Accabadora

Voto medio di 6957
| 1.590 contributi totali di cui 1.407 recensioni , 175 citazioni , 0 immagini , 8 note , 0 video
«Acabar», in spagnolo, significa finire. E in sardo «accabadora» è colei che finisce. Agli occhi della comunità il suo non è il gesto di un'assassina, ma quello amorevole e pietoso di chi aiuta il destino a compiersi. È lei l'ultima madre.
Fox66 (Anobii...
Ha scritto il 18/11/18

Sardigna:locus de anima.

Cancerina
Ha scritto il 12/11/18
Un argomento complesso e non facile spiegato con le ragioni del cuore
Come scoprire un bel libro per caso. Ho ascoltato l'audiolibro letto dalla stessa Murgia ed è stato coinvolgente, pieno di descrizioni particolareggiata della cultura e delle tradizioni sarde che amo. La storia tratta un argomento delicato e profondo...Continua
Alessia Zanini
Ha scritto il 29/10/18
Breve, ma nonostante questo l'ambientazione e i personaggi sono perfettamente tracciati, tanto che si respira l'atmosfera creata dall'autrice in ogni pagina, e sembra viva, autentica. Indubbiamente intenso, ricco di riflessioni e spunti molto interes...Continua
Lilian
Ha scritto il 29/10/18

Grazie all'autrice...del libro e della lettura. Un bel tuffo in una Sardegna d'altri tempi. Chiudi gli occhi, ascolti le parole e ti trovi in posti che odorano di terra, di dolci di fuoco e di stanze chiuse. Bellissimo!

Beatrice
Ha scritto il 28/10/18
Pietà o colpa?
Mi accosto a questo romanzo su suggerimento di un gruppo di lettori e scopro per la prima volta Michela Murgia. Fin da subito il libro mi affascina perché ambientato in Sardegna, regione per la quale ho un debole, non solo per le bellezze paesaggisti...Continua

Sissi
Ha scritto il Apr 02, 2018, 15:44
“Come gli occhi della civetta, ci sono pensieri che non sopportano la luce piena. Non possono nascere che di notte, dove la loro funzione è la stessa della luna, necessaria a smuovere maree di senso in qualche invisibile altrove dell’anima. “
Pag. 92
Simona Bagnasco
Ha scritto il Aug 07, 2017, 22:28
Il dolore è nudo, e il nero serve a coprirlo, non a farlo vedere.
Oriana
Ha scritto il Nov 10, 2016, 15:07
Riemergere da sè stessi è tanto difficile quanto più si è profondi.
Amita
Ha scritto il Sep 23, 2016, 18:37
Le colpe, come le persone, iniziano ad esistere quando qualcuno se ne accorge
Mariguiraud
Ha scritto il Apr 15, 2016, 18:46
Riemergere da se stessi è tanto più difficile quanto più si è profondi.

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Katia
Ha scritto il Oct 10, 2016, 22:35
Accabadora Pagina 69 http://www.liberolibro.it/accabadora-di-michela-murgia/
Manoz
Ha scritto il Sep 20, 2015, 18:16
Quando si ha abbastanza tempo anche la rabbia si organizza.
Pag. 80
† Morgana †...
Ha scritto il Jan 01, 2015, 13:50
Le colpe, come le persone, iniziano a esistere se qualcuno se ne accorge.
Pag. 145
† Morgana †...
Ha scritto il Jan 01, 2015, 13:50
A quindici anni Bonaria era già in grado di capire certe cose, farle o vederle fare è la stessa colpa, e mai da allora le era venuto il dubbio di non essere capace di distinguere tra la pietà e il delitto.
Pag. 93
† Morgana †...
Ha scritto il Jan 01, 2015, 13:49
Come gli occhi della civetta, ci sono pensieri che non sopportano la luce piena. Non posso nascere che di notte, dove la loro funzione è la stessa della luna, necessaria a smuovere maree di senso in qualche invisibile altrove dell'anima.
Pag. 92

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi