Nei casermoni di via Stalingrado a Piombino avere quattordici anni è difficile. E se tuo padre è un buono a nulla o si spezza la schiena nelle acciaierie che danno pane e disperazione a mezza città, il massimo che puoi desiderare è trovare il ... Continua
Ha scritto il 13/08/17
Probabilmente il solo elemento positivo di questo libro è che si fa leggere e quindi te ne liberi in poco tempo (nel mio caso una giornata circa).Per il resto, la periferia di Piombino sembrerebbe essere degradata quanto la peggior Detroit e i suoi ..." Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il 25/07/17
Inizio travolgente, un fiume in piena di personaggi e situazioni di provincia (la piccola provincia), che trasudano emozioni e colpiscono dritto alla bocca dello stomaco. Poi l'autrice si fa un po' prendere la mano da una storia bellissima, ma di ..." Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il 21/06/17
Libro acerbo. A mio parere, questo racconto può colpire solo chi conosce poco o nulla la provincia che s'affanna a descrivere. Non sono poche le forzature, nella storia come anche nella caratterizzazione dei personaggi, e anche lo stile quando si ..." Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il 18/06/17
null
Periferie operaie, cemento bollente, bar squallidi, vie dai nomi comunisti che non hanno più nessun significato. Due adolescenti vivono un mondo che fa schifo, dentro e fuori le mura di casa. Tra sogni infranti, tragedie incombenti e un presente ..." Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il 02/06/17
Mentre lo leggevo, questo libro insulsetto, lo distruggevo mentalmente, lo ridicolizzavo senza pietà in una recensione ipotetica che mi sono dimenticato di scrivere. Eppure era chiara e terribile: era un'opera d'arte del disprezzo; non lasciava ..." Continua...
  • 2 mi piace
  • Rispondi

Ha scritto il Aug 28, 2015, 18:37
E mentre quello legge l'ennesimo articolo sul mondo che va a scatafascio, Anna pensa che il 22 novembre è il giorno in cui è nata Francesca, e l'11 settembre è il giorno in cui al bar da Aldo gli era mancata Francesca.
  • Rispondi
Ha scritto il Aug 28, 2015, 18:35
Il sole era intenso e bruno. Splendeva come se fosse l'inizio, come se stesse per ricominciare tutto: l'estate, i giochi, Francesca distesa sul bagnasciuga... Un sole ingannevole.
  • Rispondi
Ha scritto il Aug 07, 2015, 13:54
La vita è fatta di due sentimenti, pensò Francesca, la schiavitù e la libertà.
Pag. 203
  • Rispondi
Ha scritto il Jun 13, 2015, 22:03
Le cose che ritornano e le cose che non possono tornare.
Pag. 557
  • Rispondi
Ha scritto il Jun 13, 2015, 22:03
Le cose che sono e le cose che vorrei essere.
Pag. 175
  • Rispondi

Ha scritto il Oct 22, 2016, 16:10
ANNA & FRANCESCA nel film
ANNA & FRANCESCA nel film
  • Rispondi
Ha scritto il Oct 22, 2016, 16:09
LUCCHINI Acciaieria
LUCCHINI Acciaieria
  • Rispondi
Ha scritto il Oct 22, 2016, 16:08
altoforno
altoforno
  • Rispondi
Ha scritto il Oct 22, 2016, 16:08
piombino
piombino
  • Rispondi
Ha scritto il Jul 21, 2015, 05:57
Acciaio
Acciaio
  • Rispondi

Ha scritto il Jul 25, 2017, 19:47
I ragazzi (e le ragazze) della 56. Strada... a Piombino
La tragedia sempre dietro l'angolo, ma anche tra le mura di casa...
  • Rispondi
Ha scritto il Jul 18, 2017, 12:52
I ragazzi (e le ragazze) della 56. Strada... a Piombino La tragedia sempre dietro l'angolo, ma anche tra le mura di casa...Inizio travolgente, un fiume in piena di personaggi e situazioni di provincia (la piccola provincia), che trasudano emozioni e ... Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il Jun 13, 2016, 12:57
Collocazione : NR 903
  • Rispondi
Ha scritto il Apr 26, 2016, 15:51
853.92
AVA 15969
Letteratura Italiana
  • Rispondi

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi