Adventures of Huckleberry Finn

(Barnes & Noble Classics)

By

Publisher: Barnes & Noble Classics

4.1
(2780)

Language: English | Number of Pages: 352 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) Spanish , Catalan , German , Italian , French , Czech , Greek , Danish , Portuguese , Chi traditional , Swedish , Polish

Isbn-10: 159308157X | Isbn-13: 9781593081577 | Publish date: 

Preface Robert G. O'Meally , Robert O'Meally

Also available as: Paperback , Mass Market Paperback , Library Binding , Audio Cassette , Others , School & Library Binding , Softcover and Stapled , Audio CD , Unbound , eBook

Category: Children , Fiction & Literature , Travel

Do you like Adventures of Huckleberry Finn ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
"Adventures of Huckleberry Finn is the only one of Mark Twain's various books which can be called a masterpiece. I do not suggest that it is his only book of permanent interest; but it is the only one in which his genius is completely realized, and the only one which creates its own category." T. S. EliotHuckleberry Finn, rebel against school and church, casual inheritor of gold treasure, rafter of the Mississippi, and savior of Jim the runaway slave, is the archetypical American maverick.Fleeing the respectable society that wants to "sivilize" him, Huck Finn shoves off with Jim on a rhapsodic raft journey down the Mississippi River. The two bind themselves to one another, becoming intimate friends and agreeing "there warn't no home like a raft, after all. Other places do seem so cramped up and smothery, but a raft don't. You feel mighty free and easy and comfortable on a raft."As Huck learns about love, responsibility, and morality, the trip becomes a metaphoric voyage through his own soul, culminating in the glorious moment when he decides to "go to hell" rather than return Jim to slavery.Mark Twain defined classic as "a book which people praise and don't read"; Huckleberry Finn is a happy exception to his own rule. Twain's mastery of dialect, coupled with his famous wit, has made Adventures of Huckleberry Finn one of the most loved and distinctly American classics ever written.
Sorting by
  • 5

    Letto quasi tutto di filata

    Come già segnalato, bisogna prestare molta attenzione alla traduzione perché uno degli obiettivi del testo in lingua originale, è quello di rendere la storia ancora più coinvolgente anche nel tipo di ...continue

    Come già segnalato, bisogna prestare molta attenzione alla traduzione perché uno degli obiettivi del testo in lingua originale, è quello di rendere la storia ancora più coinvolgente anche nel tipo di scrittura utilizzato.
    Decisamente molto più avvincente la prima parte. Tutta la parte centrale perde un po' della sua essenza finendo per essere un po' troppo descrittiva e facendo venir meno quel senso di immersione nella storia.
    Si riprende nel finale e, pur essendo una lettura quasi adolescenziale, lascia comunque intendere che ci sono altri messaggi anche più maturi a svariati livelli.

    said on 

  • 5

    Ottima la traduzione di Culicchia

    Ottima la traduzione di Culicchia, che ha messo in evidenza il vero punto di forza di questo capolavoro della letteratura: Twain ha saputo creare per la prima volta un linguaggio di strada, lontano da ...continue

    Ottima la traduzione di Culicchia, che ha messo in evidenza il vero punto di forza di questo capolavoro della letteratura: Twain ha saputo creare per la prima volta un linguaggio di strada, lontano dai canoni classici e per questo "autentico". In molti ancora oggi ci provano. Ma provate a leggere libri scritti in prima persona con protagonisti bambini/ragazzi: spesso parlano meglio di un uomo con dieci lauree. Twain, nel 1884, ha saputo essere più moderno della maggior parte degli scrittori di oggi.

    said on 

  • 4

    noi, soli lungo il fiume

    innocenza, libertà , amicizia, imbrogli, alla fine la perdita dei pregiudizi. Molto americano, Grande, ed efficace, capacità di riprodurre linguaggi diversi, Divertente anche. E poi Twain mi è sempre ...continue

    innocenza, libertà , amicizia, imbrogli, alla fine la perdita dei pregiudizi. Molto americano, Grande, ed efficace, capacità di riprodurre linguaggi diversi, Divertente anche. E poi Twain mi è sempre piaciuto.

    said on 

  • 4

    Un bellissimo libro su libertà ed amicizia, al di là delle convenzioni sociali :)

    Se vi va, ne parlo più a lungo qui: https://perseinunbuonlibro.wordpress.com/2016/09/20/ilclassicodelmese-huckleberry- ...continue

    Un bellissimo libro su libertà ed amicizia, al di là delle convenzioni sociali :)

    Se vi va, ne parlo più a lungo qui: https://perseinunbuonlibro.wordpress.com/2016/09/20/ilclassicodelmese-huckleberry-finn/

    said on 

  • 4

    Twain non ripete

    Il fiume è sempre quello: il grande Mississippi, a cui si aggiunge quel Sud rurale in cui la penna di Twain mi aveva già fatto immergere con le avventure di Tom Sawyer. Il protagonista diventa Huck, l ...continue

    Il fiume è sempre quello: il grande Mississippi, a cui si aggiunge quel Sud rurale in cui la penna di Twain mi aveva già fatto immergere con le avventure di Tom Sawyer. Il protagonista diventa Huck, l'amico di Tom.
    Con queste premesse non sembrerebbero esserci le fondamenta necessarie a vivere un'altra lettura avvincente e invece, fin dalla prima riga, ci si accorge subito di quanto l'aria sia cambiata.
    Lo stile è completamente diverso. Se Tom Sawyer è visto e descritto con gli occhi del narratore, Huck Finn si presenta e ci parla in prima persona. Le avventure sono il suo diario, scritto con le sue parole.
    Lo sguardo che si apre fa riflettere sulla situazione della schiavitù, non affrontata direttamente ma descritta per quello che era, senza alcuna retorica e per questo estremamente più efficace.
    Twain riesce a mantenere il linguaggio di Huck fino alla fine e questo toglie al libro quei momenti di scrittura "adulta", che possiamo ritrovare nelle avventure di Tom Sawyer.
    Twain non ripete, non si adagia e va oltre, rompe gli schemi dimostrando il talento non comune della sua penna.

    said on 

  • 5

    E' una bellissima lettura in cui l'A. pone le basi del linguaggio letterario del romanzo americano del Novecento. In Huckleberry Finn c’è l’America con il suo fiume, la sua gente, i suoi problemi e la ...continue

    E' una bellissima lettura in cui l'A. pone le basi del linguaggio letterario del romanzo americano del Novecento. In Huckleberry Finn c’è l’America con il suo fiume, la sua gente, i suoi problemi e la sua storia, ed anche tanta, tanta letteratura.

    said on 

  • 4

    "Ma succede sempre così: non ha importanza se ti comporti bene o male. La coscienza non ha buonsenso e ti si rivolta semrpe contro, in qualunque caso. [...] La coscienza si piglia più spazio di tutti ...continue

    "Ma succede sempre così: non ha importanza se ti comporti bene o male. La coscienza non ha buonsenso e ti si rivolta semrpe contro, in qualunque caso. [...] La coscienza si piglia più spazio di tutti gli organi vitali, eppure non serve a un cacchio. Lo dice pure Tom Sawyer."

    said on 

Sorting by
Sorting by