A un cerbiatto somiglia il mio amore

Voto medio di 1.806
| 607 contributi totali di cui 426 recensioni , 179 citazioni , 0 immagini , 1 nota , 1 video
Ha scritto il 14/07/17
Sono ancora in fase di lettura, mi mancano circa un trecento pagine. Io non ho le parole adatte per descrivere la bellezza di questo autore. Con Che tu sia per me il coltello mi ha messo alla prova, l'avevo concluso alla terza rilettura. Con ..." Continua...
Ha scritto il 24/01/17
È stato molto faticoso leggere questo libro, non solo per una sua (a volte inutile) prolissità, ma soprattutto per il contenuto dello stesso. Gli argomenti sono tosti, la guerra, la tortura, il rapporto madre-figlio, ma sono trattati con una tale ..." Continua...
  • 1 mi piace
Ha scritto il 11/11/16
Bello, ma noioso
Bello. ma decisamente troppo lungo e noioso in troppe parti, anche qui l'autore ha voluto (narcisisticamente) fare un esercizio affabulatorio oltre i limiti del consentito, ma almeno ha il pregio di raccontare una storia e delle emozioni ..." Continua...
  • 2 mi piace
Ha scritto il 12/09/16
Ci sono libri che ti scelgono e scelgono il momento in cui essere letti. Questo era sulla libreria da mesi e si è fatto leggere in un momento particolare dove i ricordi saltano fuori anche dal muro per farmi agguati. E questo è un libro di ricordi ..." Continua...
  • 2 mi piace
Ha scritto il 02/09/16
Parlare di morte come solo lui sa fare.

Ha scritto il Jan 13, 2013, 15:08
Ormai da tredici anni non si stancava di dirle che stava sprecando la sua gioventù con lui, il suo futuro, la sua bellezza, che lui non faceva che ostacolarla, intralciarla, nasconderle la vita. Tra loro c’erano diciassette anni di differenza. ... Continua...
Ha scritto il Jan 13, 2013, 15:07
Parlava e parlava e Orah si rammentò di una frase che lei e Ada amavano, tratta da Carovana di mezzanotte, di Izhar: “Non puoi indicare una stella a qualcuno senza che l’altra tua mano gli si posi sulla spalla”. A quanto pareva, tuttavia, era ... Continua...
Ha scritto il Jan 13, 2013, 15:07
Dove andiamo? Lei ci aveva pensato su un momento. Non lo aveva guardato: dove finisce Israele. Per me è già finito da un pezzo, aveva sibilato lui.
Ha scritto il Jan 13, 2013, 15:06
Aprì un vecchio album di fotografie strappato e ammuffito ai bordi da cui salì un tanfo di immondizia. Era vuoto. Sulle pagine erano rimasti soltanto alcuni triangolini dove infilare le fotografie e didascalie scritte in una grafia sconosciuta e ... Continua...
Ha scritto il Jan 13, 2013, 15:05
chiuse gli occhi e si abbandonò a una stanchezza abissale, che la risucchiava, ma quel senso di rilassatezza fu interrotto da una pungente fitta di spavento, come se avesse abbassato la guardia. Cos’ho fatto? Ho portato Ofer alla guerra. L’ho ... Continua...

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Ha scritto il Apr 15, 2016, 07:35
892.436
GRO 15244
Letterature delle altre Lingue

Ha scritto il Jan 04, 2015, 15:51
"A modo tuo"
Autore: Elisa
  • 1 mi piace
  • 1 commento

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi