Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

A che punto è la notte

By Carlo Fruttero,Franco Lucentini

(167)

| Others | 9788804165835

Like A che punto è la notte ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

158 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Sentinella, a che punto è la notte?

    Bellissimo.

    Se si riesce a tenere duro per i primi capitoli, dove la trama risulta aggrovigliata e compaiono decine di personaggi che non si capisce come possano c'entrare l'uno con gli altri, poi si vola.

    Scrittura molto scorrevole, ricercata, col ...(continue)

    Bellissimo.

    Se si riesce a tenere duro per i primi capitoli, dove la trama risulta aggrovigliata e compaiono decine di personaggi che non si capisce come possano c'entrare l'uno con gli altri, poi si vola.

    Scrittura molto scorrevole, ricercata, colta e popolare insieme; lo spaccato ironico sull'Italia (e in particolare sulla Torino) di quegli anni riuscitissimo. Trama, ribadisco, intricata e intrigante che man mano si rivela fra ingegneri viziosi, avvenenti mafiosi, rispettabili signore, poliziotti e carabinieri, sacrestiani ambigui e eretici furbacchioni.

    Assai ben riuscita anche la caratterizzazione dei personaggi, nei loro monologhi interiori che costituiscono la narrazione. Punto di merito allo spassos. et stenogr. diario della Pietrobono e al leggendario carteggio Crispi-Oderici del Monguzzi.

    Due capisaldi del romanzo. Consigliatiss. et da legg. il prima poss.

    Is this helpful?

    Dvd (A. Erit In Orbe Ultimo) said on Aug 29, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un bellissimo affresco dell'Italia, grande perchè valido ancora oggi.

    Fruttero e Lucentini hanno scritto un grandissimo libro. Un giallo particolare (almeno, per chi, come me è abituato agli ultimi e potentissimi nordici, che hanno una scrittura filmica e che genera un tipo di lettura rapido e veloce), che sceglie di p ...(continue)

    Fruttero e Lucentini hanno scritto un grandissimo libro. Un giallo particolare (almeno, per chi, come me è abituato agli ultimi e potentissimi nordici, che hanno una scrittura filmica e che genera un tipo di lettura rapido e veloce), che sceglie di prendersi il tempo per di analizzare la società intera, con le sue macchiette, i suoi alti e bassi, le sue bellezze nelle piccolezze e le schifezze nelle cose grandi e che per tanto in toto è in qualche modo responsabile degli atti efferati commessi. Ritratti mirabili perchè gli autori sono riusciti a far parlare ciascun personaggio con la propria voce, ovvero con le sue caratteristiche culturali, regionali e professionali. Sebbene su tutto incombano gli anni '70 (non ancora quelli cruenti) e la Fiat, essendo riusciti a caratterizzare così bene la gente, questo libro è ancora godibilissimo e apprezzabilissimo.

    Is this helpful?

    Clara Mazzi said on Aug 15, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Ma quanto è bello questo romanzo? sornione, avvincente, ironico… I gialli di F&L sono stati una meravigliosa scoperta per l'estate!

    Is this helpful?

    madama dorè said on Aug 11, 2014 | Add your feedback

  • 4 people find this helpful

    (Sento amarlo)

    Secondo umile sottoscr. miglior gial. mai (ri)letto in t. mia vita et oltre! Personaggi, trame, sottotrame, romanticismo, umorismo, genius loci, zeitgeist, polizia editoria borghesia ironia periferia sociologia economia teologia e mutandine di chiffo ...(continue)

    Secondo umile sottoscr. miglior gial. mai (ri)letto in t. mia vita et oltre! Personaggi, trame, sottotrame, romanticismo, umorismo, genius loci, zeitgeist, polizia editoria borghesia ironia periferia sociologia economia teologia e mutandine di chiffon, tutti gli ingredienti sono di primissima scelta e mescolati con la sapienza di gente che il mestiere di scrivere lo conosceva bene assai.
    E sì che Fruttero e Lucentini ai tempi loro venivano un po' snobbati dalal critica, considerati frivoli e disimpegnati: a paragone della maggiorparte dei gialli e noir di oggi sembra di leggere Proust. Persino lo spassoso Catarella di Camilleri impallidisce a fronte dell'esilarante diario abbreviato della poliziotta Pietrobono.

    Is this helpful?

    franka said on Aug 4, 2014 | 7 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Non male nel genere. Tra parentesi (non che c'entri) mi chiedo in che misura Eco avesse presente il romanzo di Fruttero e Lucentini al momento di scrivere Il pendolo di Foucault.

    Is this helpful?

    Leo Mischle said on Jun 7, 2014 | 1 feedback

Book Details

Improve_data of this book