Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

A mille miglia da Kensington

Di

Editore: Adelphi

3.7
(68)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 198 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 8845910733 | Isbn-13: 9788845910739 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Anna Allisio

Disponibile anche come: Tascabile economico

Genere: Fiction & Literature

Ti piace A mille miglia da Kensington?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ci troviamo nella Londra degli anni Cinquanta e in particolare nel suo mondoeditoriale. All'inizio il romanzo ci narra le vicissitudini di Mrs. Hawkins,editor della Ullswater Press, ma poi ci accorgiamo che l'occhio si appunta sufigure e su eventi nei quali affiora qualcosa che è il Male, sotto le spogliedi uno di quei personaggi che da sempre flagellano il mondo editoriale: protetto di una illustre scrittrice, scrittore in proprio di orribili testi,arrampicatore letterario. Così la storia, che si è avviata come una commediaagrodolce, finirà in sorprese truculente. Mrs. Hawkins, tuttavia, non si faràprendere alla sprovvista, pronta a liberarsi per sempre da un mondo che conosce troppo bene e ad approdare così "a mille miglia da Kensington".
Ordina per
  • 5

    'Hector Bartlett,' I said, 'is a <i>pisseur de copie</i>.'

    Write privately, not publicly; without fear or timidity, right to the end of the letter, as if it was never going to be published, so that your true friend will read it over and over, and then want more enchanting letters from you. Now, you're not writing about the relationship between your frien ...continua

    Write privately, not publicly; without fear or timidity, right to the end of the letter, as if it was never going to be published, so that your true friend will read it over and over, and then want more enchanting letters from you. Now, you're not writing about the relationship between your friend and yourself; you take that for granted. You are only confiding an experience that you think only he will enjoy reading. What you have to say will come out more spontaneously and honestly than if you're thinking of numerous readers. Before starting the letter rehearse in your mind what you're going to tell; something interesting, your story. But don't rehearse too much, the story will develop as you go along, especially if you write to a special friend, man or woman, to make them smile or laugh or cry, or anything you like so long as you know it will interest. Remember not to think of the reading public, it will put you off.

    ha scritto il 

  • 2

    Ritmo lento, trama quasi inesistente, eppure una protagonista che ispira fiducia e per la quale non si può che provare simpatia. Per molti aspetti si avvicina ai temi de L'eleganza del riccio.

    ha scritto il 

  • 4

    Mi consejo (gratis)

    Leed este libro. Muriel Spark es genial y su personaje, Mrs. Hawkins, es una de las protagonistas más carismáticas que me he tropezado en una novela últimamente. Está narrado en primera persona y no puedes evitar simpatizar con ella hasta el punto de que es como si te estuviera hablando y como si ...continua

    Leed este libro. Muriel Spark es genial y su personaje, Mrs. Hawkins, es una de las protagonistas más carismáticas que me he tropezado en una novela últimamente. Está narrado en primera persona y no puedes evitar simpatizar con ella hasta el punto de que es como si te estuviera hablando y como si cualquier consejo que pueda ofrecer fuese válido al instante. Está ambientado en Londres en los años 50 y para mí eso ha tenido bastante que ver en lo que me ha gustado, claro.

    ha scritto il 

  • 2

    Lettura strana. Ho come l'impressione che sia una storia senza trama, o che quel poco di trama che c'è sia solo una scusa per poter scrivere, parlare, insomma qualcosa tipo esercizio stilistico... non so, mi ha lasciato a mani - e mente - vuote.

    ha scritto il 

  • 3

    Misteri, consigli e vita di una editor cicciottella

    Storia frivola con poca trama e molta inglese ironia e mestiere. E' stato piacevole scoprire la casa di Milly in South Kensington e i suoi allegri affittuari tra cui la pingue signora Hawkins editor, trentenne, vedova e rassicurante. E l'acerrima nemesi: il pisseur de copie.
    "Lei sta scrive ...continua

    Storia frivola con poca trama e molta inglese ironia e mestiere. E' stato piacevole scoprire la casa di Milly in South Kensington e i suoi allegri affittuari tra cui la pingue signora Hawkins editor, trentenne, vedova e rassicurante. E l'acerrima nemesi: il pisseur de copie.
    "Lei sta scrivendo una lettera a un amico. Si tratta di un amico intimo e molto caro, vero o meglio ancora immaginario, una specie di idea fissa. Gli scriva in forma confidenziale, non ufficiale, senza remore né timori, come se la lettera non dovesse mai essere pubblicata ma solo letta e riletta dal suo fedele amico che aspetterà da lei altre pagine avvincenti come quelle. Non gli parli della vostra amicizia, che darà per scontata; gli confidi soltanto un'esperienza che a suo avviso interesserà soltanto lui. Quello che ha da dire verrà fuori con più spontaneità e schiettezza se non penserà di rivolgersi al grande pubblico. Prima di cominciare la lettera ripassi mentalmente quello che vuol raccontare: qualcosa di interessante, una storia sua. Ma non stia a rifletterci troppo; la vicenda si dipanerà mano a mano soprattutto se lei scriverà a una persona molto cara, uomo o donna che sia, per farla sorridere o ridere o piangere, quello che le pare, purché sappia destare il suo interesse. E si ricordi di non pensare al pubblico dei lettori perché allora si perderebbe d'animo".

    ha scritto il 

  • 5

    Durante la giornata il rumore era così forte che di notte, a letto, me ne stavo ad ascoltare il silenzio e poi mi addormentavo contenta, paga di quella quiete. Finché rimanevo sveglia, però, mi godevo l'oscurità, i pensieri, i ricordi e i castelli in aria. Lo sentivo, il silenzio.

    ha scritto il