Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Accabadora

Di

Editore: Mondolibri

4.1
(5912)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 164 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Tedesco , Olandese , Catalano , Francese

Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: CD audio , eBook , Paperback

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Religion & Spirituality

Ti piace Accabadora?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Maria e Tzia Bonaria vivono come madre e figlia, ma la loro intesa ha il valore speciale delle cose che si sono scelte. La vecchia sarta ha visto Maria rubacchiare in un negozio, e siccome nessuno la guardava ha pensato di prenderla con sé, perché «le colpe, come le persone, iniziano a esistere se qualcuno se ne accorge». E adesso avrà molto da insegnare a quella bambina cocciuta e sola: come cucire le asole, come armarsi per le guerre che l'aspettano, come imparare l'umiltà di accogliere sia la vita sia la morte. D'altra parte, «non c'è nessun vivo che arrivi al suo giorno senza aver avuto padri e madri a ogni angolo di strada». Perché Maria sia finita a vivere in casa di Bonaria Urrai, è un mistero che a Soreni si fa fatica a comprendere. La vecchia e la bambina camminano per le strade del paese seguite da uno strascico di commenti malevoli, eppure è così semplice: Tzia Bonaria ha preso Maria con sé, la farà crescere e ne farà la sua erede, chiedendole in cambio la presenza e la cura per quando sarà lei ad averne bisogno. Quarta figlia femmina di madre vedova, Maria è abituata a pensarsi, lei per prima, come «l'ultima». Per questo non finiscono di sorprenderla il rispetto e le attenzioni della vecchia sarta del paese, che le ha offerto una casa e un futuro, ma soprattutto la lascia vivere e non sembra desiderare niente al posto suo. «Tutt'a un tratto era come se fosse stato sempre così, anima e fill'e anima, un modo meno colpevole di essere madre e figlia». Eppure c'è qualcosa in questa vecchia vestita di nero e nei suoi silenzi lunghi, c'è un'aura misteriosa che l'accompagna, insieme a quell'ombra di spavento che accende negli occhi di chi la incontra. Ci sono uscite notturne che Maria intercetta ma non capisce, e una sapienza quasi millenaria riguardo alle cose della vita e della morte. Quello che tutti sanno e che Maria non immagina, è che Tzia Bonaria Urrai cuce gli abiti e conforta gli animi, conosce i sortilegi e le fatture, ma quando è necessario è pronta a entrare nelle case per portare una morte pietosa. Il suo è il gesto amorevole e finale dell'accabadora, l'ultima madre. La Sardegna degli anni Cinquanta è un mondo antico sull'orlo del precipizio, ha le sue regole e i suoi divieti, una lingua atavica e taciti patti condivisi. La comunità è come un organismo, conosce le proprie esigenze per istinto e senza troppe parole sa come affrontarle. Sa come unire due solitudini, sa quali vincoli non si possono violare, sa dare una fine a chi la cerca. Michela Murgia, con una lingua scabra e poetica insieme, usa tutta la forza della letteratura per affrontare un tema così complesso senza semplificarlo. E trova le parole per interrogare il nostro mondo mentre racconta di quell'universo lontano e del suo equilibrio segreto e sostanziale, dove le domande avevano risposte chiare come le tessere di un abbecedario, l'alfabeto elementare di «quando gli oggetti e il loro nome erano misteri non ancora separati dalla violenza sottile dell'analisi logica».
Ordina per
  • 4

    Prosa aspra e suggestiva unita a tutta la forza della scrittura al femminile per affrontare il controverso dibattito etico sull'eutanasia.
    Un inizio morbido e delicato che improvvisamente si abbandona ...continua

    Prosa aspra e suggestiva unita a tutta la forza della scrittura al femminile per affrontare il controverso dibattito etico sull'eutanasia.
    Un inizio morbido e delicato che improvvisamente si abbandona al pathos per esplorare i lati più bui dell'animo umano.
    Ma non una lacrima di troppo, non una parola di troppo.....questo piccolo romanzo è un concentrato di emozioni.

    ha scritto il 

  • 0

    Nonostante il linguaggio comune, non troppo elaborato, l'autrice riesce a trasmettere tutte le sensazioni della solitudine e della serenità quando trovi qualcuno, che senza voler niente in cambio si o ...continua

    Nonostante il linguaggio comune, non troppo elaborato, l'autrice riesce a trasmettere tutte le sensazioni della solitudine e della serenità quando trovi qualcuno, che senza voler niente in cambio si occupa di te. La terra descritta rivela un mondo con le proprie regole, che si adegua alle situazioni senza troppi problemi.
    Aswad

    ha scritto il 

  • 4

    Finito. É sicuramente un bel libro, ma trovo che il modo di scrivere sia troppo artificialmente arzigogolato, complesso, non lineare al punto da richiedere spesso una rilettura per trovare il bandolo ...continua

    Finito. É sicuramente un bel libro, ma trovo che il modo di scrivere sia troppo artificialmente arzigogolato, complesso, non lineare al punto da richiedere spesso una rilettura per trovare il bandolo del discorso. A parte questo, mi é piaciuto molto, quindi 4 stellette meno meno.:)

    ha scritto il 

  • 4

    ne avevo rimandato la lettura da tempo, avevo paura non avesse niente per me, invece mi sbaglavo.
    poche pagine davvero coinvolgenti, forse troppo racconto, troppo sfumato, ma acuto e consistente.

    Ma a ...continua

    ne avevo rimandato la lettura da tempo, avevo paura non avesse niente per me, invece mi sbaglavo.
    poche pagine davvero coinvolgenti, forse troppo racconto, troppo sfumato, ma acuto e consistente.

    Ma a voi Maria e' mai sembrata bambina? O solo a me e' sempre sembrata donna?

    ha scritto il 

  • 4

    Interessante

    L'affresco di una Sardegna atavica, pur in un periodo relativamente vicino, che analizza il rapporto tra vita e morte, giusto e ingiusto seguendo le vite di due donne, l'anziana accabadora Bonaria e l ...continua

    L'affresco di una Sardegna atavica, pur in un periodo relativamente vicino, che analizza il rapporto tra vita e morte, giusto e ingiusto seguendo le vite di due donne, l'anziana accabadora Bonaria e la sua fill e'anima Maria e l'assunzione di consapevolezza di quest'ultima. Consiglio.

    ha scritto il 

  • 4

    L'idea più bella di questo libro è la lingua usata. Non vi sono troppi dialettalismi o costruzioni lessicali tipiche del sardo, ma il ritmo della narrazione, l'uso e la scelta delle parole, della cost ...continua

    L'idea più bella di questo libro è la lingua usata. Non vi sono troppi dialettalismi o costruzioni lessicali tipiche del sardo, ma il ritmo della narrazione, l'uso e la scelta delle parole, della costruzione della frase, ricrea i ritmi di quella terra: ritmi secchi, duri di una realtà lontana dalla patinata idea moderna della sardegna che ha l'agrodolce del ricordo dei tempi andati, ma senza rimpianti e senza pietismi. E' un bel libro nell'idea del soggetto esplorato e nel modo di scrittura.
    Non bisogna aspettarsi colpi di scena o strani stravolgimenti, ma bisogna farsi prendere dal ritmo delle parole, lasciarsi avvolgere come una coperta.

    ha scritto il 

  • 3

    Pre-commento:
    Murgia scrive bene ma è un po' scarsa sui fondamentali. Per scardinare le regole bisogna conoscerle alla perfezione.
    L'ovazione di critica e pubblico per ora non sembra trovare riscontro ...continua

    Pre-commento:
    Murgia scrive bene ma è un po' scarsa sui fondamentali. Per scardinare le regole bisogna conoscerle alla perfezione.
    L'ovazione di critica e pubblico per ora non sembra trovare riscontro in una reale consistenza.
    Classica situazione di cucina piena di fumo con misero arrosto.

    Al termine della lettura l'autrice si conferma dotata di genuino talento nelle belle lettere.
    Purtroppo abbondano i topoi sulla sardità, come l'immancabile ed incongrua trasferta in continente e le manipolazioni di dati di realtà (l'Ordine dei Cavalieri di Vittorio Veneto venne istituito dopo la II Guerra Mondiale).

    ha scritto il 

  • 4

    Delicato

    Nonostante l'argomento, un libro delicato e profondo come pochi.
    Una scrittura fluida e appassionata, che accompagna una storia di tradizioni e di sentimenti, spero non dimenticati: pagine leggere com ...continua

    Nonostante l'argomento, un libro delicato e profondo come pochi.
    Una scrittura fluida e appassionata, che accompagna una storia di tradizioni e di sentimenti, spero non dimenticati: pagine leggere come una brezza estiva ma che lasciano una sensazione di piacevole "consistenza".

    ha scritto il 

  • 3

    Ho riletto la prima pagina ben 6 volte, arrivando a pensare che non forse non valeva la pena nemmeno costringersi a proseguire, e poi..devo smentire del tutto questa impressione. Un buon libro. ...continua

    Ho riletto la prima pagina ben 6 volte, arrivando a pensare che non forse non valeva la pena nemmeno costringersi a proseguire, e poi..devo smentire del tutto questa impressione. Un buon libro.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per