Affinity

(A Virago V)

By

Publisher: VIRAGO (LITT)

3.8
(387)

Language: English | Number of Pages: 368 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Chi traditional , Japanese , French , Italian , Spanish , German , Dutch , Portuguese , Swedish , Polish

Isbn-10: 186049692X | Isbn-13: 9781860496929 | Publish date:  | Edition New Ed

Also available as: Softcover and Stapled , Hardcover , Others , eBook

Category: Fiction & Literature , Gay & Lesbian , Mystery & Thrillers

Do you like Affinity ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Set in and around the women's prison at Milbank in the 1870's , AFFINITY is an eerie and utterly compelling ghost story, a complex and intriguing literary mystery and a poignant love story with an unexpected twist in the tale. Following the death of her father, Margaret Prior has decided to pursue some 'good work' with the lady criminals of one of London's most notorious gaols. Surrounded by prisoners, murderers and common thieves, Margaret feels herself drawn to one of the prisons more unlikely inmates - the imprisoned spiritualist - Selina Dawes. Sympathetic to the plight of this innocent-seeming girl, Margaret sees herself dispensing guidance and perhaps friendship on her visits, little expecting to find herself dabbling in a twilight world of seances, shadows, unruly spirits and unseemly passions.
Sorting by
  • 3

    Affinità

    Sarah Waters, scrittrice gallese nata nel 1966, si è laureata in Letteratura Inglese a Canterbury ed è considerata una scrittrice lesbica, come lei stessa si definisce, nota per i suoi romanzi sopratt ...continue

    Sarah Waters, scrittrice gallese nata nel 1966, si è laureata in Letteratura Inglese a Canterbury ed è considerata una scrittrice lesbica, come lei stessa si definisce, nota per i suoi romanzi soprattutto ambientati in epoca vittoriana. Vincitrice di numerosi premi letterari, è nota soprattutto per la sua “trilogia vittoriana” rappresentata dai suoi primi tre romanzi: “Carezze di velluto”(1998), “Affinità”(1999), “Ladra”(2002), tutti pubblicati in Italia da Ponte alle Grazie, anche se non in ordine di uscita.
    Nella Londra del 1874, Margaret Prior, una giovane donna di famiglia altolocata, per uscire da un periodo per lei molto difficile culminato con un tentativo di suicidio, decide di dedicarsi a portare conforto alle detenute della vicina prigione di Millbank.
    Ancora sconvolta per la morte dell’amato padre, con la mente confusa da dosi sempre crescenti di cloralio e di laudano, somministratele dalla madre per permetterle di tranquillizzarsi e di dormire, Margaret incontra nel carcere una detenuta davvero speciale: è Selina Dawes, una giovane, bellissima e potente medium che sconta una lunga pena per truffa aggravata da un’accusa di aggressione e da una morte misteriosa.
    Affascinata dalla donna, Margaret incomincia a provare per lei sentimenti e pulsioni sempre più forti che la indurranno, complice la benedizione degli spiriti che si manifestano in modo palese ma sempre differente, a prendere delle drastiche decisioni per cambiare il suo destino e quello dell’oggetto del suo amore, un destino che sembra ormai segnato per entrambe. La loro attrazione ogni giorno più forte, le atmosfere sempre più cupe, le apparizioni e sparizioni di oggetti o persone, le visioni oniriche, ma anche terribili sospetti e dubbi inquietanti, trascineranno il lettore verso un finale facilmente intuibile ma non meno doloroso per chi lo vive in prima persona.
    Scritto, come sempre, con grande eleganza e scorrevolezza nell’inseguire in equilibrio precario il filo della follia amorosa, la Waters affronta con delicatezza temi ancora scottanti come l’omosessualità femminile con delle storie dense di sentimenti e di istinti incontenibili, incorniciate da un’ambientazione storica descritta nei minimi particolari con grande maestria.
    Lento, doloroso, suggestivo, seducente, imperdibile per gli amanti dei romanzi ambientati in epoca vittoriana.

    said on 

  • 5

    Ascoltato come audiolibro.

    Bellissima prosa e ottima narratrice (Juanita McMahon) che aggiungeva molto all'atmosfera "spooky" del libro. Ho apprezzato moltissimo il modo in cui la narrazione oscillava ...continue

    Ascoltato come audiolibro.

    Bellissima prosa e ottima narratrice (Juanita McMahon) che aggiungeva molto all'atmosfera "spooky" del libro. Ho apprezzato moltissimo il modo in cui la narrazione oscillava tra il farci credere e il farci dubitare, le due narratrici inattendibili, gli indizi sparsi (in parte colti, in parte no) e la costruzione dell'intreccio. Cercherò subito altri audiolibri della stessa autrice.

    said on 

  • 3

    L'ho trovato lento e noioso. A volte persino ripetitivo. La storia non è brutta e le descrizioni sono accurate ma stenta a decollare e non è coinvolgente.

    said on 

  • 4

    Bello ma, come direbbe Johnny Depp in Chocolat, "non è il mio preferito". La storia è interessante, ma se lo paragono a "Ladra", non regge il confronto.

    said on 

  • 2

    Il peggiore della trilogia! Lo stile dell'autrice è sempre convincente, soprattutto per quanto riguarda le suggestive descrizioni, ma il pathos che viene alimentato pagina dopo pagina si dissolve in u ...continue

    Il peggiore della trilogia! Lo stile dell'autrice è sempre convincente, soprattutto per quanto riguarda le suggestive descrizioni, ma il pathos che viene alimentato pagina dopo pagina si dissolve in una bolla di sapone con un pessimo finale che vanifica tutta la storia!

    said on 

  • 1

    scritto bene, ottima descrizione delle carceri di millbank e delle carcerate, ma trama conpletamente inutile.
    si capisce da subito come andrà a finire :(

    said on 

Sorting by