Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

A casa di Momo

Di

Editore: Flashbook

4.0
(70)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 200 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Giapponese

Isbn-10: 886169182X | Isbn-13: 9788861691827 | Data di pubblicazione: 

Genere: Comics & Graphic Novels , Family, Sex & Relationships , History

Ti piace A casa di Momo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Momo è una ragazza gentile e un po’ svampita che frequenta il primo anno dell’Università di Belle Arti da ronin, ovvero da studentessa fuori corso, avendo fallito gli esami di ammissione al primo tentativo. Il suo sogno è quello di ripercorrere in positivo le orme del padre, artista fallito che anni prima abbandonò la famiglia scomparendo senza lasciare traccia. La sua sensibilità è pari alla sua fragilità, ma per fortuna a sostenerla e incitarla ci sono i suoi amici e la sua famiglia. Una deliziosa commedia slice-of-life dai toni tenui e pacati che esalta al massimo tutta l’arte pittorica e le atmosfere delicate ma intense della grande sensei Tome Kei.
Ordina per
  • 3

    Momo la giovane donna e pittrice

    Un manga "dolciotto". Una storia di vita quotidiana che dona uno spaccato di vita vissuta: quella della protagonista, quella dei suoi familiari, dei suoi amici...
    Sorprende la "completezza umana" racchiusa in un volume solo, infatti - nonostante la brevità della storia - il lettore viene le ...continua

    Un manga "dolciotto". Una storia di vita quotidiana che dona uno spaccato di vita vissuta: quella della protagonista, quella dei suoi familiari, dei suoi amici...
    Sorprende la "completezza umana" racchiusa in un volume solo, infatti - nonostante la brevità della storia - il lettore viene letteralmente catapultato nella vita tranquilla, scolastica, di Momo, tra affetti ed impegni scolastici, cotte e polli domestici. In questo manga l'atmosfera è come "ovattata", non ci sono grandi avvenimenti, ma solo la dura quotidianità con le sue piccole e continue sfide.

    Momo, poi, vive in poche pagine, un vero e proprio percorso di formazione che la porta - da studentessa ripetente, sbadata, sognatrice ed infantile - ad ottenere ed accettare la nuova condizione di giovane donna, matura, innamorata e sulla via dell'emancipazione.

    Insomma, non sarà il manga del secolo, ma di certo è una piacevole lettura, curata nei disegni e nell'ambientazione per di più.

    ha scritto il 

  • 4

    "Ah, i bei manga di una volta"...

    ...sembra di vederla, Toume-sensei, mentre sospira sugli otomechikku love degli anni '70. Ed eccola 'stirare' le proprie linee e pulire le proprie tavole per servirci la sua eroina in - quasi - perfetto stile ivy manga: la timida Momone, fresca di diploma, intenta a seguire un corso di preparazio ...continua

    ...sembra di vederla, Toume-sensei, mentre sospira sugli otomechikku love degli anni '70. Ed eccola 'stirare' le proprie linee e pulire le proprie tavole per servirci la sua eroina in - quasi - perfetto stile ivy manga: la timida Momone, fresca di diploma, intenta a seguire un corso di preparazione all'istituto d'arte. Minuta e schiva, perennemente assonnata ed inguaribilmente impacciata, 'Momo' è la cocca dei fratelli e la piccola di casa, che ha deciso di andare a vivere da sola per emanciparsi e per inseguire un sogno artistico che la fa sentire in qualche modo più vicina ad un padre evanescente. A casa di Momo è una commedia di situazione, un delicato romanzo di formazione sentimentale e un omaggio ad uno stile sorpassato dalle mode, ma ancora attuale ed emozionante. C'è tanta nostalgia in questo titolo: per uno stile narrativo e grafico che non incontra più grande seguito, per la gioventù, per le scelte mai veramente prese, per la gioventù e la sua fine. Una bella prova d'autore.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    non si mangia pollo!

    Ha un che di classico e nostalgico questo fumetto.
    Sì storia di formazione, questo e quell'altro, slice of life... chiamatelo come vi pare, sono solo etichette di circostanza.

    Non c'è bisogno di nobilitarlo con queste etichette preconfezionate. La Toume parla chiaro, si è riletta dei ...continua

    Ha un che di classico e nostalgico questo fumetto.
    Sì storia di formazione, questo e quell'altro, slice of life... chiamatelo come vi pare, sono solo etichette di circostanza.

    Non c'è bisogno di nobilitarlo con queste etichette preconfezionate. La Toume parla chiaro, si è riletta dei vecchi manga e le he venuta una botta di nostalgia.
    Glielo vogliamo dire, col cuore, a questa donnina che la botta di nostalgia l'ha fatta venire anche a noi?

    A me è parso davvero di leggere un vecchio shoujo anni 70/80 dove tutto si risolveva nell'ultima pagina e tutto restava sul vago per capitoli e capitoli...
    Mi ha ricordato proprio tanto Fusako Kuramochi (sopratttutto il metafumetto contenuto in Tennen Kokekko).

    Per cui qualsiasi altro tipo di nobilitazione non è necessaria, il fumetto è un divertissement ed è ben riuscito. Persino lo stile di disegno viene adattato a questo tipo di commedia girl-meets- boy- girl - gets - boy!
    Linee così pulite in mano alla Toume? Mai viste!

    Per cui chiamatelo slice of life, rito di passaggio, storia di crescita e maturazione... se vi fa più comodo. Per me, questo, è un classico Shoujo anni 70/80 con quel candore e quella naturalezza e quella quotidianità che nelle storie trombereccie di oggi non si trova più!

    La vita era più semplice, forse.

    ha scritto il 

  • 4

    A Casa di Momo

    Qui la recensione completa
    http://librerieimperfette.blogspot.com/2010/04/recensio…
    Di seguito un estratto

    Quando leggo una storia tra le 05:00 e le 06:00 della mattina (Domenica mattina) che mi tiene comunque sveglio dopo una dura giornata di lavoro, potrei ...continua

    Qui la recensione completa
    http://librerieimperfette.blogspot.com/2010/04/recensione-casa-di-momo.html
    Di seguito un estratto

    Quando leggo una storia tra le 05:00 e le 06:00 della mattina (Domenica mattina) che mi tiene comunque sveglio dopo una dura giornata di lavoro, potrei dire che è un ottimo prodotto ma in realtà mi trovo a pensare che sia proprio quello che mi ci vuole prima di dormire.

    ECCO I FATTI:

    Okumoto Momone, per tutti, Momo, è una di quelle ragazze minute, gentili, carine ma anche un pò imbranate, maldestre e quasi sempre imbarazzate che troviamo spesso all'interno dei manga.
    Momo ha i capelli corti e scuri e vuole fare l'artista, come suo padre, che, per seguire la vocazione ha abbandonato la famiglia quando Momo era ancora una bambina.
    Di lui non si hanno tuttora notizie.

    Momo oltre alla madre, insegnante di disegno, ha anche un fratello, Taro e una sorella Maki.
    Taro, artista anche lui un tempo ha dovuto lasciare per motivi di famiglia e ora fa il commercialista.
    Maki frequenta l'università e lavora presso una galleria d'arte.
    Conosciamo Momo diplomanda, iscritta ad una di quelle scuole preparatorie agli esami di ammissione dell'università, ha un appartamento tutto suo e a quanto dicono, artisticamente parlando, è la più dotata della famiglia.
    Obbiettivo di Momo passare l'esame di ammissione all'università, quello che non sa però è che nell'anno che la aspetta saranno non poche le distrazioni che le si pareranno davanti.

    ha scritto il