Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Rechercher Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

A la croisée des mondes, Tome 2

La Tour des Anges

By

Editeur: Editions Gallimard

4.2
(3470)

Language:Français | Number of pages: 445 | Format: Others | En langues différentes: (langues différentes) English , Chi simplified , Italian , Spanish , Catalan , Dutch

Isbn-10: 2070348202 | Isbn-13: 9782070348206 | Publish date: 

Category: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy , Teens

Aimez-vous A la croisée des mondes, Tome 2 ?
Devenez membre de aNobii, voyez si vos amis l'ont lu et découvrez des livres du mème genre!

Inscrivez-vous gratuitement
Description du livre
Sorting by
  • 3

    Philip Pullman

    Dignitoso secondo capitolo della saga fantasy della Bussola d’oro, dove s’espande la geografia degli universi paralleli e i cattivi sono ancora il clero in blocco. Asciutto, quasi mai lezioso, scritto con mestiere. Ha persino qualche momento sanguinoso.

    dit le 

  • *** Ce commentaire dévoile des détails importants de l\'intrigue ! ***

    4

    Troppo oltre?

    Mi ritrovo (mio malgrado?) a ripetere un po' quanto già detto per il primo volume: un libro per bambini, ma che ovviamente per bambini non è, così da sembrare ai più piccoli pesante e agli adulti troppo infantile...certo, siamo davanti ad un fantasy e non tutto può essere verosimile, ma continuo ...continuer

    Mi ritrovo (mio malgrado?) a ripetere un po' quanto già detto per il primo volume: un libro per bambini, ma che ovviamente per bambini non è, così da sembrare ai più piccoli pesante e agli adulti troppo infantile...certo, siamo davanti ad un fantasy e non tutto può essere verosimile, ma continuo a pensare che Lyra e il suo nuovo compagno di avventure Will siano assolutamente troppo piccoli per fare consapevolmente ciò che fanno...devo ammettere che in molte vicende avrei visto molto meglio dei protagonisti sedicenni (per quanto, senza fare spoiler, sarebbe stato inammissibile vista la trama, il tema dell'innocenza etc). Rispetto alla Bussola d'oro ci si trova su un livello di complessità molto superiore, non c'è storia, ma davvero continuo a pensare che a volte Pullman spinga la sua critica davvero troppo oltre: le sue posizioni si capiscono perfettamente, senza bisogno di scrivere che Lord A. progetti di andare contro Dio (quale Dio tra l'altro?) o coinvolgere angeli ribelli... Be' comunque il punteggio finale resta tra le tre e le quattro stelle.

    dit le 

  • 4

    Un po' complesso per i bambini, un po' infantile per gli adulti. Però per me bambina invecchiata, in questi giorni che ho bisogno di distrarmi va benissimo Seconda parte della storia di un assalto al cielo per uccidere dio.

    dit le 

  • 5

    Will Parry è un ragazzino. Un ragazzino coraggioso.
    Pullman ce lo fa amare sin dalle prime pagine.
    Will vive nella nostra Oxford, con una mamma fragile e il ricordo di un padre esploratore scomparso da anni. Finché due uomini misteriosi iniziano a tormentarli, alla ricerca di misteriose lettere ...continuer

    Will Parry è un ragazzino. Un ragazzino coraggioso. Pullman ce lo fa amare sin dalle prime pagine. Will vive nella nostra Oxford, con una mamma fragile e il ricordo di un padre esploratore scomparso da anni. Finché due uomini misteriosi iniziano a tormentarli, alla ricerca di misteriose lettere del padre e Will capisce che deve fuggire. Ma la sua fuga lo porterà (per caso?) in un altro mondo, quello di Cittàgazze, dove vivono solo bambini, perché gli adulti sono perseguitati dagli Spettri, misteriose creature che i bambini non riesco a vedere e al cui attacco sono immuni. E in questo strano modo Will incontrerà Lyra, e i loro destini si intrecceranno indissolubilmente.

    Il secondo capitolo della saga di "His dark materials" ci porta nel cuore della vicenda, verso la guerra epocale che Lord Asriel sta preparando, rivelandocene gli intenti. Abbandonato il mondo di Lyra, ci ritroviamo a viaggiare con lei e Will tra il nostro e il mondo degli Spettri, ritrovando personaggi noti (tra tutti, la terribile Mrs Coulter) e incontrandone nuovi (come il Dottor Grumman o la fantastica Dottoressa Malone, il cui ruolo sarà fondamentale nel terzo e ultimo capitolo della saga).

    Pullman ci introduce sempre più in una dimensione letteraria dove i libri "parlano tra loro" (la Bibbia, il Paradiso Perduto di Milton, Platone), sollecitando la nostra riflessione riguardo a tematiche proprie della tradizione filosofica (la natura della materia, il libero arbitrio, l' innocenza, la coscienza). Ci lascia infine sulle soglie di una catastrofe, nell'impaziente attesa di continuare la lettura dell'ultimo volume.

    "Vi sono due grandi poteri che lottano fra loro in dall'inizio del tempo. Ogni progresso nella vita dell'uomo ogni briciola di sapere e di saggezza e di onestà che abbiamo è stata strappata da una delle due parti dai denti dell'altra. Per ogni piccolo passo in avanti della libertà umana c'è stata una lotta feroce tra coloro che ci vogliono più sapienti, più saggi e più forti e coloro che vogliono che obbediamo, con umiltà e sottomissione."

    dit le 

  • 5

    Che dire, questi libri sono di una profondità incredibile. Credo di non aver mai letto un libro che mettesse così in discussione bene e male.
    Il mondo creato da Pullman è talmente simile al nostro da fare quasi paura. Quando ho iniziato la trilogia ero fermamente convinta di trovarmi davanti un ...continuer

    Che dire, questi libri sono di una profondità incredibile. Credo di non aver mai letto un libro che mettesse così in discussione bene e male. Il mondo creato da Pullman è talmente simile al nostro da fare quasi paura. Quando ho iniziato la trilogia ero fermamente convinta di trovarmi davanti un libro leggero e per ragazzi, ma non lo è assolutamente e per questo mi piace. Assoutamente consigliato

    dit le 

  • 0

    E' il "libro di mezzo" della trilogia e ci accompagna un po' più avanti nella vicenda senza svelare troppe carte, creando anzi nuovi interrogativi. Il bello di "Queste oscure materie" è proprio questo: mentre leggi, senti che c'è qualche verità più grande da capire, che però ancora non riesci ad ...continuer

    E' il "libro di mezzo" della trilogia e ci accompagna un po' più avanti nella vicenda senza svelare troppe carte, creando anzi nuovi interrogativi. Il bello di "Queste oscure materie" è proprio questo: mentre leggi, senti che c'è qualche verità più grande da capire, che però ancora non riesci ad afferrare. Praticamente, ne sai quanto Lyra o poco più. Non vedo l'ora di leggere l'ultimo atto.

    dit le 

  • 4

    La lama sottile è il secondo romanzo della saga di Philip Pullman "Queste oscure materie", pubblicate da Salani nel 1997.


    Un nuovo protagonista si affianca a Lyra; è Will Parry, un ragazzo che vive nel nostro mondo che è rimasto senza padre e ha una madre con problemi mentali.
    Un giorno sc ...continuer

    La lama sottile è il secondo romanzo della saga di Philip Pullman "Queste oscure materie", pubblicate da Salani nel 1997.

    Un nuovo protagonista si affianca a Lyra; è Will Parry, un ragazzo che vive nel nostro mondo che è rimasto senza padre e ha una madre con problemi mentali. Un giorno scopre due intrusi in casa e accidentalmente ne uccide uno. Durante la fuga scopre una sorta di finestra nella realtà che si apre su un altro mondo. Lo attraversa e si trova così nella città di Cittagazze, dove incontra Lyra e i suo daimon Pantalaimon, anch'essi precipitati in questo mondo terzo dopo la conclusione del primo volume. Proprio a Cittagazze Will troverà la lama sottile, un coltello speciale in grado di aprire finestre sulla realtà...

    Un'ottima continuazione della saga, che ne accresce la suspence e il bisogno di spingere con prepotenza alla lettura del terzo. Ah, non aspettatevi che ne facciano il film. La produzione è finita, le varie chiese cristiane americane hanno il loro peso. E hanno schiacciato la saga.

    dit le 

  • 4

    Interessante, a suo modo cerca di trasmettere alcuni valori come onestà, probità, rettitudine. Lo fa con una trama carina, forse un po banale, ma in ogni caso tiene compagnia

    dit le 

  • 4

    Il secondo...

    ...volume della trilogia è all'altezza del primo, la storia si fa sempre più appassionante e interessante e fa sperare in una bella fine.

    dit le 

Sorting by