Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

A tres metros sobre el cielo

By Federico Moccia

(883)

| Paperback | 9788408082385

Like A tres metros sobre el cielo ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Babi es una estudiante modelo y la hija perfecta. Step, en cambio, es violento y descarado. Provienen de dos mundos completamente distintos. A pesar de todo entre los dos nacerá un amor fuera de todas las convenciones. Un amor controvertido por e Continue

Babi es una estudiante modelo y la hija perfecta. Step, en cambio, es violento y descarado. Provienen de dos mundos completamente distintos. A pesar de todo entre los dos nacerá un amor fuera de todas las convenciones. Un amor controvertido por el que deberán luchar más de lo que esperaban. Babi y Step se erigen como un Romeo y Julieta contemporáneos en Roma, un escenario que parece creado para el amor.

A tres metros sobre el cielo es la primera obra de Federico Moccia. Publicado por primera vez en 1992 en una edición mínima pagada por el propio autor y que se agotó inmediatamente, fue fotocopiado una y otra vez, y circuló de mano en mano hasta que se reeditó en 2004 y se convirtió en un espectacular éxito de ventas. Se han vendido más de un millón de ejemplares en Italia.

1110 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Tutte le mie amiche l'avevano letto, io ho osato e mi sono fatta trasportare dalla massa....prima e ultima volta che faccio una cosa simile...ok, il libro è scorrevole, niente di così altamente complesso, tipico libro per le ragazzini di 13 anni....i ...(continue)

    Tutte le mie amiche l'avevano letto, io ho osato e mi sono fatta trasportare dalla massa....prima e ultima volta che faccio una cosa simile...ok, il libro è scorrevole, niente di così altamente complesso, tipico libro per le ragazzini di 13 anni....io l'ho letto alle medie, quindi il periodo era più o meno quello....

    Ovviamente mi sono fermata lì, non ho osato leggere i vari seguiti...Purtroppo ho visto anche il film, e oltretutto parecchie volte...E' la tipica storiella della ragazzina figlia di, che si innamora del tipo bullo figlio di nessuno...fine =)

    (Ecco, come dico sempre, quando mi faccio prestare un libro da qualche mia amica o amico, poi tendo a ricomprarlo....in questo caso non l'ho fatto....mi è stato prestato, l'ho letto, l'ho restituito, fine delle trasmissioni =D )

    Is this helpful?

    Arda <3 said on Oct 23, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Il libro chi mi ha riavvicinato alla lettura

    E' vero, lo ammetto. Al tempo mi piacque moltissimo, per quanto banale fu il libro che mi riavvicino alla lettura, da lì iniziai ad appassionarmi alla narrativa... Per quanto oggi le miei letture siano cambiate non posso rinnegare il passato. Direi i ...(continue)

    E' vero, lo ammetto. Al tempo mi piacque moltissimo, per quanto banale fu il libro che mi riavvicino alla lettura, da lì iniziai ad appassionarmi alla narrativa... Per quanto oggi le miei letture siano cambiate non posso rinnegare il passato. Direi il libro giusto al momento giusto, niente di impegnativo, semplice efficace e di successo

    Is this helpful?

    Emy Chirico said on Sep 29, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    una realidad de 10

    Me gusto tanto la peli, que decidí leer el libro y tanto peli como libro de 10!sin duda lo recomiendo y lo leeré de nuevo! Maravilloso!

    Is this helpful?

    Carrie said on Sep 29, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    banale scemo scritto male...volevo leggere un obrobrio (saltando pagine) e davvero non riesco a capire perche' possa piacere a qualcuno di diversi dai quattrodicenni rincretiniti dagli ormoni

    Is this helpful?

    Mati said on Sep 19, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Tre stelline perché devo ammettere che letto a 14 anni può anche essere il libro più bello del mondo...ma ora a distanza di 10 anni è una storiella leggera, eccesivamente sdolcinata e nemmeno tanto originale...resta cmq il migliore di Moccia che a mi ...(continue)

    Tre stelline perché devo ammettere che letto a 14 anni può anche essere il libro più bello del mondo...ma ora a distanza di 10 anni è una storiella leggera, eccesivamente sdolcinata e nemmeno tanto originale...resta cmq il migliore di Moccia che a mio parere ha un po' esagerato nello sfruttamento del tema "amori adolescenziali"...

    Is this helpful?

    Jasmine said on Aug 19, 2014 | Add your feedback

  • 37 people find this helpful

    La crisi

    L’altro giorno mi trovavo alla spiaggia di Latte, a pochi passi dalla Francia ma ancora in territorio italiano, e a pochi metri da dove ero io un turista tedesco stava leggendo in un’edizione tradotta La speculazione edilizia di Italo Calvino.
    Amic ...(continue)

    L’altro giorno mi trovavo alla spiaggia di Latte, a pochi passi dalla Francia ma ancora in territorio italiano, e a pochi metri da dove ero io un turista tedesco stava leggendo in un’edizione tradotta La speculazione edilizia di Italo Calvino.
    Amico tedesco! Leggeva il romanzo di un autore che da queste parti ha vissuto e di questi luoghi ha scritto. Dall’altra parte invece, una ragazza italiana di 16-17 anni aveva in mano Tre metri sopra il cielo, del coatto Federico Moccia. Credevo fosse terminata l’onda lunga del coattologo e invece pare di no. Ci sono ancora ragazzi che lo leggono. Cosi non ho resistito alla curiosità e ho chiesto alla ragazza se scambiava solo per oggi il libro che mi ero portato in spiaggia io (E Johnny prese il fucile) con il suo Moccia. Mi ha risposto di no. Probabilmente si sarebbe anche allarmata se fossi stato solo, perché non è tanto comune che un quarantenne con in mano un libro rilegato in similpelle anni settanta dal titolo ambiguo “E Johnny prese il fucile” chieda a una ragazzina di scambiarlo con un romanzo di Moccia. Però non ero solo, mi avrà preso per strambo ma spero non per Norman Bates e mi ha prestato il libro.
    E sfogliandolo ho iniziato a capire quelli che l’hanno criticato senza averlo mai letto, quelli che ne hanno sottolineato l’ingannevole rappresentazione di un mondo giovanile nel quale domina la futilità, chi ha menzionato la povertà della trama e dell’intreccio, oltre che ovviamente, la scarsissima qualità della scrittura. Ma la cosa più allarmante, l’aspetto che più mi ha sorpreso sono alcuni brani di una violenza talmente compiaciuta ed estetizzata da farmi rabbrividire anche in una di queste rare giornate di sole.

    Vi riporto in sintesi (perché sarebbe molto, ma molto più lungo) un brano in cui il protagonista Step commette un massacro con leggerezza e dedizione.

    PUM! MI GIRO DI SCATTO E COLPISCO TOSCANI CON UNA VIOLENZA CHE NON PENSAVO DI AVERE. LO PRENDO IN PIENA FACCIA, DA SOTTO, COLPENDO IL LABBRO, IL NASO, LA FRONTE, STRUSCIANDOLO QUASI, MA POGGIANDOCI TUTTO IL MIO PESO, TUTTA LA MIA RABBIA. FINISCE CONTRO IL MURO E NON FA IN TEMPO A FERMARSI CHE GLI SONO ADDOSSO. DRITTO PER DRITTO CON IL MIO PIEDE DESTRO IN PIENA PANCIA, LEVANDOGLI IL RESPIRO, DANDOGLI APPENA IL TEMPO DI CADERE GIU PER POI PRENDERE UNA CORTA RINCORSA MA PIENA DI POTENZA E COLPIRLO QUASI COME UNA PALLA AL RIMBALZO. PUM! IN PIENA FACCIA. COME UN CALCIO DI RIGORE, COME IL MIGLIOR VIERI, O SIGNORI, O RONALDO E TUTTI GLI ALTRI INISEME. TUTTI, SENZA ESCLUDERNE NESSUNO. CON UN UNICO URLO E UNA MINACCIA.E’ UN RIGORE DA NON SBAGLIARE. PUM, DI NUOVO. CONTRO IL MURO. GLI SI SPAPPOLA LA GUANCIA. C’E’ UNA SCHIZZATA DI SANGUE MEGLIO DI QUALSIASI INTERPRETE DELLA PIU SUDICIA POP ART. SCAVALCO MICHELI CHE ANCORA RANTOLANDO STA RECUPERANDO FIATO. POI SONO DA SESTO. PUM. DI NUOVO. LI SUL SUO ORECCHIO, CON UNA VIOLENZA TALE CHE MI SORPRENDO CHE NON SALTI. MA POI MI TRANQUILLIZZO. BENE. SANGUINA. PUM! ORA E’ LIBERO IL SUO VOLTO. PUM, PUM. UNO DOPO L’ALTRO, DRITTO PER DRITTO E SENZA TREGUA, SUGLI OCCHI, SUL NASO, SULLE LABBRA, SUI DENTI, SUGLI ZIGOMI, PUM! PUM! PUM! UNO DOPO L’ALTRO, SEMPRE PIU’ VELOCE, COME UN PAZZO, COME UNO NORMALE. PUM! PUM! PUM! SONO I MIEI COLPI CHE LO TENGONO SU, CHE SOSTENGONO QUEL VISO CHE SI STA MACIULLANDO. PUM! PUM! PUM! E NON PROVO DOLORE E NON PROVO PIETA’ E NON SENTO PIU NIENTE SE NON IL PIACERE…..SORRIDO. MI FERMO. RESPIRO. MENTRE LUI SI ACCASCIA COME UN SACCO MORTO (Qui Moccia presuppone quindi l’esistenza dei sacchi vivi!?) SCIVOLA GIU’, FLOSCIO, INEBETITO, FORSE FELICE DI ESSERCI ANCORA…PUM! UNA CAPOCCIATA PERFETTA, IN PIENO NASO, SPACCANDOGLIELO. LA RADDOPPIO AL VOLO. PUM! SUL SOPRACCIGLIO. E DI NUOVO. PUM! IN PIENO VISO…….PUM! CI SALTO SOPRA E ANCORA PUM! DI TACCO AL CENTRO MENTRE MICHELI SI DIMENA CON L’UCCELLO DI FUORI E QUEL BUFFO ARNESE SI ACCARTOCCIA SEMPRE DI PIU. PUM! ANCORA, SENZA PIETA’, SCHICCIANDO CON IL PESO QUELL’UCCELLO APPROSSIMATIVO ORMAI SPEZZATO DELLE SUE EVENTUALI ALI (!!!) PUM, SANGUINA L’UCCELLO E QUELLO CHE NE RIMANE…PUM PUM PUM! MI PREPARO COME UNA PARTITA DI BASKET ALL’ULTIMO TIRO DECISIVO PER LA VITTORIA DEL CAMPIONATO…PUM! PUM! CLACK! MICHELI SI ACCASCIA. …SORRIDO USCENDO.

    Avrei voluto scrivere una recensione divertente, una stroncatura cattivella ma innocua… ma leggendo certi brani proprio non ce l’ho fatta. Alcuni giorni fa ho scritto di rimpiangere quei romanzi che grondavano sangue e rabbia verso le ingiustizie, verso la società e la stupidità umana. Ma qui il sangue gronda per puro sadismo, e peggio ancora, il coatto alla Step viene preso come esempio, e la violenza con incredibile leggerezza.
    Perciò, a tutti coloro che hanno criticato Moccia senza leggerlo, a quanti lo snobbano ma in fondo lo ritengono innocuo, a chi ritiene che tutto sommato per un ragazzo meglio leggere Moccia che non leggere affatto, suggerisco di ripassarsi il frammento che ho riportato qui sopra. O quello in cui il coatto pesta in pizzeria un avventore dopo averne ferito la moglie per puro cazzeggio. O quello in cui un altro personaggio fa fumare una canna a un bambino di 5 anni per farlo stare tranquillo.
    Moccia è anche questo. Le sequenze di violenza nel suo romanzo vengono rappresentate come fosse un cartone animato. Così capita poi di vedere per le strade ragazzini prendere a cazzotti i passanti senza ragione, come se le vittime fossero dei Wyl E. Coyote che dopo un volo di centinaia di metri, sono subito pronti a arruolabili per rialzarsi e dare la caccia a Bip Bip. Piaccia o no, questa roba reca un messaggio e una valenza di tipo educativo.
    E addirittura a chi, come me è contrario alla violenza, fa nascere quasi il desiderio di prendere per il bavero quel minchione con la voce da castrato di Moccia, per rifilarglieli due ceffoni. Ma almeno a buon ragione.

    Is this helpful?

    Daniele (ero il piú stucchevole assaggiatore di libri) said on Jul 28, 2014 | 31 feedbacks

Book Details

Improve_data of this book

Margin notes of this book