Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Absolute Kingdom Come

By ,

Publisher: DC Comics

4.3
(72)

Language:English | Number of Pages: 340 | Format: Others | In other languages: (other languages) Spanish , Italian

Isbn-10: 1401207685 | Isbn-13: 9781401207687 | Publish date:  | Edition Slipcase

Category: Comics & Graphic Novels

Do you like Absolute Kingdom Come ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
DC Comics Absolute Editions set the standard for the highest quality, most in-depth presentation of classic graphic novels. Each oversized volume is presented in a slipcase and includes unique additional material making each Absolute Edition a cornerstone of any serious comic collection. The latest Absolute Collection is the classic KINGDOM COME, written by Mark Waid and illustrated by Alex Ross. This riveting story set in the future pits the old guard - Superman, Batman, Wonder Woman and their peers - against a new, uncompromising generation of heroes in the final war to determine the fate of the planet. Published to tie-in with the 10th Anniversary of its original publication, ABSOLUTE KINGDOM COME is packaged in a beautifully designed slipcase that features an all-new painted image by Alex Ross, annotations of the entire series, rare art, promotional images, a gallery of DC Direct Kingdom Come products, a feature on the evolution of a story page and much more.
Sorting by
  • 2

    Una enorme occasione terribilmente sprecata

    Graphic novel dal disegno splendido, dall’intavolatura dinamicissima, con colore e composizione ai limiti dell’artistico, con una trama sociale profonda e complessa… che nel capitolo finale getta via tutto per patetico buonismo. Non capisco e non condivido la scelta di rifiutare di portare alle e ...continue

    Graphic novel dal disegno splendido, dall’intavolatura dinamicissima, con colore e composizione ai limiti dell’artistico, con una trama sociale profonda e complessa… che nel capitolo finale getta via tutto per patetico buonismo. Non capisco e non condivido la scelta di rifiutare di portare alle estreme conseguenze lo scenario iniziato. Il finale pessimo è cmnq migliore del vomitevolmente melenso epilogo tra Batman Superman e WW. Sono nauseato dal fatto che mi sia stata creata una simile complessità sociale banalizzata in un finale indegno. Volevo dare 1 sola stella, ma non posso non restare estasiato dalla cura del lavoro grafico nel suo insieme.
    L’inizio della storia è un pugno nello stomaco e quando gli eventi calano il ritmo aumenta il peso sociale degli eventi; in uno scenario in cui i personaggi perseguono ciascuno i propri obiettivi, c’è posto per tutto: il paternalismo dirigista (Superman), l’autoritarismo (WWoman), il nichilismo (Batman), gli interessi privati (Luthor), l’antropologia culturale, la politica staccata dalla gente comune, la gerontocrazia, il fine che giustifica i mezzi.
    In questo “di tutto”, l’ultimo capitolo con la battaglia che tutto risolve riportando tutto al punto di partenza ma con l’aggiunta dei buoni propositi (di cui sono notoriamente lastricate le strade dell’inferno) getta nella disperazione chiunque abbia letto ed apprezzato V e Watchman.
    Il racconto pone l’umanità di fronte ad un nuovo salto evolutivo e tutto quello che gli autori sono stati capaci di cavare fuori è stato: “i vecchi eroi tornano per salvare il genere umano”. Nell’evoluzione non è mai andata così e la storia avrebbe potuto sviluppare questioni ben più serie. Si poteva fare una Storia, ma si è scelto di fare un misero fumetto. Vergogna!

    said on 

  • 5

    Grandioso.
    Buona anche l'edizione Planeta: qualche refuso che in un Absolute sarebbe meglio evitare, ma ottimo l'apparato di extra e note; così come il formato: indispensabile per godere appieno dell'arte di Ross.

    said on 

  • 2

    (Leído en el club del cómic). Supongo que para los seguidores del género será "lo más" pero a mi no me ha gustado. La historia no me ha interesado nada de nada. Sólo destaco el fotorrealismo del cómic.

    said on 

  • 5

    Sarò banale e ovvio: i disegni di Alex Ross sono di una bellezza rara: ritrae gli equivalenti di divinità, senza dimenticarne la componente umana(il fotorealismo di alcune tavole fa quasi paura)e con un grandissimo lavoro di ricerca stilistica (come testimoniano i succosissimi extra dell'edizione ...continue

    Sarò banale e ovvio: i disegni di Alex Ross sono di una bellezza rara: ritrae gli equivalenti di divinità, senza dimenticarne la componente umana(il fotorealismo di alcune tavole fa quasi paura)e con un grandissimo lavoro di ricerca stilistica (come testimoniano i succosissimi extra dell'edizione Planeta DeAgostini).
    Dal canto suo, Mark Waid elabora una storia complessa, un po' megalomane ma di grande portata epica, specie nel terzo e quarto capitolo. Il personaggio di Norman McCay, non so se volutamente, riprende quel punto di vista umano e impotente di fronte alle vicende supereroiche che Phil Sheldon aveva incarnato in Marvels.
    Resta un capolavoro assoluto del fumetto moderno.

    said on 

  • 5

    Mi tocca dargli 5 stelle perchè di più non si può dare.
    Capolavoro assoluto
    Forse non mi è mai capitato (dovrei rifletterci un pò su) di trovare un fumetto che raccogliesse disegni da 10 e lode storia e dialoghi da 10. CLAMOROSOOOOOOOOOOOOOOOOO

    said on 

  • 4

    De todos los futuros posibles en el Universo DC (el tema de la continuidad DC daría para una enciclopedia de tamaño ciclópeo) éste resulta uno de los más interesantes. Tratado con ironía, no creo que tuviera tanta fuerza de no ser por la presencia del Espectro original o detalles tan interesantes ...continue

    De todos los futuros posibles en el Universo DC (el tema de la continuidad DC daría para una enciclopedia de tamaño ciclópeo) éste resulta uno de los más interesantes. Tratado con ironía, no creo que tuviera tanta fuerza de no ser por la presencia del Espectro original o detalles tan interesantes como eliminar la presencia de Hal Jordan como Green Lantern, dejando en su papel al original Lantern de la Edad de Oro, Alan Scott.
    Demasiada presencia de Superman, aunque supongo que los fans de DC siempre esperan que aparezca cada dos por tres para sentirse tranquilos, y un tratamiento del Caballero Oscuro que ya quisieran haber ideado otros autores que tienen mucho de fama y poco de talento.
    Lo he disfrutado enormemente, por la belleza del dibujo de Alex Ross y un guión cuidando cada detalle con cariño, quizá arriesgándose demasiado al amalgamar todo en uno, pero supongo que pretenden que sea comprensible por cualquier lector. Aun así, un auténtico disfrute.

    said on 

  • 4

    Epocale

    Un magnifico fumetto scritto e disegnato da due grandi autori.

    Mark Waid mette in campo tutta la sua bravura narrativa e la conoscenza dell'Universo DC, in una storia che sa essere matura e dolorosa, supportata dai dipinti di Alex Ross qui al suo massimo livello.

    said on 

  • 4

    I disegni di Ross, favolosi come al solito, fanno un effetto strano, quasi estraniante.
    A differenza di 'Marvels' inoltre qui c'è anche una storia per cui si ha modo di leggere un fumetto oltre che osservare una galleria d'arte.
    Mark Waid stupisce con una visione apocalittica di un fut ...continue

    I disegni di Ross, favolosi come al solito, fanno un effetto strano, quasi estraniante.
    A differenza di 'Marvels' inoltre qui c'è anche una storia per cui si ha modo di leggere un fumetto oltre che osservare una galleria d'arte.
    Mark Waid stupisce con una visione apocalittica di un futuro, Meravigliose le immagini di Batman e Superman ormai fuori attività.

    said on