriosannato David Foster Wallace e dire che è stata una delusione forse è eccessivo,ma non troppo. Divertente l'idea di raccontare una crociera extra lusso dal punto d ...continue

    È il mio primo incontro con il pluriosannato David Foster Wallace e dire che è stata una delusione forse è eccessivo,ma non troppo. Divertente l'idea di raccontare una crociera extra lusso dal punto di vista di un giovane intellettuale americano che una tale vacanza non avrebbe mai scelto per sè. Divertente la scrittura che con le sue note e note delle note mi ha ricordato Arbasino. Divertente lo sguardo alienato eppure empatico con cui Wallace osserva il mix di umanità che partecipa alla crociera. Un'umanità ridotta allo status di bambini capricciosi serviti e riveriti in ogni bisogno primario: cibo, benessere, divertimento.

    Purtroppo però, ho trovato quasi tutto ciò che Wallace racconta scontato o, almeno per me già pensato. La genialità dov'è, mi sono chiesta? Allora mi sono detta che forse ho già vissuto troppo per apprezzare Wallace. Ma ho deciso che mi darò una seconda chance.

    said on 

  • 4

    Lettura divertente...che rifarò

    Molto, molto divertente. Mi piace quello che dice e mi piace come lo dice. Mi piace soprattutto come scrive. Unico piccolo problema legato alla lettura delle note che su kindle è sicuramente meno imme ...continue

    Molto, molto divertente. Mi piace quello che dice e mi piace come lo dice. Mi piace soprattutto come scrive. Unico piccolo problema legato alla lettura delle note che su kindle è sicuramente meno immediata e colloquiale di quanto Wallace avrebbe voluto. Un passo deciso verso le sue opere più impegnative

    said on 

  • 4

    Il racconto di un viaggio in crociera da parte di un giornalista.
    ...e fin qui si potrebbe dire "ok, e allora?".
    Ma i racconti grotteschi, a volte surreali, dell'autore su quello che vede fanno inorri ...continue

    Il racconto di un viaggio in crociera da parte di un giornalista.
    ...e fin qui si potrebbe dire "ok, e allora?".
    Ma i racconti grotteschi, a volte surreali, dell'autore su quello che vede fanno inorridere! A volte sembra di leggere una cosa totalmente inventata, ma basta pensare un attimo ai tipici turisti che popolano le nostre città (e in alcuni casi siamo anche noi) per capire che le verità non si discosta poi molto.

    Una cosa che ho apprezzato molto sono le note a piè pagina (a volte una pagina intera è una nota a piè pagina) in quanto rende questo libro, già in tono colloquiale, quasi più un ascolto che una lettura.

    In ogni caso è geniale!

    said on 

  • 4

    Eh niente, avrei voluto che David Foster Wallace fosse mio amico, quello che mi ha colpito di questo "saggio" è l'intimità col lettore, si ha l'impressione che l'autore non ci nasconda nulla di ciò ch ...continue

    Eh niente, avrei voluto che David Foster Wallace fosse mio amico, quello che mi ha colpito di questo "saggio" è l'intimità col lettore, si ha l'impressione che l'autore non ci nasconda nulla di ciò che prova nell'esperienza e la condivisione è totale. Non credo ad ogni modo che dica nulla di particolarmente illuminante, bisogna un po' esserci fatti per godersi una crociera senza rifletterci troppo, ma il modo in cui il tutto viene raccontato, il fondo di stupore che comunque si respira al di sotto dell'ironia fa davvero innamorare.

    said on 

  • 4

    Decisamente ironico e dissacrante, anche se a tratti un pò noioso, mi ha scatenato delle belle risate. "…la maggior parte dei corpi in mostra che si potevano incontrare a tutele ore del giorno sulla ...continue

    Decisamente ironico e dissacrante, anche se a tratti un pò noioso, mi ha scatenato delle belle risate. "…la maggior parte dei corpi in mostra che si potevano incontrare a tutele ore del giorno sulla Nadir erano in vari stadi di decomposizione"…. ""Ogni neonato a portata d'orecchio sembra avere un futuro promettente nell'opera lirica" …."...assomigliava davvero, e lo dico per farle un complimento, a Jackie Gleason travestito, ed emetteva un urlo pre-risata così forte da causarmi un'aritmia…."

    said on 

Sorting by