A viso scoperto

Un mito rinarrato

Voto medio di 51
| 24 contributi totali di cui 12 recensioni , 12 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
A viso scoperto è una reinterpretazione del mito di Amore e Psiche. Se la fonte della storia è dichiaratamente l'allegoria antica, il racconto risulta al lettore molto differente.È ambientato in un clima lontano dalle grandi civiltà classiche, ... Continua
Ha scritto il 31/01/14
Lewis riscrive il mito di Amore e Psiche spostando l'ambientazione in un regno immaginario e raccontando i fatti dal punto di vista di una delle due sorelle della protagonista, Orual. Il mito è rispettato nei suoi tratti essenziali, ma acquista qui ..." Continua...
  • 1 mi piace
Ha scritto il 23/08/12
sono dubbioso
Il libro contiene alcuni spunti interessanti e nel complesso si legge piacevolmente. Tuttavia la rilettura cristiana fatta da Lewis della fiaba non convince, perché la storia respira un ethos pagano e molte cose stridono.
Ha scritto il 29/05/11
Un vero e proprio pugno nello stomaco, un libro da rimanere mozzafiato, trecento pagine che scorrono amare ma veloci, ti prendono, ti conquistano e poi ti rivoltano come un calzino. Spettacolare.
Ha scritto il 20/03/10
Una puntata di un serial TV
Avendo preso l'impegno di leggerlo.. l'ho portato a termine. Ma a grande fatica. Lo trovo scritto e tradotto male. Penso che le “( )” nei discorsi siano di per sé un pugno nello stomaco. L'ambientazione è sfuggente, non si capisce né dove né ..." Continua...
  • 3 mi piace
Ha scritto il 17/03/10
A viso scoperto, opera dello scrittore filologo C.S. Lewis, tenta una rilettura in chiave romanzata del mito di Amore e psiche. Il mito origina nel culto di Iside, successivamente conosce varie riscritture e acquisizioni: dalla cultura greca a ..." Continua...

Ha scritto il Mar 15, 2010, 13:39
"Amare, e perdere ciò che si ama, sono due cose ugualmente connaturate nell'uomo. Se non sappiamo sopportare di buon animo la seconda eventualità, il male è in noi, non in Psiche."
Pag. 83
Ha scritto il Mar 15, 2010, 13:37
"Non credi che le cose di cui la gente più si vergogna sono proprio quelle che essa non può evitare?"
Pag. 108
Ha scritto il Mar 15, 2010, 13:36
[...] il mondo era andato in pezzi, e io e Psiche non eravamo nello stesso frammento.
Pag. 115
Ha scritto il Mar 15, 2010, 13:34
Si parla sempre con troppa leggerezza del dire ciò che si pensa. Spesso, quando mi stava insegnando a scrivere in greco, Volpe mi diceva: "Bambina mia, dire proprio ciò che realmente si intende dire, in maniera completa, niente di più, niente di ... Continua...
Pag. 282
Ha scritto il Mar 15, 2010, 13:30
Un affetto può arrivare ad essere nove decimi odio, e ancora chiamarsi amore.
Pag. 256

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi