Ad occhi chiusi

Di

Editore: Mondolibri

3.9
(4536)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 253 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Tedesco , Catalano , Spagnolo , Olandese

Isbn-10: A000022333 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Copertina morbida e spillati , CD audio , Altri , eBook

Genere: Criminalità , Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace Ad occhi chiusi?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Protagonista della serie è Guido Guerrieri, avvocato di successo in una Bari divisa tra storie di crimini e truffe, e benestanti eleganti e acculturati.
    L'avvocato Guerrieri è astuto, onesto (sebbene ...continua

    Protagonista della serie è Guido Guerrieri, avvocato di successo in una Bari divisa tra storie di crimini e truffe, e benestanti eleganti e acculturati.
    L'avvocato Guerrieri è astuto, onesto (sebbene con qualche perplessità) e soprattutto molto umano. E' interessante arrivare a conoscere ciò che si nasconde dietro i pensieri di un personaggio del genere ed appurare che la paura di essere banale ce l'abbiamo in comune proprio tutti.
    A tratti mi è sembrato un pò costruito (i ricordi dell'infanzia ad esempio), ma per il resto mi ha saputo tenere incollata alle pagine. Tra l'altro mi interessa molto questo sottogenere del giallo, ovvero il giallo giudiziario, forse perché mi ha sempre attirato il diritto, soprattutto da punto di vista etico: è giusto difendere una persona davanti alla legge, anche se sappiamo che questa persona ha sbagliato? Il dovere morale del giudice o dell'avvocato è quello di obbedire alla legge anche quando non tutela la persona?
    Mi sembra che le storie di Carofiglio tocchino in parte anche queste grandi questioni, ecco perché lo terrò ben presente.

    ha scritto il 

  • 3

    La Bari di Guerrieri

    Seconda puntata delle vicende dell'avvocato Guerrieri. La trama, rispetto al primo episodio, è sicuramente migliore: la storia è più avvincente ed è raccontata con l'immutata verve narrativa che contr ...continua

    Seconda puntata delle vicende dell'avvocato Guerrieri. La trama, rispetto al primo episodio, è sicuramente migliore: la storia è più avvincente ed è raccontata con l'immutata verve narrativa che contraddistingue la scrittura di Carofiglio.

    ha scritto il 

  • 3

    giallo elegante

    Eh già un giallo elegante, discreto, sensibile come il suo protagonista: l'avvocato Guerrieri. Eppure anche un giallo estremamente attuale, nonostante sia del 2005 , credo, perchè parla della violenza ...continua

    Eh già un giallo elegante, discreto, sensibile come il suo protagonista: l'avvocato Guerrieri. Eppure anche un giallo estremamente attuale, nonostante sia del 2005 , credo, perchè parla della violenza sulle donne, un argomento molto "moderno" e se vogliamo "molto antico"
    . Oltre ad un gradevole giallo, senza grandi inchieste, , c'è poco da scoprire, tranne forse la storia di suor Claudia, è anche un libro che parla al cuore, con le realtà, "delle piccole cose, degli impalpabili sentimenti, dei silenzi, degli sguardi", che rendono grandi i sentimenti tout court. I
    nsomma forse anche più di tre stelle , ma non ancora 4

    ha scritto il 

  • 4

    ma quanto è simpatico l'avvocato Guerrieri,come un dito....
    E' il tipico sbruffone affetto dalla sindrome di "io sono meglio di te,qualsiasi cosa tu sia" .
    i suoi film preferiti? o sono muti o in bian ...continua

    ma quanto è simpatico l'avvocato Guerrieri,come un dito....
    E' il tipico sbruffone affetto dalla sindrome di "io sono meglio di te,qualsiasi cosa tu sia" .
    i suoi film preferiti? o sono muti o in bianco e nero.
    il suo cantante o gruppo preferito?è inutile che cerchi,non lo trovi su wikipedia...anzi neppure wikiLeaks lo ha mai sentito nominare.
    il libro che ha cambiato la sua vita? è di uno scrittore della Patagonia...che ne ha fatto solo due copie.
    il buon Guido cucina e mangia solo se c'è della buona musica di sottofondo...mica come noi poveri umani banali che guardiamo Forum
    all'ora di pranzo.
    e come se non bastasse è anche maledettamente bravo.
    credo di aver conosciuto la sua versione femminile al liceo....
    no,non mi sono sbagliata con le stelline,lo stile di Carofiglio è unico:semplice ma accattivante...lo consiglio anche ai non amanti del genere.

    ha scritto il 

  • 3

    "Chi è cedevole supera le prove; chi è duro, rigido, prima o poi viene sconfitto, e spezzato"

    Una cosa che ho capito in questa vita, che altro non è se non un viaggio verso noi stessi, è che oltre ai romanzi classici, mi piacciano i gialli. Soprattutto mi piace leggerli d'estate; l'ideale è so ...continua

    Una cosa che ho capito in questa vita, che altro non è se non un viaggio verso noi stessi, è che oltre ai romanzi classici, mi piacciano i gialli. Soprattutto mi piace leggerli d'estate; l'ideale è sotto l'ombrellone.
    Per varie stagioni mi ha fatto compagnia Montalbano, ma i rapporti col tempo si sono raffreddati e poi interrotti. Questa estate la rivelazione è stata l'Avv. Guerrieri di Carofiglio.
    Ad occhi chiusi è la seconda avventura di Guerrieri che leggo, dopo Le perfezioni provvisorie - che cronologicamente, però, sono il quarto romanzo che lo vede protagonista -, e non sarà l'ultima.
    Il titolo rimanda a una sensazione di fiducia, di lasciarsi andare e di mollare i freni, è, infatti, solo allora che chiudiamo gli occhi, abbassando le difese e accettando di perdere il controllo della situazione.
    Stavolta il caso bollente che ha l'ardire di accettare ha a che fare con la difesa di una giovane donna vittima di stalking e lo stalker è figlio di un pezzo grosso di Bari. Ma il personaggio centrale è l'enigmatica Suor Claudia che nasconde un segreto e una storia laceranti. Ancora una volta il caso è quasi un pretesto per guardarsi dentro, ma anche per osservare lo scorrere scomposto della vita di fuori. La storia si conclude nel peggiore dei modi per la sua assistita, ma ad ogni modo un lieto fine c'è: Guerrieri riesce a vincere una delle sue paure ataviche e si getta col paracadute, ad occhi chiusi. Segno che ancora qualcosa di buono c'è e può sempre esserci.
    Il personaggio di Guerrieri mi va proprio a genio, così sensibile, ironico (persino sarcastico) e insicuro. E ancora, nostalgico, ansioso e malinconico. Mi ci ritrovo tantissimo in lui e in certe sue manie.
    L'autore, Carofiglio, ha il merito, dovuto immagino alla sua grande preparazione di magistrato, di rendere movimentato e accattivante persino un processo italiano tra giudici che se ne vorrebbero lavare le mani, avvocati prezzolati e chi più ne ha più ne metta.
    Altra nota caratteristica (e che apprezzo) del suo stile è l'infarcire i pensieri di Guerrieri con rimandi musicali, letterari, cinematografici etc. il che rende la sua storia impastata di realtà, quindi più verosimile.
    Unica pecca di questo stile così chiaro e scorrevole è, forse, la scontatezza nella sequenza delle parole scelte che mi portava a correre mentre leggevo, togliendomi il gusto di gustare per bene le parole.

    ha scritto il 

  • 3

    Un libro carino, ben scritto e interessante, una lettura piacevole anche se non particolarmente innovativa. Una sorta di legal thriller senza troppo peso alla parte "legal" e con una componente umana ...continua

    Un libro carino, ben scritto e interessante, una lettura piacevole anche se non particolarmente innovativa. Una sorta di legal thriller senza troppo peso alla parte "legal" e con una componente umana ben fatta. Promosso.

    ha scritto il 

Ordina per