Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

A piena voce

Poesie e poemi

Di

Editore: Mondadori

4.2
(304)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 224 | Formato: Altri

Isbn-10: 8804412836 | Isbn-13: 9788804412830 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Fiction & Literature , History

Ti piace A piena voce?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Le ardite invenzioni di stile futurista, le feroci satire, le epiche narrazioni e le nobili illusioni del grandissimo poeta russo in una suggestivaraccolta dei suoi testi più noti. Una delle migliori voci liriche del nostrosecolo.testimonianza del lungo itinerario verso Dio di un uomo che ha avutoun'influenza profonda sulla nostra epoca.
Ordina per
  • 5

    Non riesco a pensare ad altro che non sia "Come ho fatto a vivere senza Majakovskij fino ad oggi".
    Quando le parole di un altro essere umano sembrano aprirti gli occhi e mostrarti il mondo intero sotto una luce diversa.
    Splendido, immenso.

    ha scritto il 

  • 4

    Lilicka! In luogo di una lettera

    Un fumo di tabacco ha divorato l' aria
    La stanza e' un capitolo dell'inferno di Krucennych.
    Ricordati -
    Proprio a questa finestra per la prima volta
    Estasiato accarezzavo le tue mani.
    Eccoti oggi seduta,
    Il cuore chiuso dentro una corazza.
    Ancora un giorn ...continua

    Un fumo di tabacco ha divorato l' aria
    La stanza e' un capitolo dell'inferno di Krucennych.
    Ricordati -
    Proprio a questa finestra per la prima volta
    Estasiato accarezzavo le tue mani.
    Eccoti oggi seduta,
    Il cuore chiuso dentro una corazza.
    Ancora un giorno e poi mi scaccerai
    Magari anche imprecando alle mie spalle.
    Nella buia anticamera la mano nella manica
    Più non stenterà a entrare disfatta dal tremore.
    Correrò via
    E getterò il mio corpo sulla strada.
    Selvatico animale
    Impazzirò
    Sotto una sferza di disperazione.
    Ma così non si deve,
    Mia cara,
    Mia diletta,
    Meglio lasciarci ora.
    Non importa -
    Il mio amore
    E' un pesante macigno
    Che incombe su di te
    Ovunque tu possa fuggirmi.
    Lascia in un grido estremo che si sfoghi
    L'amarezza dei lamenti e del rancore.
    Quando anche un bue è disfatto di fatica
    Lui pure andrà a gettarsi
    In fredde acque in cerca di ristoro.
    Ma altro mare non c'è per me
    Tranne il tuo amore,
    Né tregua c'è in amore anche nel pianto.
    Se un elefante stanco vorrà pace
    Si stenderà maestoso sull' infuocata sabbia.
    Ma altro sole non c'è per me
    Tranne il tuo amore,
    Benché io non so tu dove o con chi sei.
    Se così se ne fosse tormentato
    Dell' amore - un poeta
    In soldi e gloria l'avrebbe mutato,
    Ma altro suono non c'è
    Che mi dia gioia
    Tranne che il suono del tuo nome beato.
    E non mi getterò giù nella tromba delle scale
    E non berrò il veleno
    Né premerò il grilletto dell'arma sulla tempia.
    E non c'è lama di coltello che
    Abbia su me potere
    Tranne che sia la lama del tuo sguardo.
    Tu scorderai domani
    Che io t'incoronavo,
    Che d'un ardente amore l'anima ti bruciavo,
    E un carnevale effimero di frenetici giorni
    Disperderà le pagine dei miei piccoli libri...
    Le secche foglie delle mie parole
    Potranno mai indurre uno a sostare,
    A respirare con avidità?

    Almeno lascia che un'estrema tenerezza
    Copra l'allontanarsi
    Dei tuoi passi.

    26 Maggio 1916 Pietrogrado

    ha scritto il 

  • 5

    Il più grande e rivoluzionario (assieme a Chlebnikov) poeta russo del Novecento. Un urlo a piena voce rivolto ai "Compagni postumi". Se amate l'artista vi consiglio di visitare il bellissimo e particolarissimo museo a lui dedicato a Mosca. Il Museo dell'ultimo giorno della sua vita. Toccante. ...continua

    Il più grande e rivoluzionario (assieme a Chlebnikov) poeta russo del Novecento. Un urlo a piena voce rivolto ai "Compagni postumi". Se amate l'artista vi consiglio di visitare il bellissimo e particolarissimo museo a lui dedicato a Mosca. Il Museo dell'ultimo giorno della sua vita. Toccante.

    ha scritto il 

  • 5

    Letto per l'esame di terza media,me ne sono totalmente innamorata.
    All'esame mi sono messa a declamare versi di Maiakovskij come un'esaltata! Mi hanno fatto capire che poteva bastare,altrimenti non mi fermavo più...

    ha scritto il 

  • 5

    la forza dirompente della parola che sgorga dal cuore di un rivoluzionario, la cifra linguistica e la caratura poetica di un grande scrittore.
    il maestro delle "sonorità" attraverso le quali rende vivido e pulsante ogni particolare della sua poesia.

    ha scritto il 

  • 4

    Strappare la gioia ai giorni futuri

    Rimbombano le parole nei versi di Majakovskij, sembrano martelli, attrezzi da officina, suoni chiassosi di operosi operai oppure armi, attrezzi di contadini evasi dai campi e scesi a rivoltare non la terra, ma le sorti sociali.


    In A piena voce sono raccolte poesie dell'autore russo ...continua

    Rimbombano le parole nei versi di Majakovskij, sembrano martelli, attrezzi da officina, suoni chiassosi di operosi operai oppure armi, attrezzi di contadini evasi dai campi e scesi a rivoltare non la terra, ma le sorti sociali.

    In A piena voce sono raccolte poesie dell'autore russo scritte tra il 1913 e l'anno della sua prematura morte nel 1930. Sono versi potenti quelli di Majakovskij: si parla della Russia; si parla della società, c'è una continua esortazione al rinnovamento; l'autore parla di sé mostrando una profonda ammirazione verso se stesso, quasi egocentrismo; si parla dell'amore, dal momento in cui tale sentimento germoglia nel cuore fino a quello in cui il cuore, impreziosito dal sentimento, dopo la fine di una storia, diventa un peso troppo forte da sostenere (come ce l'avrei fatta, / dopo averglielo ripreso, a portare il cuore?).

    Negli anni di un cambiamento sociale e politico, negli anni in cui il mondo intero fermentava, Majakovskij con A piena voce lascia un'eredità il suo pensiero che non subisce gli effetti del tempo, lascia versi sempre attuali, immortali, lascia un invito (o ordine), forse: Bisogna / strappare / la gioia / ai giorni futuri (da A Sergèi Esènin).

    ha scritto il 

Ordina per