Abbiamo sempre vissuto nel castello

Di

Editore: Adelphi (Fabula, 206)

3.8
(1211)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 182 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Francese

Isbn-10: 8845923665 | Isbn-13: 9788845923661 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Monica Pareschi

Disponibile anche come: Altri , eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Horror , Mistero & Gialli

Ti piace Abbiamo sempre vissuto nel castello?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
"A Shirley Jackson, che non ha mai avuto bisogno di alzare la voce"; con questa dedica si apre "L'incendiaria" di Stephen King. È infatti con toni sommessi e deliziosamente sardonici che la diciottenne Mary Katherine ci racconta della grande casa avita dove vive reclusa, in uno stato di idilliaca felicità, con la bellissima sorella Constance e uno zio invalido. Non ci sarebbe nulla di strano nella loro passione per i minuti riti quotidiani, la buona cucina e il giardinaggio, se non fosse che tutti gli altri membri della famiglia Blackwood sono morti avvelenati sei anni prima, seduti a tavola, proprio lì in sala da pranzo. E quando in tanta armonia irrompe l'Estraneo (nella persona del cugino Charles), si snoda sotto i nostri occhi, con piccoli tocchi stregoneschi, una storia sottilmente perturbante che ha le ingannevoli caratteristiche formali di una commedia. Ma il malessere che ci invade via via, disorientandoci, ricorda molto da vicino i "brividi silenziosi e cumulativi" che - per usare le parole di un'ammiratrice, Dorothy Parker abbiamo provato leggendo "La lotteria". Perché anche in queste pagine Shirley Jackson si dimostra somma maestra del Male - un Male tanto più allarmante in quanto non circoscritto ai 'cattivi', ma come sotteso alla vita stessa, e riscattato solo da piccoli miracoli di follia.
Ordina per
  • 4

    Godibile come poche cose lette ultimamente. Inquietante, di quell'inquietudine surrettizia che fa tanta più paura della paura stessa, magistralmente intessuto e organizzato, non facilmente spaventoso ...continua

    Godibile come poche cose lette ultimamente. Inquietante, di quell'inquietudine surrettizia che fa tanta più paura della paura stessa, magistralmente intessuto e organizzato, non facilmente spaventoso come mi aspettavo ma molto più sottilmente raggelante.

    ha scritto il 

  • 4

    Piccolo capolavoro, davvero gradevole, all'insegna della follia e della manipolazione. Nessuno si salva dalla pazzia, tutti i personaggi a qualche titolo hanno i loro problemi eppure Mary Katherine è ...continua

    Piccolo capolavoro, davvero gradevole, all'insegna della follia e della manipolazione. Nessuno si salva dalla pazzia, tutti i personaggi a qualche titolo hanno i loro problemi eppure Mary Katherine è deliziosa con i suoi incantesimi per salvare Constance e tenerla tutta per sè e Constance... lei è un po' un mistero che non si capisce fino alla fine... ma perchè togliere la sorpresa a chi non l'ha letto?

    ha scritto il 

  • 3

    Godibile

    Il libro è davvero piacevole, come sospeso nel non detto (pur piuttosto intuibile ed ovvio) e riesce a mantenere per un po' quest'aura di indefinibilità. E' un po' come leggere la genesi reale di un r ...continua

    Il libro è davvero piacevole, come sospeso nel non detto (pur piuttosto intuibile ed ovvio) e riesce a mantenere per un po' quest'aura di indefinibilità. E' un po' come leggere la genesi reale di un racconto di paura, l'alone leggendario dietro certe storie che ci domandiamo se vere o meno. Blandamente sinistro, senza eccessi.

    ha scritto il 

  • 2

    Mi aspettavo un horror.. Almeno giallo..
    Al massimo direi gotico data l'ambientazione e i personaggi. Le due sorelle sono un po' sociopatiche ma ho letto storie molto più disturbanti e inquietanti con ...continua

    Mi aspettavo un horror.. Almeno giallo..
    Al massimo direi gotico data l'ambientazione e i personaggi. Le due sorelle sono un po' sociopatiche ma ho letto storie molto più disturbanti e inquietanti con personaggi molto più pazzi e spaventosi.
    L'unica cosa che mi ha colpito è la cattiveria delle persone. A me sembravano molto più psicopatici gli abitanti del paese che quelle due povere ragazze!
    Comunque il libro è carino, forse sono io che non sono "portata" per questo genere.

    ha scritto il 

  • 3

    come siamo felici!

    Sì, il libro è claustrofobico e la prima parte della storia mi ha fatto venire la curiosità di scoprire come e perché tutta la famiglia Blackwood era stata avvelenata anni prima.
    Il problema è che la ...continua

    Sì, il libro è claustrofobico e la prima parte della storia mi ha fatto venire la curiosità di scoprire come e perché tutta la famiglia Blackwood era stata avvelenata anni prima.
    Il problema è che la risposta ci viene data, ma avviene tutto molto lentamente, senza colpi di scena e senza un punto alla storia. Tutto resta quasi invariato fino alla fine, forse anche merito della narrazione di Mary Katherine che segue i suoi ritmi e la sua routine.
    Non male, ma l'ho trovato davvero troppo piatto.

    ha scritto il 

  • 0

    Ho iniziato questo libro che avevo da tempo in casa perchè era nominato (anzi, in un certo senso è stato co-co-protagonista) in un libro letto di recente, L'Universo nei tuoi occhi.
    Sinceramente non s ...continua

    Ho iniziato questo libro che avevo da tempo in casa perchè era nominato (anzi, in un certo senso è stato co-co-protagonista) in un libro letto di recente, L'Universo nei tuoi occhi.
    Sinceramente non so cosa pensarne, ma soprattutto non saprei categorizzarlo in un solo genere perchè è un po' di tutto ma credo sia principalmente un giallo. L'inquietudine la fa da padrona in queste pagine, ma più che voler sapere chi è stato ad assassinare una buona parte della famiglia, si spera che alla fine sia Mary Katherine che sua sorella abbiano finalmente un po' di pace, anche se in realtà per loro la vita andrebbe bene così com'è purchè gli altri le lascino in pace.
    Non so, il libro è scritto bene ma alla fine sono rimasta con un senso di incompletezza, pur avendo avuto avuto risposta alle mie domande e pur avendo anche apprezzato il finale. E' per questo che non saprei cosa aggiungere al mio commento.

    ha scritto il 

  • 4

    3.5/4*

    Se dovessi definire il romanzo in una parola, sceglierei angosciante.
    Clap clap per Shirley Jackson che riesce a trasmettere, soprattutto nei primi tre quarti del romanzo un senso di attesa e d ...continua

    3.5/4*

    Se dovessi definire il romanzo in una parola, sceglierei angosciante.
    Clap clap per Shirley Jackson che riesce a trasmettere, soprattutto nei primi tre quarti del romanzo un senso di attesa e di negatività, di cattiveria nascosta e quasi di 'sovrannaturale' (sì, io ad un certo punto ho creduto intervenisse una forza 'aliena'..).. Mi ha messo un sacco di dubbi se Mary Katherine fosse una narratrice attendibile, se fosse sciroccata o semplicemente traumatizzata.. Constance, altro gran personaggio sfaccettato: ora mi è sembrata una stronza, ora una ragazza tanto fragile, ora una furba calcolatrice! Lo zio infine.. Mi ha spesso messo a disagio, è stato difficile da inquadrare!
    Il romanzo è assai breve, ma è assolutamente ben costruito, con i 'tempi di attesa' giusti e il pathos che sale pian piano.. Il lettore è lì che freme, che aspetta qualcosa, qualcuno.. Personalmente, speravo/credevo in un finale apocalittico, di quelli che ti lasciano a bocca aperta dalla sorpresa.. Ed ecco perché - pur essendo una lettura validissima e completa - non mi ha soddisfatto al cento per cento.. Ho trovato il finale fiacco e indegno, quasi buttato lì per finire.. PEccato :(

    ha scritto il 

  • 3

    Il meglio dell'horror

    Il successo di questa autrice, secondo me, è pienamente meritato. Questo scritto breve è percorso da una sottile malia che mai mi ha abbandonato. Certo la storia in sé non è così originale. Mi sono to ...continua

    Il successo di questa autrice, secondo me, è pienamente meritato. Questo scritto breve è percorso da una sottile malia che mai mi ha abbandonato. Certo la storia in sé non è così originale. Mi sono tornate alla mente molte altre letture. Per prima la storia di Tom Wingo, il protagonista de "Il principe delle maree", e della sua famiglia con quel segreto indicibile che ne ha scosso le fondamenta e pregiudicato il futuro. Poi una serie di coppie 'invincibili' nel respingere il mondo e chiudersi nel proprio mondo. I fratelli Homer & Langley creati da Doctorow , le sorelle 'vergini suicide' di Eugenides , ancora le sorelle Blanche e Jane Hudson di Farrell. Qui a dare straordinarietà al romanzo è la scelta della giovane Mary Katherine Blackwood come voce narrante. Cosicché il lettore non si libererà mai del suo punto di vista che crea e domina in questa realtà distorta e allucinante, anzi quasi si affezionerà a Marrycat come se fosse parte di sé. Di certo Shirleyt Jackson crea un personaggio potente che difficilmente può cadere in oblio. A cominciare dal soprannome così intimo, quasi fosse un pupazzo, Marrycat continua a sorprenderci per la propria vitalità, non si rompe mai e solo guasta e travisa la realtà che la circonda, in un crescendo emotivo che mai viene a patti con la forza del bene.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    Abbiamo sempre vissuto nel castello.

    La mia recensione:
    http://breakfast-pancakes.blogspot.it/2016/12/books-abbiamo-sempre-vissuto-nel.html

    ha scritto il 

  • 3

    Ho rivalutato questo libro a distanza d'anni. L'atmosfera del racconto è disturbante, claustrofobica. Non ho provato piacere nel leggere il libro, solo tanto sollievo nel terminarlo. Eppure è una tram ...continua

    Ho rivalutato questo libro a distanza d'anni. L'atmosfera del racconto è disturbante, claustrofobica. Non ho provato piacere nel leggere il libro, solo tanto sollievo nel terminarlo. Eppure è una trama che non ho dimenticato. I personaggi sono molto ben caratterizzati psicologicamente, e questa è una caratteristica narrativa che apprezzo molto.

    ha scritto il 

Ordina per