A menina que roubava livros

Por

Editor: Editora Intrinseca

4.3
(9026)

Language: Português | Number of Páginas: 480 | Format: Paperback | Em outros idiomas: (outros idiomas) Spanish , English , French , Chi traditional , Italian , Chi simplified , Japanese , Russian , Dutch , Norwegian , Danish , Catalan , German , Finnish , Polish , Swedish , Czech , Greek

Isbn-10: 8598078174 | Isbn-13: 9788598078175 | Data de publicação: 

Translator: Vera Ribeiro

Também disponível como: Softcover and Stapled , Others

Category: Fiction & Literature , History , Science Fiction & Fantasy

Do you like A menina que roubava livros ?
Junte-se ao aNobii para ver se os seus amigos já o leram, e descubra livros semelhantes!

Registe-se gratuitamente
Descrição do livro
Entre 1939 e 1943, Liesel Meminger encontrou a Morte três vezes. E saiu suficientemente viva das três ocasiões para que a própria, de tão impressionada, decidisse nos contar sua história, em 'A menina que roubava livros'. Desde o início da vida de Liesel na rua Himmel, numa área pobre de Molching, cidade desenxabida próxima a Munique, ela precisou achar formas de se convencer do sentido de sua existência. Horas depois de ver seu irmão morrer no colo da mãe, a menina foi largada para sempre aos cuidados de Hans e Rosa Hubermann, um pintor desempregado e uma dona-de-casa rabugenta. Ao entrar na nova casa, trazia escondido na mala um livro, 'O manual do coveiro'. Num momento de distração, o rapaz que enterrara seu irmão o deixara cair na neve. Foi o primeiro dos vários livros que Liesel roubaria ao longo dos quatro anos seguintes. E foram esses livros que nortearam a vida de Liesel naquele tempo, quando a Alemanha era transformada diariamente pela guerra, dando trabalho dobrado à Morte. O gosto de roubá-los deu à menina uma alcunha e uma ocupação; a sede de conhecimento deu-lhe um propósito. E as palavras que Liesel encontrou em suas páginas e destacou delas seriam mais tarde aplicadas ao contexto da sua própria vida, sempre com a assistência de Hans, acordeonista amador e amável, e Max Vanderburg, o judeu do porão, o amigo quase invisível de quem ela prometera jamais falar. Há outros personagens fundamentais na história de Liesel, como Rudy Steiner, seu melhor amigo e o namorado que ela nunca teve, ou a mulher do prefeito, sua melhor amiga que ela demorou a perceber como tal. Mas só quem está ao seu lado sempre e testemunha a dor e a poesia da época em que Liesel Meminger teve sua vida salva diariamente pelas palavras, é à nossa narradora. Um dia, todos irão conhecê-la. Mas ter a sua história contada por ela é para poucos. Tem que valer a pena.
Sorting by
  • 5

    The book is told from Deaths perspective which makes for a very interesting 3rd party narrating the story. The book is very well written about a little girl and books. I felt that this book while writ ...continuar

    The book is told from Deaths perspective which makes for a very interesting 3rd party narrating the story. The book is very well written about a little girl and books. I felt that this book while written for youth is still a great addition to any adults library

    dito em 

  • 3

    Mi chiedo perché non sia riuscita ad apprezzarlo fino in fondo.
    Non è la prima volta che leggo del nazismo e delle leggi razziali ma stavolta mi sono sentita addosso una sorta di angosciosa tristezza, ...continuar

    Mi chiedo perché non sia riuscita ad apprezzarlo fino in fondo.
    Non è la prima volta che leggo del nazismo e delle leggi razziali ma stavolta mi sono sentita addosso una sorta di angosciosa tristezza, la sensazione di aver vissuto tutto quello che vi è raccontato, riga per riga, come se fosse capitato a me.
    Una profonda inquietudine mi ha divorato e non è stato solo per la profondità del tema trattato... evidentemente Zusak ha fatto centro, è riuscito a trasmettermi l'oppressione e il tormento di quegli anni, ma comunque non riesco a promuoverlo a pieni voti, troppo doloroso.

    dito em 

  • 4

    倒是喜歡實際內容那樣很生活、寫得很日常的感覺,不喜歡介紹裡好像很驚心動魄。或許因為是從一個小女孩的角度來看,她的世界裡還不明白希特勒、共產主義,她在乎的只是幾個最親的人,所寫的也就是這些生活上的零碎,拼出整個戰時氛圍。

    dito em 

  • 4

    Appassionante

    Questo libro mi è piaciuto molto e mi ha appassionata dalla prima all'ultima riga.
    Peccato per gli errori di battitura: nella versione che ho letto c'erano molti refusi.

    dito em 

  • 5

    不管是電影還是書,都讓我大哭了!

    從讀完到現在,我還是在難過,明明書裡預告那麼多次結局,但真正看到那些令人心碎的文字,眼淚還是忍不住落下了...

    後來還去找了電影來看,電影跟書多少有些出入,但書的最後印象讀得太深刻了,導致一看片頭的時候,我就哭了,看到最後我也哭了,沒辦法我真的好喜歡休柏曼夫婦跟魯迪啊!雖然電影的人物長像跟我看書的想像不一樣,我還是一樣喜歡。然後那個年代是個迷人的年代,同時也殘忍悲傷的年代,我該慶幸自己不是出生在戰 ...continuar

    從讀完到現在,我還是在難過,明明書裡預告那麼多次結局,但真正看到那些令人心碎的文字,眼淚還是忍不住落下了...

    後來還去找了電影來看,電影跟書多少有些出入,但書的最後印象讀得太深刻了,導致一看片頭的時候,我就哭了,看到最後我也哭了,沒辦法我真的好喜歡休柏曼夫婦跟魯迪啊!雖然電影的人物長像跟我看書的想像不一樣,我還是一樣喜歡。然後那個年代是個迷人的年代,同時也殘忍悲傷的年代,我該慶幸自己不是出生在戰爭的年代。

    最後,不得不說Markus Zusak是個會說故事的傢伙,他的故事帶給了我想像,同時也帶給我心碎。

    yjo4

    dito em 

  • 4

    Markus Zusak

    《偷書賊》今年出版十周年,即使這麼暢銷,我一直都沒有讀過。回過頭看中文版文宣,發現只看介紹真的沒讓我太感興趣。也在閱讀過程中,多次覺得跟我想像中有許多不同,不管是中文或英文介紹。不管是以死神視角出發、死神是主述者的設定;或者中間穿插註解、說明式的短文字,這種形式上的出乎意料。或者,整個故事基調,對我而言,倒不覺得重點是文字、閱讀的力量。或者,讀完之後,也不太喜歡這個書名,認為這個書名沒有傳達出整本 ...continuar

    《偷書賊》今年出版十周年,即使這麼暢銷,我一直都沒有讀過。回過頭看中文版文宣,發現只看介紹真的沒讓我太感興趣。也在閱讀過程中,多次覺得跟我想像中有許多不同,不管是中文或英文介紹。不管是以死神視角出發、死神是主述者的設定;或者中間穿插註解、說明式的短文字,這種形式上的出乎意料。或者,整個故事基調,對我而言,倒不覺得重點是文字、閱讀的力量。或者,讀完之後,也不太喜歡這個書名,認為這個書名沒有傳達出整本書的核心。

    但其實我很喜歡死神作為一個全知第三者這樣的角色,和從他口中說出整個故事。我也很喜歡背景設定在二次大戰,希特勒當時對思想審查,而有一連串的焚書行動,因而從「文字」、「書籍」這個角度切入。最最喜歡的則是躲在地下室的猶太人Max,將《我的奮鬥》用油漆塗白,畫了本繪本和製成一本筆記本送給Liesel;這一段故事,不但隱晦寫出對希特勒的批判,點出文字和思想力量不受外在環境影響,也傳達了Max和Liesel一家的情感。腦中一直回想起,《雙城記》中那句:這是最好的時代,也是最壞的時代;在如此艱困的時代下,更能看到人性中純粹的善良。

    《偷書賊》外,還看了也有翻譯成中文版的《傳信人》,雖然滿有意思的,但結尾沒有交代清楚「傳信人」這個設定,因此這個沒能說服我的一環,讓我對這本書總有些卡卡的情緒。另外則是Wolfe Brothers三部曲的第二、三本。設定很簡單,主講是Cameron,另一個重點角色則是他的哥哥Ruben,加上他們的父母、和大哥及妹妹。《Fighting Ruben Wolfe》,兩兄弟的反差,簡單說Cameron就是個loser,而Ruben則是天生贏家;這樣的兩兄弟,秘密參加地下拳擊。寫得也很簡潔,說著青少年對自我認定的迷惘,打拳擊只是想尋求身分認同。第三部《Getting the Girl》,雖然還是一樣的兩兄弟,雖然還是一樣對自我和世界有很多不確定和懷疑;但這一本細膩非常多。將整個角色刻劃地更清楚,描述更多細節,加上設計Cameron將心情寫下來,像是日記、又像是隨筆的文字,我自己相當喜歡這一本。

    dito em 

  • 5

    Per me un capolavoro assoluto. Ho amato tutto di questo libro, dallo stile, alla storia, ai personaggi. A tratti straziante, ma assolutamente coinvolgente! L'ho adorato!

    dito em 

  • 5

    “Addio Papà. Mi hai salvata, mi hai insegnato a leggere. Nessuno sa suonare come te, e non berrò mai più champagne. Nessuno sa suonare come te”

    Liesel è una bambina di dieci anni. La sua vita ha inizio su un treno dove assiste impotente alla morte per freddo e stenti del fratellino Jackob.
    E’ il 1939, è la Germania nazista. Liesel si appresta ...continuar

    Liesel è una bambina di dieci anni. La sua vita ha inizio su un treno dove assiste impotente alla morte per freddo e stenti del fratellino Jackob.
    E’ il 1939, è la Germania nazista. Liesel si appresta a vivere la sua infanzia in una nazione divorata dall’odio e dalla follia di un megalomane.
    E’ diretta a Molching, a casa di Rosa e Hans Hubermann, i suoi genitori adottivi. La piccola porta con sé un prezioso carico: un libriccino nero con la scritta color argento che ha trovato in mezzo alla neve accanto al luogo dove hanno sepolto il suo fratellino.
    Liesel però non sa leggere, nessuno glielo ha insegnato. Sarà il suo padre adottivo a farlo e da quel giorno tra lei e i libri nasce un amore profondo che la porterà a salvare tanti testi dai roghi nazisti.
    Non saranno i libri l’unico suo amore, ci saranno anche suo padre Hans e la sua fisarmonica, il suo amico Rudy e Max, un giovane ebreo che suo padre nasconderà dalla Gestapo nella cantina della loro casa.
    Tanti eventi segneranno la sua vita, alcuni belli altri tragici, ma l’affetto per i libri rimarrà sempre immutato, una passione che le salverà letteralmente la vita.
    Romanzo vitale, tragico, potente, a tratti molto simile a un altro capolavoro della letteratura mondiale, “I ragazzi della via Pal” di Molnar, un libro che ti colpisce per intensità, per la delicatezza con cui si racconta la vicenda di questa bambina che trova la forza di sopravvivere alle brutalità che l’odio dell’essere umano le mette davanti agli occhi ogni giorno.
    Nonostante la morte e la guerra siano purtroppo le due componenti principali del romanzo c’è il sentimento dell’amore che riesce spesso a prevaricare, un sentimento che nemmeno la follia di un essere immondo riesce a distruggere.
    Le ultime pagine sono letteralmente devastanti, mi hanno fatto emozionare e piangere come una bambina.
    Un piccolo capolavoro straziante e tristissimo, ma da cui traspare un sentimento di positività che ti spinge ad andare avanti giorno dopo giorno, a non arrenderti mai, anche se vivere per te significa solo leggere una nuova pagina di un nuovo libro.
    Un inno all’amore e alla vita nonostante tutto. Leggetelo e guardate anche il bellissimo film di Brian Percival.

    “Credimi, ti prego, quando ti dico che quel giorno raccolsi ogni anima come se fossero neonati. Addirittura baciai guance esauste, velenose. Ascoltai le loro ultime, soffocate grida, le loro parole francesi. Osservai le loro visioni amorose e le liberai dal timore. Li portai via tutti, e se mai ci fu una volta in cui avevo bisogno di distrarmi, era quella. Guardavo il mondo su in alto, assolutamente costernata. Osservavo il cielo mutarsi da argento a grigio al colore della pioggia. Persino le nuvole tentavano di sembrare altre cose. A volte immaginavo come apparisse ogni cosa sopra quelle nubi, sapendo con certezza che il sole era d’oro e l’atmosfera sconfinata un gigantesco occhio blu. Erano francesi. Erano ebrei. Ed erano te”

    dito em 

Sorting by
Sorting by