Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

A un passo dal baratro

Perché Medjugorje ha cambiato la mia vita

Di

Editore: Piemme

3.4
(115)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 266 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8856611066 | Isbn-13: 9788856611069 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: E. Salvadori

Disponibile anche come: Altri

Genere: Religion & Spirituality

Ti piace A un passo dal baratro?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Paolo Brosio è lontano dalla fede e dalla preghiera negli anni in cui acquisisce la notorietà di personaggio televisivo, prima come giornalista del TG4-con Emilio Fede, nei giorni di Tangentopoli, poi con la partecipazione a programmi importanti: da "Quelli che il calcio", a "Sanremo Notte", a "Domenica In" fino ali'"Isola dei Famosi" e a "Stranamore". Il successo, i soldi, la carriera si intrecciano a una vicenda umana inquieta e travagliata che lo porterà nel baratro più profondo del lutto, della sconfitta affettiva, della depressione. Nasce nel cuore una preghiera alla Madonna e il desiderio d'incontrarla a Medjugorje, il villaggio della Bosnia-Erzegovina dove, dal 24 giugno 1981, sei ragazzi hanno apparizioni mariane e dove si recano in pellegrinaggio milioni di persone. Per Brosio è una svolta. L'incontro con i veggenti e con tante persone di fede, ma soprattutto il desiderio di fare del bene. Con la semplicità e la simpatia che lo contraddistinguono il giornalista racconta la sua vicenda umana e i passi di un ritorno a Dio che gli ha restituito forza, ottimismo e amore per la vita.
Ordina per
  • 2

    A UN PASSO DAL BARATRO

    La testimonianza di Paolo Brosio, giornalista e conduttore televisivo italiano che, dopo aver attraversato vicende personali e familiari che lo hanno condotto “a un passo dal baratro” in un vortice di sesso, droga e perdite dei veri valori della vita, ritrova se stesso e la Fede nel tempo di una ...continua

    La testimonianza di Paolo Brosio, giornalista e conduttore televisivo italiano che, dopo aver attraversato vicende personali e familiari che lo hanno condotto “a un passo dal baratro” in un vortice di sesso, droga e perdite dei veri valori della vita, ritrova se stesso e la Fede nel tempo di una semplice preghiera. Questo lo spingerà verso Medjugorje dove, attraverso i veggenti e gli altri fedeli, sperimenterà l’immenso potere benefico dei miracoli mariani e di un’incrollabile Verità. Scritto male, probabilmente di getto e apparentemente non sottoposto a nessun lavoro di editor il libro, pur con le sue note di sincerità e franchezza, non colpisce né da un punto di vista stilistico né per i suoi confusi e spesso vaneggianti contenuti. La ricerca spasmodica di miracolistiche coincidenze, le forzature eclatanti, il continuo accavallarsi di nomi, storie e comportamenti criticabili sotto diversi aspetti, le superstizioni semplicistiche collegate artificiosamente all’aspetto religioso degli eventi, tolgono completamente valore alla vera forza della religione cristiana, alla carità, all’umiltà, all’amore per il prossimo, alla preghiera e all’intimità con Dio, un Dio che non ha bisogno di prodigi né di fortuiti sincronismi per seminare la sua parola nel cuore dell’uomo.

    ha scritto il 

  • 2

    Per un po'ho resistito (un regalo...). Poi dopo un autoincensamento continuo non ho più retto quando uno dei 'vedenti' di Medjugorie, a sentire Paolo Brosio, ha raccontato di essere stato portato in Paradiso, che notate bene è situato su una nuvola, ed è stato ricevuto da San Pietro in persona. < ...continua

    Per un po'ho resistito (un regalo...). Poi dopo un autoincensamento continuo non ho più retto quando uno dei 'vedenti' di Medjugorie, a sentire Paolo Brosio, ha raccontato di essere stato portato in Paradiso, che notate bene è situato su una nuvola, ed è stato ricevuto da San Pietro in persona.

    ha scritto il 

  • 3

    La prima parte l'ho abbastanza apprezzata, ognuno chiaramente vive certi dolori a proprio modo, ed alcuni passaggi sono davvero commoventi, anche se mi ero aspettata tutto un altro genere di storia da come ne avevo sentito parlare.
    La seconda parte è abbastanza confusa e probabilmente ne avrei ca ...continua

    La prima parte l'ho abbastanza apprezzata, ognuno chiaramente vive certi dolori a proprio modo, ed alcuni passaggi sono davvero commoventi, anche se mi ero aspettata tutto un altro genere di storia da come ne avevo sentito parlare. La seconda parte è abbastanza confusa e probabilmente ne avrei capita la metà se non mi fossi per caso imbattuta in un reportage sui luoghi e i personaggi in televisione. Tutto sommato non è un brutto libro, però devo dire che mi ha assai disturbato il continuo riferimento agli amici famosi ecc (e d'altro canto poveretto, lui li ha così facendo il lavoro che fa, non è certo colpa sua, quindi il problema è del tutto soggettivo).

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    1

    In una parola: terribile!

    Un libro che ho davvero fatto fatica a leggere! A circa 40 pagine dalla fine stavo quasi per gettare la spugna: mi sono imposta di finirlo per vedere fin dove arrivava il fanatismo di Brosio...


    La prima parte tutto sommato scorre abbastanza bene, racconta più o meno la sua vita pre-convers ...continua

    Un libro che ho davvero fatto fatica a leggere! A circa 40 pagine dalla fine stavo quasi per gettare la spugna: mi sono imposta di finirlo per vedere fin dove arrivava il fanatismo di Brosio...

    La prima parte tutto sommato scorre abbastanza bene, racconta più o meno la sua vita pre-conversione, con le descrizioni dei modi (alcuni abbastanza subdoli) che ha usato per avere successo nel lavoro, di come si è fatto lasciare da 2 mogli, ecc...

    La seconda parte invece è il racconto di un esaltato che vede miracoli OVUNQUE e che cerca, oltretutto, di far passare da stupido chi non crede che "simili coincidenze" non siano evidenti segni di un disegno divino... Afferma più volte che certi fenomeni che avvengono a Medjugorje non hanno una spiegazione scientifica (tipo la "lacrimazione" dal ginocchio della statua di Gesù, o il fenomeno della "rotazione del sole"), quando invece bastano 2 minuti di ricerca su google per trovare spiegazioni razionali a tali fenomeni. Oltretutto elogia una famiglia che, contro ogni parere medico, ha portato fin là una bimba di 5 mesi da poco operata al cuore e ancora in pericolo di vita!

    Se Brosio con la fede ha ritrovato pace e serenità sono contenta per lui, ma questo libro è davvero qualcosa di terribile: non oso pensare a come possano essere i 2 successivi, dai quali ovviamente mi terrò alla larga.

    ha scritto il 

  • 4

    Ho percepito sincerità

    Mettersi a nudo non è facile. Ma ho percepito sincerità nel farlo. E mi sono commossa molte volte nella seconda parte che racconta vari miracoli. Mi chiedo però cosa portino queste confessioni di conversione... Non so, mi preoccupano: dire agli atei "io ce l'ho fatta!" è un po' dire "dai ce la fa ...continua

    Mettersi a nudo non è facile. Ma ho percepito sincerità nel farlo. E mi sono commossa molte volte nella seconda parte che racconta vari miracoli. Mi chiedo però cosa portino queste confessioni di conversione... Non so, mi preoccupano: dire agli atei "io ce l'ho fatta!" è un po' dire "dai ce la fai anche tu!", però si perde il senso della fede.

    ha scritto il 

  • 4

    Scritto in maniera un po' saltellante, però importante la descrizione dei fatti, dei miracoli, del luogo dove si trova Medjugorje..e si sente pure l'amore di Paolo per la Madonna, molto commovente

    ha scritto il 

  • 4

    Sono sempre più dell'idea che i giornalisti non debbano scrivere libri. Ritmo continuamente spezzato che non ne facilita la lettura.


    Passando ai contenuti, sicuramente la vita di Brosio è eccezionale sotto tutti i punti di vista. Sicuramente alcune storie sono davvero incredibili e, se ver ...continua

    Sono sempre più dell'idea che i giornalisti non debbano scrivere libri. Ritmo continuamente spezzato che non ne facilita la lettura.

    Passando ai contenuti, sicuramente la vita di Brosio è eccezionale sotto tutti i punti di vista. Sicuramente alcune storie sono davvero incredibili e, se vere (alcune ne ho la certezza), rafforzano la propria fede, per chi crede, e rendono dubbiosi i non credenti.

    ha scritto il