A Wild Sheep Chase

By

Publisher: The Harvill Press (Panther)

4.0
(4437)

Language: English | Number of Pages: 308 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Chi simplified , Chi traditional , Spanish , Portuguese , Japanese , French , German , Italian , Russian , Dutch , Finnish , Latvian , Slovenian , Polish , Catalan

Isbn-10: 1860467180 | Isbn-13: 9781860467189 | Publish date: 

Translator: Alfred Birnbaum

Also available as: Hardcover , Audio CD , Others , eBook

Category: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Do you like A Wild Sheep Chase ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
As with many of Haruki Murakami's novels, the plot curdles with complex diversity only to be resolved by a collision between wild fantasy and outright slapstick. A Wild Sheep Chase refers aptly to the tradition of cool but kitsch detective sagas. Except here, the metaphoric goose is now a literal sheep with a distinctive marking; an urban myth with the promise of immortality.

The anonymous narrator is a mild-mannered thirtysomething with a more than understanding attitude--things happen because they are supposed to and there's no sense standing in the way of progress or nature. It takes the disappearance of a friend and some gentle intimidation from a right wing conglomerate to break the pattern of apathy and send him off on his adventure.

Murakami's detail of the most mundane situations makes his lead character endearing. Those who've read Murakami before will recognise that certain empathy for the strange thoughts and rituals that are now hallmarks of his wry humour. Although an unlikely hero, the quest for a missing friend and the support of a lover with mysterious ears takes him off in search of the elusive sheep in a bizarre adventure--danger and absurdity hindering every movement. --David Trueman

Sorting by
  • 4

    Garanzia.

    Si, perchè seguire Murakami nei suoi viaggi onirici (qui sarebbe meglio dire: ovinici) è sempre una garanzia di sorpresa, essere spiazzati da un filo narrativo che non si interrompe mai grazie a mille ...continue

    Si, perchè seguire Murakami nei suoi viaggi onirici (qui sarebbe meglio dire: ovinici) è sempre una garanzia di sorpresa, essere spiazzati da un filo narrativo che non si interrompe mai grazie a mille divagazioni.

    said on 

  • 4

    Straordinario Murakami, mi sbalordisce sempre di più ad ogni romanzo che divoro. E in questo caso posso dire divoro, visto che si parla anche dell'uomo pecora...

    said on 

  • 4

    Senza dubbio un Murakami che apprezzo notevolmente di più da "Norwegian Wood" (questione di gusti). In questo romanzo ho finalmente trovato lo stile puro dell'autore, quella sensazione mista tra folli ...continue

    Senza dubbio un Murakami che apprezzo notevolmente di più da "Norwegian Wood" (questione di gusti). In questo romanzo ho finalmente trovato lo stile puro dell'autore, quella sensazione mista tra follia e sensibilità. Mi è piaciuto un sacco, la storia è avvincente, direi quasi imprevedibile, e dire paradossale è sicuramente poco. Un viaggio attraverso il Giappone del nord alla ricerca di una bizzarra pecora con una chiazza marrone sul manto che a quanto pare detenga tutto il potere. Consigliato per lo più a chi apprezza il Murakami visionario, proseguirò sicuramente con la lettura di "Dance dance dance".

    said on 

  • 1

    Cercavo un libro d'evasione ma poi mi sono ritrovata a compiere un'evasione dal libro.
    Per circa 150 pagine, infatti, sembra di leggere un prologo e questo mi ha fatto passare la voglia di leggere l' ...continue

    Cercavo un libro d'evasione ma poi mi sono ritrovata a compiere un'evasione dal libro.
    Per circa 150 pagine, infatti, sembra di leggere un prologo e questo mi ha fatto passare la voglia di leggere l'altra metà del volume!

    said on 

  • 5

    Murakami non delude mai!

    cosa aggiungere alle recensioni precedenti, vediamo...
    ...sicuramente non una lettura semplice, fatta di piccole cose, piccoli particolari che li per li possono sembrare superflui ma che a fine libro ...continue

    cosa aggiungere alle recensioni precedenti, vediamo...
    ...sicuramente non una lettura semplice, fatta di piccole cose, piccoli particolari che li per li possono sembrare superflui ma che a fine libro ti danno un senso di completezza, come un puzzle da 2000 pezzi di cui nessuno superfluo. Nonostante tutto è stato il Murakami più veloce che abbia mai letto e fino adesso il migliore, quello che mi ha lasciato la fatidica domanda "e adesso che è finito???perchè è finito???"
    Da leggere prima di Dance Dance Dance.

    said on 

Sorting by