Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Afrodite

Romanzo di costumi antichi

By Pierre Louys

(7)

| Paperback

Like Afrodite ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

5 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Bellezza e crudeltà. Tutto qui. Per me, solo per questo, vince su tutta la linea. Aveva già vinto in partenza.

    Is this helpful?

    mementomihi said on Mar 14, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Pesante, per niente scorrevole. Personaggi sono delineati male, ambientazioni frettolose e poco coinvolgenti.

    Is this helpful?

    Giancarlo said on Dec 15, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    "Di lui non si poteva dire con precisione se fosse filosofo, grammatico, storico o mitologo, dato che affrontava gli studi più impegnativi con un ardore timido e una curiosità volubile. Non osava scrivere un trattato. Non sapeva costruire un dramma. ...(continue)

    "Di lui non si poteva dire con precisione se fosse filosofo, grammatico, storico o mitologo, dato che affrontava gli studi più impegnativi con un ardore timido e una curiosità volubile. Non osava scrivere un trattato. Non sapeva costruire un dramma. Il suo stile aveva un che di ipocrita, di zelante e di vano.
    ...
    Forse ognuno di noi ha una sola cosa da dire nella vita, e quelli che hanno tentato di parlare di più sono stati dei gran presuntuosi." [pp. 126 e 127]

    Non so quanto intenzionalmente, l'autore con queste parole sembra star facendo il proprio autoritratto. Apparentemente la sua rivendicazione del piacere e della voluttà ostenta propositi liberatori, rifiutando secoli di morale cristiana per riallacciarsi a un ellenismo alessandrino documentato (benché unilaterale ed esagerato). Solo che, lasciatosi alle spalle il lirismo delle <Chansons de Bilitis> (fatte passare per traduzione di un'originale greco), la costruzione romanzesca mette in fila, oltre ai lussi e ai piaceri delle cortigiane di Alessandria, più di un episodio di sadismo (uccisione della moglie del gran sacerdote, crocefissione di una schiava, momenti del baccanale da Bacchide) e si conclude con la morte "socratica" della protagonista (anzi no, con un oltraggio al suo cadavere risarcito dalla pietosa sepoltura organizzata dalle due suonatrici di flauto). L'amore e la morte (titolo di un capitolo del secondo libro): coppia di temi ineludibile, a quanto pare. A tratti viene la voglia, se non di ridere, di sorridere un po'. Ma l'abilità dello scrittore (che poteva contare su precedenti nella sua letteratura del calibro della "Salammbô" flaubertiana, di vari testi di Gautier e dei parnassiani) è indiscutibile, e tutto sommato il lavoro di elaborazione formale merita rispetto e a tratti ammirazione. Senza contare il successo internazionale che gliene venne (da noi, ovviamente da parte di D'Annunzio).

    Is this helpful?

    Luccio said on May 12, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Morbosetto e decadente, di piacevolissima lettura. Rievocazione del mondo alessandrino con lo sguardo eccitato e la volontà di scandalizzare che rivelano l'educazione cattolica.

    Is this helpful?

    Anna said on Nov 12, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Quando ho comprato questo libro non avevo la minima idea che fosse questo genere di libro. In effetti la copertina avrebbe dovuto farmi scattare un campanello di allarme, ma non ci ho fatto molto caso.
    Comunque, non me ne sono pentita, gli ho ...(continue)

    Quando ho comprato questo libro non avevo la minima idea che fosse questo genere di libro. In effetti la copertina avrebbe dovuto farmi scattare un campanello di allarme, ma non ci ho fatto molto caso.
    Comunque, non me ne sono pentita, gli ho dato 4 stelle!
    Solo 4 perchè non si fa altro che parlare di sesso. Gente che lo fa dovunque. I greci di Alessandria volevano solo fare sesso xD
    probabilmente io, come essere vivente del 21esimo secolo non riesco a capire questa mentalità, e lo accetto. Accetto i miei limiti. Effettivamente sarebbe stato bello avere oggi la stessa considerazione del corpo umano che ne avevano gli antichi greci, e secondo me in questo libro c'è anche un insegnamento a proposito di ciò, che tutt'oggi è più forte, rispetto a quando il libro è stato scritto.
    Allora per quanto riguarda i personaggi credo che quello più emblematico sia Demetrio.
    Il bello e impossibile che ogni donna vorrebbe, l'artista che ha creato la meravigliosa statua dell'Aphrodite esposta nel tempio non è soddisfatto da nessuna delle donne che gli si è gettata ai piedi. Neanche dalla regina.
    Però quando vede Criside che lo ignora, lo respinge, allora perde la testa. Si fa convincere a rubare, uccidere e profanare per lei. Ma dopo averlo fatto, dopo aver fatto innamorare definitivamente la cortigiana di lui, che cosa fa? Non prende il dono che avrebbe ricevuto in cambio. Perchè? Ho un'ipotesi u_u
    Secondo me perchè era rimasto affascinato in maniera irreversibile dalla perfezione dell'Aphrodite, in tutti gli aspetti.
    Dopo averla contemplata nel tempio è rimasto catturato tanto da non riuscire più a tollerare l'imperfezione della carne.
    Per questo da viva non tocca Criside, ma quando muore usa il suo corpo per fare l'abozzo di una statua.
    Storia d'amore particolare in effetti. E' univoca. Prima nei confronti dell'uno e poi dell'altro.
    Diciamo che le stelline sono quasi tutte dovute anche all'incredibile abilità dell'autore, che parla di sesso in maniera così delicata!

    Is this helpful?

    Serena said on Aug 14, 2011 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book