Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

A scuola di narrazione

Come e perché scrivere con i bambini

Di

Editore: Edizioni Sonda

3.5
(4)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 232 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8871065905 | Isbn-13: 9788871065908 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Children , Education & Teaching , Professional & Technical

Ti piace A scuola di narrazione?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
I bambini raccontano un mucchio di storie, sulla loro vita, sul loro mondo, per il semplice gusto di farlo e in assenza di scrittura. Non c’è regola ortografica né lessicale né strutturale. L’incontro con ortografia e scrittura «nero su bianco» avviene dopo, sui banchi di scuola. Ma la scrittura a scuola non può ridursi a tecniche e trucchi, giochi di parole ed enigmistica. Deve essere invece pensata, strutturata e costruita educativamente, con una pedagogia che mantenga al centro dei suoi interessi e dei propri obiettivi la formazione dei bambini e dei ragazzi e li colleghi, in un virtuoso dinamismo, al pensiero, alla letteratura e alla narrazione. A scuola di narrazione è suddiviso in due sezioni: la prima, teorica, affronta le diverse forme di narrazione, dalla narrazione collettiva a quella popolare, al teatro, al romanzo. A partire dalla necessità di raccontare innata in tutti i bambini, vengono affrontati inoltre il ruolo fondamentale del docente, gli intrecci e la costruzione narrativa, alla scoperta dell’alfabeto narrativo. La seconda, operativa, propone numerose attività che i bambini possono svolgere in classe per stimolare la loro voglia di narrare: dallo «srotolo», al diario, ai teatrini e alle filastrocche in rima. In appendice, le interviste a Maria Luisa Bigiaretti, insegnante e collaboratrice di Gianni Rodari, sulla sua attività di scrittura «con» i bambini, e a Massimo Carlotto, autore di noir, sulla scrittura collettiva. Facendo tesoro di una esperienza decennale di scrittura «con» i bambini, A scuola di narrazione si distingue perché offre soprattutto un metodo, ampiamente sperimentato, che aiuta il bambino a dare una forma espressiva al proprio rapporto con il mondo, attraverso un racconto o una poesia. Per l’insegnante, questo manuale formalizza e chiarisce gli sfondi educativi e gli obiettivi didattici, recupera la tradizione sperimentale di Rodari, Munari, Calvino su narrazione, fantasia, invenzione e immaginazione, e in particolare si confronta con le nuove forme di comunicazione verbale ormai in uso attraverso il web e la telefonia, dalla fiction, ai social network, alle chat.
Ordina per
  • 2

    deludente...

    ottimo titolo, buone intenzioni, bella grafica, interessanti le precisazioni a margine del testo. il libro alla fin fine è riuscito quasi a nausearmi, tra attività già conosciute, parte pratica un po' troppo generalizzata e mista alla teoria. Verso la duecentesima parte mi sembrava che l'autrice ...continua

    ottimo titolo, buone intenzioni, bella grafica, interessanti le precisazioni a margine del testo. il libro alla fin fine è riuscito quasi a nausearmi, tra attività già conosciute, parte pratica un po' troppo generalizzata e mista alla teoria. Verso la duecentesima parte mi sembrava che l'autrice credesse di essere diventata mia amica e mi desse un po' troppa confidenza. Il sottotitolo pubblicitario "Con un'intervista a Massimo Carlotto" è una tristezza considerate le due pagine di lunghezza dell'intervista stessa. molto più utile ed interessante quella (non citata in copertina) alla maestra Bigiaretti.

    ha scritto il 

  • 0

    Un complemento del titolo (ops siamo scivolati nel biblioteconomichese ) che promette bene: “come e perchè scrivere con i bambini“. Ci ha incuriosito perchè ci sembra che si parli sempre troppo poco dell’importanza della scrittura creativa come parte dell’alfabetizzazione narrativa, al pari dell ...continua

    Un complemento del titolo (ops siamo scivolati nel biblioteconomichese ) che promette bene: “come e perchè scrivere con i bambini“. Ci ha incuriosito perchè ci sembra che si parli sempre troppo poco dell’importanza della scrittura creativa come parte dell’alfabetizzazione narrativa, al pari della lettura.

    Il testo di Luisa Mattia, per tanti anni insegnante e ora scrittrice, si sofferma molto sull’aspetto del come fornendo resoconti e proposte di spunti pratici per laboratori narrativi e, in effetti, la parte operativa del volume è quella meglio riuscita.

    Il testo però non ci ha convinte del tutto, forse per una scelta non proprio felice di inserire nei margini delle pagine brevissime schede illustrative che, invece di inserirsi nel flusso narrativo principale e arricchirlo, sembrano correre su un binario parallelo e costringono il lettore o a un salto a piè pari o a un tortuoso percorso all’interno dei capitoli. Si sente anche la mancanza di una bibliografia finale che avrebbe sistematizzato i riferimenti presenti nel testo.

    Il racconto infantile è una modalità naturale di conoscenza del mondo e di formalizzazione delle esperienza del pensiero.

    Il sito dell’autrice http://www.luisamattia.com/ http://biblioragazziletture.wordpress.com/2011/03/25/a-scuola-di-narrazione/

    ha scritto il