Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

A sangre fría

Biblioteca Anagrama, 6

By

Publisher: Anagrama

4.4
(3457)

Language:Español | Number of Pages: 434 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) English , Portuguese , Chi simplified , Chi traditional , German , French , Italian , Dutch , Catalan , Swedish , Finnish , Czech , Polish , Basque , Greek

Isbn-10: 8447360911 | Isbn-13: 9788447360918 | Publish date: 

Also available as: Paperback , Leather Bound , Others , Mass Market Paperback

Category: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Do you like A sangre fría ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 4

    Che si voglia considerarlo un resoconto giornalistico, trattandosi effettivamente del racconto di fatti realmente accaduti, o che lo si voglia ritenere un romanzo, perché del romanzo mantiene la strut ...continue

    Che si voglia considerarlo un resoconto giornalistico, trattandosi effettivamente del racconto di fatti realmente accaduti, o che lo si voglia ritenere un romanzo, perché del romanzo mantiene la struttura, questo libro colpisce per l’estremo equilibrio della narrazione. Capote è capace di narrare senza prendere posizione, senza caricare i toni in un verso piuttosto che nel suo opposto, ma nel contempo (ed è un miracolo!) riesce a non essere asettico. Riesce a trasmetterci l’atrocità di un terribile delitto e nel contempo ci porta a comprendere e quasi compatire i due assassini. Ci fa sentire lo sgomento di una pacifica comunità colpita da una tragedia e l’assillo della squadra di investigatori incaricata delle indagini e con la stessa partecipazione e attenzione ci racconta la vita infelice dei due sbandati in fuga. Il vecchio slogan sul buon giornalismo recitava “fatti separati dalle opinioni”, ma l’operazione svolta da Capote è qualcosa di più. Capote non si limita a raccontare fatti, entra nella storia, scava, e quindi fa delle scelte narrative, sceglie di raccontare il fatto A dedicando meno spazio al fatto B. Il punto è proprio che riesce, con le sue scelte, a non prendere posizione, a non privilegiare un punto di vista, a non cercare una morale; insomma, a lasciarci liberi di decidere cosa ne vogliamo pensare. E credo che questo sia un pregio che – in questi tempi storici – rende questo libro meritevole di essere letto e portato ad esempio.

    said on 

  • 2

    Cronaca giudiziaria

    Pseudo-romanzo nello stile di un documentario di cronaca giudiziaria. I fatti e la loro scoperta sono raccontati con una serie di citazioni, letterali o parafrasate, dagli atti giudiziari: si ha quind ...continue

    Pseudo-romanzo nello stile di un documentario di cronaca giudiziaria. I fatti e la loro scoperta sono raccontati con una serie di citazioni, letterali o parafrasate, dagli atti giudiziari: si ha quindi l'impressione di guardare delle riproduzioni in costume dei fatti e una serie di interviste a persone collegate.

    Non so se l'intenzione fosse quella di aggiornare il modello del romanzo epistolare ottocentesco o di apparire piú vero, ma non mi pare che il risultato sia entusiasmante. Può piacere a chi apprezza il genere della cronaca giudiziaria, presumo.

    said on 

  • 3

    cronaca noiosella

    non sono riuscita ad apprezzarlo appieno. mi sono annoiata un po' dello stile asettico, del taglio giornalistico e della cronaca pura. troppe digressioni particolareggiate a spese del ritmo della narr ...continue

    non sono riuscita ad apprezzarlo appieno. mi sono annoiata un po' dello stile asettico, del taglio giornalistico e della cronaca pura. troppe digressioni particolareggiate a spese del ritmo della narrazione. mi aspettavo qualcosa di diverso e di più coinvolgente da un cosiddetto " capolavoro.".

    said on 

  • 4

    Meticolosa narrazione di un efferato crimine con deciso carattere reportistico. Romanzo che ha dato origine ad un nuovo modo di entrare nelle cose, nei fatti, con l'intento di non dare un proprio giud ...continue

    Meticolosa narrazione di un efferato crimine con deciso carattere reportistico. Romanzo che ha dato origine ad un nuovo modo di entrare nelle cose, nei fatti, con l'intento di non dare un proprio giudizio ma analizzare il caso in maniera fredda e distaccata, tecnica ma come uno scrittore del calibro di Truman Capote riesce a fare egregiamente. Comunque da leggere, nonostante la sua pesantezza interiore.

    said on 

  • 5

    Romanzo totale.

    Quanto tempo sprecato a non leggere A sangue freddo! Capote è geniale nel raccontare un fatto di cronaca nera e le sue conseguenze, immobilizzando il lettore con sguardo inebetito davanti al testo. L ...continue

    Quanto tempo sprecato a non leggere A sangue freddo! Capote è geniale nel raccontare un fatto di cronaca nera e le sue conseguenze, immobilizzando il lettore con sguardo inebetito davanti al testo. L'equilibrio sottile tra l'inevitabile scabrosità e il modo in cui viene raccontata eleva questo romanzo ben oltre il genere thriller. In realtà non è certo il finale la sopresa del libro, bensì il modo in cui ci si arriva, le tribolazioni giudiziarie, umane, il percorso di due personaggi che probabilmente, anche dopo la morte, non sarebbero davvero in grado di spiegare ciò che hanno fatto. Né loro né la comunità.
    Capote è straordinario nello scrivere un libro che ha letteralmente tutto: trama, stile, dettagli psicologici, contesto sociale, ambientazioni. Tutto. Capote, in particolare, è riuscito perfettamente nel descrivere un atto disumano e a far capire quanto è difficile giungere ad una conclusione sui motivi che lo hanno originato; un autentico trattato sulla complicazione umana, sul fatto che qualunque logica si segua, essa è una delle diverse possibili logiche, che inevitabilmente rendono i rapporti causa effetto non univoci e quindi misteriosi.

    said on 

  • 4

    ..la bestia umana..

    cronaca di un pluriomicidio senza senso, risolto più per la pochezza dei colpevoli che per la bravura degli investigatori...
    come diceva Scerbanenco: "La delinquenza è una forma di sordida e pericolos ...continue

    cronaca di un pluriomicidio senza senso, risolto più per la pochezza dei colpevoli che per la bravura degli investigatori...
    come diceva Scerbanenco: "La delinquenza è una forma di sordida e pericolosa idiozia."

    said on 

  • 5

    In copertina c’è scritto “Resoconto giornalistico e racconto si fondono in un meccanismo narrativo perfetto”.

    Ecco, non avrei saputo dirlo meglio.

    Il bello di un libro che racconta una storia vera è ...continue

    In copertina c’è scritto “Resoconto giornalistico e racconto si fondono in un meccanismo narrativo perfetto”.

    Ecco, non avrei saputo dirlo meglio.

    Il bello di un libro che racconta una storia vera è che non deve preoccuparsi di essere credibile. Lo è, per forza.
    E neanche le emozioni sono un problema, perché quando sai che quello che leggi è vero, ti vengono i brividi, perché la violenza, la follia, l'insensatezza che leggi non sono meri vaneggiamenti dello scrittore, sono realtà. E allora brividi veri.

    Il problema di un libro che racconta una storia vera potrebbe essere la suspence.
    E invece Truman Capote – che io conoscevo per il ben più vanesio “Colazione da Tiffany” (bellissimo!) – alternando i punti di vista, le testimonianze, e le parti romanzate riesce a non far mancare nemmeno quella.

    “Un meccanismo narrativo perfetto”. Assolutamente. Da leggere.

    said on 

  • 4

    [..] di tutte le persone al mondo Dick era quella a cui si sentiva più vicino in quel momento, perché almeno erano della stessa specie, fratelli della razza di Caino. Separato da lui, Perry si sentiva solo.

    04/05/2013
    Si tratta della ricostruzione di un terribile fatto di cronaca accaduto nel 1959 nella sperduta e tranquilla cittadina di Holcomb, nel Kansas. Lo sterminio di una intera famiglia, padre, ma ...continue

    04/05/2013
    Si tratta della ricostruzione di un terribile fatto di cronaca accaduto nel 1959 nella sperduta e tranquilla cittadina di Holcomb, nel Kansas. Lo sterminio di una intera famiglia, padre, madre e due giovanissimi figli, da parte di due sbandati, ex galeotti, senza un soldo. Il loro intento era quello di rapinare la benestante famiglia Clutter, procurandosi così i soldi necessari a stabilirsi in Messico e iniziare una nuova vita. Ma di soldi in casa non ce n’erano, così la rapina termina nell’efferato delitto. Truman Capote ricostruisce tutta la vicenda fino alla condanna a morte dei due assassini, Dick e Perry, facendo affiorare, con una scrittura lucida e lontana da ogni emozione, le loro personalità contorte e il difficile vissuto familiare. Il tutto si alterna alla narrazione della pacifica vita della famiglia Clutter, dei loro amici e conoscenti , tutti stretti intorno al piccolo villaggio, gente semplice, tranquilla e pacifica, praticanti e attivi nella locale chiesa metodista. Una eccezionale prova di scrittura, da non perdere così come il film che ne fu tratto, di Bennett Miller, con un eccellente Philip Seymour Hoffman nella parte di Truman Capote.

    said on 

  • 4

    dovrò riprenderlo

    considero Truman Capote uno degli scrittori più sottovalutati del Novecento americano, soprattutto dagli Americani. lui riusciva a raccontare la tragedia, lo sconcerto e l'amarezza con una maestria da ...continue

    considero Truman Capote uno degli scrittori più sottovalutati del Novecento americano, soprattutto dagli Americani. lui riusciva a raccontare la tragedia, lo sconcerto e l'amarezza con una maestria davvero unica. per me è un capolavoro anche se non sono riuscita a finirlo.
    sì, si dilunga troppo Truman, come Fitzgerald, ma senza il suo vuotume, hence, meriterebbe più adorazione. non c'è ragione di non riprendere questo libro; noi, che non facciamo più parte di quel tempo e non siamo più abituati alle descrizioni chilometriche, ci stanchiamo, eppure, questo libro mi ricorda tanto Fargo, magari anche per l'argomento; morale: ho ancora tutti i particolari scolpiti in testa a distanza di mesi!

    said on 

Sorting by
Sorting by
Sorting by