Abattoir 5

By

Editeur: Seuil

4.1
(7281)

Language: Français | Number of pages: 192 | Format: Others | En langues différentes: (langues différentes) English , Chi traditional , Portuguese , Spanish , German , Italian , Finnish , Swedish , Polish , Catalan , Greek , Czech , Romanian

Isbn-10: 2020408104 | Isbn-13: 9782020408103 | Publish date: 

Aussi disponible comme: Mass Market Paperback

Category: Fiction & Literature , History , Science Fiction & Fantasy

Aimez-vous Abattoir 5 ?
Devenez membre de aNobii, voyez si vos amis l'ont lu et découvrez des livres du mème genre!

Inscrivez-vous gratuitement
Description du livre
Sorting by
  • 4

    Questo non è un capolavoro letterario.
    Questo non è un bel libro.
    Questo è un libro geniale.
    Soggetto, predicato, complemento.
    Strumenti semplici ed efficaci per mostrare l'ineluttabilità della stupi ...continuer

    Questo non è un capolavoro letterario.
    Questo non è un bel libro.
    Questo è un libro geniale.
    Soggetto, predicato, complemento.
    Strumenti semplici ed efficaci per mostrare l'ineluttabilità della stupidità umana.
    Un condensato antropologico, storico, etico, estetico.
    Così è la vita. So it goes.

    dit le 

  • 4

    come insetti nell'ambra

    storia (postmoderna) di Billy Pilgrim e dell'autore, presenti entrambi al bombardamento di Dresda e resi immortali da allora, Billy viaggia nel tempo e Kurt racconta da vecchio, ma la storia è la stes ...continuer

    storia (postmoderna) di Billy Pilgrim e dell'autore, presenti entrambi al bombardamento di Dresda e resi immortali da allora, Billy viaggia nel tempo e Kurt racconta da vecchio, ma la storia è la stessa e "la crociata dei bambini" non è ancora finita...

    uno dei più strazianti resoconti della barbarie della guerra vista dal punto di vista di chi è mandato a farla e non tornerà mai più come prima, perchè, nonostante il fatto che il tempo sia uno solo e sempre solo il presente, chi vede la guerra non ha più un passato e non riesce a vedere un futuro...semplicemente muore là, anche se sopravvive all'esperienza...

    “Benvenuto a bordo, signor Pilgrim” disse l'altoparlante. “Nessuna domanda?” Billy si passò la lingua sulle labbra, pensò un momento, e infine chiese: “Perché io?”. “Questa è proprio una domanda da terrestre, signor Pilgrim. Perché "lei"? Perché "noi" allora? Perché "qualsiasi cosa"? Perché questo momento semplicemente "è". Non ha mai visto degli insetti nell'ambra?”

    dit le 

  • 5

    Autore di rara sensibilità. La sottile ironia con cui é riuscito a rielaborare e mascherare il devastante dramma vissuto é la misura della sua grandezza.

    dit le 

  • 4

    Così va la vita

    "C'è una cosa che i terrestri potrebbero imparare a fare, se davvero si sforzassero: ignorare i brutti momenti e concentrarsi su quelli buoni" (p.112)

    dit le 

  • 3

    "Dio mi conceda la serenità di accettare le cose che non posso cambiare, il coraggio di cambiare quelle che posso e la saggezza di comprendere sempre la differenza".

    Era da quasi un anno che avevo in ...continuer

    "Dio mi conceda la serenità di accettare le cose che non posso cambiare, il coraggio di cambiare quelle che posso e la saggezza di comprendere sempre la differenza".

    Era da quasi un anno che avevo in programma di leggere questo libro e devo dire che sono proprio contenta di averlo finalmente fatto. Vonnegut tratta il tema della Seconda guerra mondiale, in particolare del bombardamento della città di Dresda, in modo originale, ossia attraverso il racconto di Billy Pilgrim. Quest’ultimo (evidentemente l’alter ego dell’autore) è un uomo alquanto bizzarro, per non dire proprio strambo, che
    viene rapito dagli extraterrestri, i trafalmadoriani, e acquisisce la capacità di viaggiare nel tempo.
    Qui sta la genialità dell’autore secondo me: questo espediente gli permette di velare il dramma, perché l’alternarsi di momenti belli della vita del protagonista a quelli più atroci della sua prigionia in Germania smorza la tragicità di questa testimonianza, a tratti strappando anche qualche risolino.
    Sarà per questo e per lo stile semplice e privo di manierismi che il mio primo pensiero dopo aver letto l’ultima riga è stato: “Dovrebbero farlo leggere a scuola!”. Però riflettendoci mi sono resa conto che forse un libro del genere non si può capirlo a soli 18 anni… Quindi mi sono compiaciuta non poco al pensiero che io e Mattatoio n. 5 ci siamo trovati al momento giusto! Come dice Vonnegut, così va la vita.
    Voto: 7/10

    Se vi va passate sulla mia pagina Facebook! www.facebook.com/quandounlibroticambialavita

    dit le 

  • 3

    Così è la vita

    "Così è la vita", è una battuta ricorrente nel libro. Soprattutto quando ci sono eventi luttuosi :-P
    Mattatoio n°5 è un romanzo che sfugge alle classificazioni, un po' sci-fi, un po' storico, ma io ci ...continuer

    "Così è la vita", è una battuta ricorrente nel libro. Soprattutto quando ci sono eventi luttuosi :-P
    Mattatoio n°5 è un romanzo che sfugge alle classificazioni, un po' sci-fi, un po' storico, ma io ci rintraccio anche degli aspetti filosofici soprattutto rispetto al modo in cui è trattata la tematica del tempo come un tutt'uno che unisce presente, passato e futuro (gli alieni di Trafalmadore insegnano, ma anche i continui viaggi nel tempo del protagonista).
    Vale la pena di leggerlo proprio per quanto è particolare.

    dit le 

  • 3

    An interesting book. Much different than I expected with its time traveling and Trafalmadore tangents. Even though I found it odd, I still found it very readable. I'd heard about this book and expe ...continuer

    An interesting book. Much different than I expected with its time traveling and Trafalmadore tangents. Even though I found it odd, I still found it very readable. I'd heard about this book and expected more of an historical recounting of the authors time in Dresden during the firebombing, and while he does discuss it, it doesn't seem to be the main point of the book. Maybe the focal point but not the main point, if that makes any sense.

    dit le 

  • 5

    Non è un libro universalmente apprezzabile, ma è perfetto per me, un libro capace di creare un senso di piacevole malinconia, con una tecnica spettacolare che può a tratti confondere, ma nulla rimane ...continuer

    Non è un libro universalmente apprezzabile, ma è perfetto per me, un libro capace di creare un senso di piacevole malinconia, con una tecnica spettacolare che può a tratti confondere, ma nulla rimane incompreso alla fine del libro.
    Uno dei pochi casi in cui vorrei un sequel!

    dit le 

  • 5

    "Ora stavano cercando, tutt'e due, di ritrovare se stessi e il proprio universo. In questo la fantascienza era un grosso aiuto".
    E' un po' questo che Vonnegut, nello scrivere questo libro, ha cercato ...continuer

    "Ora stavano cercando, tutt'e due, di ritrovare se stessi e il proprio universo. In questo la fantascienza era un grosso aiuto".
    E' un po' questo che Vonnegut, nello scrivere questo libro, ha cercato di fare.
    Ed è un po' questo che facciamo tutti noi, con lui, nel leggerlo.
    Così va la vita.

    dit le 

  • 4

    Speciale

    Kurt Vonnegut che personaggio. Romanzo davvero particolare, ma diretto, reale e spietato.
    L'autore è davvero un viaggiatore spaziale.

    Voto: 8 e mezzo/10

    dit le 

Sorting by