After

Di

Editore: Sperling & Kupfer (Pandora)

3.1
(564)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 448 | Formato: eBook | In altre lingue: (altre lingue) Catalano , Spagnolo , Inglese

Isbn-10: 8820093197 | Isbn-13: 9788820093198 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida

Genere: Narrativa & Letteratura , Rosa , Adolescenti

Ti piace After?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Acqua e sapone, ottimi voti e con un ragazzo perfetto che l'aspetta a casa, Tessa ama pensare di avere il controllo della sua vita. Al primo anno di college, il suo futuro sembra già segnato... Sembra, perché Tessa fa a malapena in tempo a mettere piede nel campus che subito s'imbatte in Hardin. E da allora niente è come prima.Lui è il classico cattivo ragazzo, tutto fascino e sregolatezza, arrabbiato con il mondo, arrogante e ribelle, pieno di piercing e tatuaggi. È la persona più detestabile che Tessa abbia mai conosciuto. Eppure, il giorno in cui si ritrova sola con lui, non può fare a meno di baciarlo. Un bacio che cambierà tutto. E accenderà in lei una passione incontrollabile. Una passione che, contro ogni previsione, sembra reciproca. Nonostante Hardin, per ogni passo verso di lei, con un altro poi retroceda. Per entrambi sarebbe più facile arrendersi e voltare pagina, ma se stare insieme è difficile, a tratti impossibile, lo è ancora di più stare lontani. Quello che c'è tra Tessa e Hardin è solo una storia sbagliata o l'inizio di un amore infinito?

Con oltre un miliardo di lettori online, After si è imposto come fenomeno mondiale. Prima con l'esordio da record su Wattpad, la più grande community online di scrittori self-published, dove ha totalizzato 5 milioni di commenti e 11 milioni di Mi piace. E poi in libreria, in una nuova versione, inedita e ampliata: in corso di pubblicazione in 30 paesi, After è ai primi posti delle classifiche negli Stati Uniti, in Francia, Spagna e Germania, e la Paramount Pictures ne ha già acquistato i diritti cinematografici. Ora finalmente arriva in Italia.

Ordina per
  • 2

    Il libro è ben scritto e scorrevole, anche se piuttosto ripetitivo riguardo alle difficoltà nel rapporto tra Tessa e Hardin.
    Non mi aspettavo le numerose scene di sesso, tra l'altro molto ben rapprese ...continua

    Il libro è ben scritto e scorrevole, anche se piuttosto ripetitivo riguardo alle difficoltà nel rapporto tra Tessa e Hardin.
    Non mi aspettavo le numerose scene di sesso, tra l'altro molto ben rappresentate.
    Lo definirei una piacevole via di mezzo fra "Tre metri sopra il cielo" e "50 sfumature".
    Mi rimane il forte dubbio su come evolveranno storia e personaggi nei prossimi libri...vedremo...

    ha scritto il 

  • 3

    Il bene o il male?

    Romanzo tipicamente adolescenziale. Una storia d'amore frastornata tra Tessa, ragazza di provincia, studiosa e ben educata e Hardin, classico cattivo ragazzo, con tatuaggi che frequenta solo feste e f ...continua

    Romanzo tipicamente adolescenziale. Una storia d'amore frastornata tra Tessa, ragazza di provincia, studiosa e ben educata e Hardin, classico cattivo ragazzo, con tatuaggi che frequenta solo feste e fa cose pericolose.

    La lettura è molto veloce, la storia ti appassiona fin da subito anche se sai che non potrà finire rose e fiori in quanto ci sono ormai 5 libri.

    La consiglio a chi vuole leggere qualcosa di non troppo impegnativo ma allo stesso tempo vuole immergersi nella vita di una studentessa al primo anno di università e innamorarsi anche solo una volta del ragazzino "figo" con tatuaggi.

    ha scritto il 

  • 2

    2 stelle

    "Finalmente" ho trovato il momento giusto per leggere questo libro di cui si è tanto discusso, ma fino ad ora, pur avendolo nella libreria del Kindle, non l'avevo più di tanto preso in considerazione. ...continua

    "Finalmente" ho trovato il momento giusto per leggere questo libro di cui si è tanto discusso, ma fino ad ora, pur avendolo nella libreria del Kindle, non l'avevo più di tanto preso in considerazione.
    L'ho concluso 10 minuti fa e sono ancora un po'...provata sotto tanti aspetti.
    Penso di aver odiato Tessa fin dal primo istante, dal primo capitolo, dalla prima riga: la ragazza tutta casa e chiesa, santerellina, che non beve, che si veste da suora, insomma uno stereotipo già visto e rivisto. Così come ho visto Hardin uno stereotipo, il classico bello e dannato, il più figo, quelle che tutte vogliono, pieno di tatuaggi e piercing (pensiamo ancora che avere piercing e tatuaggi significhi necessariamente essere un bad boy, un cattivo ragazzo che tutti guardano male perché si fa dei pregiudizi?! Ok.), il don giovanni e cose simili. Questo tipo di ragazzo ritengo sia ormai "superato" nel senso...credo che ormai possa far "gola" alle ragazzine dai 14 ai 16 anni circa per sentirsi ribelli, a me francamente fa solo ridere questa cosa, e per fortuna aggiungerei.
    Ritornando a Tessa, chiaramente deve imparare a piangere di meno e agire di più, ad avere forza di volontà e di essere più razionale. Ho odiato tutte le volte in cui si sono detti "No, adesso basta!" e poi si sono ritrovati insieme, perché lei, l'avrà ripetuto mille volte, non sa stare senza di lui. Insomma...lei senza alcuna personalità e questo non so come possa essere di alcun insegnamento per le giovani donne che si appassionano al libro, così come ho trovato fuori luogo il fatto che se una ragazza indossa una minigonna o un top ad una festa è una p****a o Tessa che dice a sua madre che non ha saputo tenersi stretto il padre e non so, a me queste frasette non fanno impazzire.
    Hardin è decisamente un ragazzo con dei problemi e non per il suo passato che sì, è piuttosto travagliato, ma per il modo violento in cui affronta le cose o il modo autoritario con cui si rivolge molto spesso alla protagonista che devo dire si impone poco e nulla.
    Ad un certo punto mi stavo annoiando perchè c'erano troppe frasi smielate, troppi "ti amo" buttati a caso, troppa monotonia, poi è arrivata la parte del litigio con la madre e pensavo ci fosse qualcosa di interessante, ma l'ho trovato solo ridicolo e al limite del surreale per i discorsi che venivano fuori. Sarò sadica ma ho trovato la parte migliore quella finale, la parte riguardante la scommessa, perché in ogni caso ha dato una svolta alla storia e te la fa vedere sotto un altro punto di vista e vi dirò di più, speravo anche che ad un certo punto scattasse qualcosa tra Tess e Landon, ma io sono così...amo le cose strane e complicate, ma secondo me sarebbero stati bene insieme e si che la storia non sarebbe stata scontata ;)
    Lo stile è molto semplice e basico, ho cercato di dimenticarmi per tutto il tempo che non si trattasse di una Fan Fiction e che il protagonista fosse il ritratto del tipo dei One Direction (insomma, Anna Todd...un'età ce l'hai. Perché Harry Stiles?), ma non credo di esserci riuscita. Credo leggerò il seguito ma tra qualche libro, al momento ho bisogno di disintossicarmi.

    ha scritto il 

  • 3

    Meno dark e più realismo.

    Quella di fare l'avvocato del Diavolo, o meglio di Anna Todd, è uno sporco lavoro ma qualcuno deve pur farlo; durante la lettura dell'opera sembravo Dottor Jekyll e Mister Hyde: da una parte la mia la ...continua

    Quella di fare l'avvocato del Diavolo, o meglio di Anna Todd, è uno sporco lavoro ma qualcuno deve pur farlo; durante la lettura dell'opera sembravo Dottor Jekyll e Mister Hyde: da una parte la mia laurea in filologia antica mi ordinava di stracciare tutto ma dall'altra il mio animo buontempone era catturato dalle situazioni trash. Se riuscirò a dare una spiegazione plausibile alle mie 2.5. stelline pretendo la dedica di un corso universitario sulla mia arte retorica.
    Come al solito comincio dalla pars destruens: il romanzo nasce come fansfiction su Wattpad e ciò viene ampiamente dimostrato dalla semplicità dello stile, parattattico che più parattattico non si può, dalle mancate descrizioni e dal susseguirsi di scenette che per le prime duecento pagine sembrano prese dalla sceneggiatura di "Piccoli Problemi di cuore".
    Il problema della trama è proprio questo: Tessa Young è una ragazza che vive con la mamma, un'arpia col bastone su per le chiappe abbandonata dal marito alcolizzato, e ha uno splendido e amorevole fidanzato, Noha, più piccolo di un anno. La vita di Tessa cambia nel momento in cui deve andare al college e fa la conoscenza della sua coinquilina casinista e degli amici di lei, tra cui il tatuato Hardin Scott; da qua in poi non c'è molto da dire, Tessa e Hardin cominceranno a battibeccare e a sentirsi sempre più attratti l'uno dall'altra, andranno avanti a litigi e focose riapacificazioni sino a che il colpo di scena finale non sconquasserà tutto. Fin qua la storia sembra quasi identica a "Uno splendido disastro", ma...
    Devo ammettere che, rispetto alla monnezza di Jamie McGuire, la storia ha dei pregi che non ho ancora notato in altri New Adult: ok, la protagonista all'inizio è abbastanza detestabile per la sua aria bacchettona da ragazzotta di provincia, soprattutto quando cede come una pera cotta alle provocazioni di Hardin Scott, ma dobbiamo ricordarci che il protagonista maschile non è il primo bellimbusto che passa, ha le ammalianti fossette e l'accento british di Harry Styles, inoltre, sebbene abbia seri problemi di gestione della rabbia, non è un troglodita come Travis Maddox, Hardin Scott ha la battuta pronta, ha davvero un passato oscuro che non lo fa dormire la notte, ha davvero problemi a relazionarsi col prossimo e dopo aver incontrato Tessa cerca di fare del suo meglio. Il Nostro antieroe sa quello che sta facendo, sa di essere nel torto, sa che non c'è mai stato nessuno a dargli il buon esempio e tuttavia cerca di percorrere una strada diversa da quella che conosce; non mancano gli sbagli perché Tessa è molto pretenziosa e ciò lo porta a chiudersi a riccio a suon di battute malvagie e volgari, datemi un ventenne dal passato traumatico che non farebbe la stessa cosa.
    Qua comincia la pars costruens: ciò che più ho apprezzato del romanzo è proprio il suo "realismo"; non parliamo di bad boys che vanno a scuola e poi fanno corse clandestine di macchine o si danno al pugilato, non parliamo di passati loschi, mafia e fuochi d'artificio, parliamo piuttosto di due ragazzi che vengono da passati difficili e reagiscono in maniera differente, litigano per le ex che si incontrano alle feste, sentono i primi impulsi sessuali, vanno a cena dai genitori, cercano stages per guadagnare qualcosa e nascondono le bravate con gli amici. Un altro punto a favore del "realismo afteriano" sono i dialoghi: dimenticate Oscar Wilde ma alzate la mano se non ne avete mai sentito qualcuno simile tra i corridoi della scuola o dal vostro balcone; Tessa si lagna di tutto e lui è geloso dei colleghi di lavoro, Tessa sogna subito il matrimonio e lui vuole solo convivenza, Tessa vuole conoscere gli amici di lui e dopo il suo rifiuto gli legge i messaggi. Bisogna anche ammettere che nonostante Tessa sia abbastanza petulante e sempliciotta abbia comunque una personalità abbastanza forte, perdona gli sbalzi di umore di Hardin ma ne lascia passare uno, per questo la trama è lineare ma movimentata, direi che i battibecchi sono proprio la colonna portante oltre alle scene molto osé.
    Comprendo che la severità della critica sia dovuta soprattutto al fatto che il libro è stato apprezzato da ragazze troppo giovani, che potrebbero pesare che il lato oscuro di Hardin sia figo, quando magari una ragazza di vent'anni potrebbe semplicemente farsi due risate ricordando il tizio problematico ma sexy incontrato all'università.
    Per questo consiglio questa lettura - dopotutto è un New Adult- esclusivamente a un pubblico maggiorenne ed esclusivamente amante dei ragazzi diretti e senza filtri.

    ha scritto il 

  • 1

    Perlomeno lei non si chiama Hope.
    L'ho letto perché ero curiosa e perché per impugnare la penna del recensore bisogna scrivere con cognizione di causa.
    After mi ha insegnato che certi desideri di cono ...continua

    Perlomeno lei non si chiama Hope.
    L'ho letto perché ero curiosa e perché per impugnare la penna del recensore bisogna scrivere con cognizione di causa.
    After mi ha insegnato che certi desideri di conoscenza devono soffrire la fame: saziarli richiede un prezzo troppo alto da pagare in termini di fiducia verso l'editoria rivolta alle giovani menti.
    È scandaloso che una "scrittrice" in piena età di voto nobiliti e associ a un sentimento quale l'amore, il “vero” amore, un rapporto carnale malato, distorto e figlio di masturbazioni mentali da fangirl concretizzate con l'espediente del self-insertion, ed è ancora più scandaloso che qualcuno, un procacciatore di libri con la bava alla bocca, occhi a forma di simboli di dollaro e mani in frizione l'una contro l'altra, abbia pensato di spacciare questo pattume pornografico come narrativa degna di pubblicazione.
    Non è strutturato. Non è romantico. Non è erotico. Al contrario, si trascina per 500+ pagine con i due protagonisti che giocano al tiro alla fune: si scannano, poi copulano come suini. Ripeti x100. L'apice del disagio vede diciottenni fatte e finite che saltellano e battono le manine dall'entusiasmo come personaggi qualsiasi di un qualsiasi anime giapponese per adolescenti. I dialoghi sono qualcosa di atrocemente superficiale ("mi ami?" - "sì, ti amo" - "ma tanto tanto?" - "sì, tanto", la stessa dinamica dei due innamorati della panchina di Italo Calvino) e le descrizioni al presente degli amplessi si prestano più a un manuale tecnico che a un'opera di narrativa, tanto son asettiche. La componente platonica, ovviamente, non è pervenuta, perché il fine primo dell'autrice, ancor prima di scrivere una storia degna di chiamarsi tale, è stato quello di placare le proprie ovaie adolescenti in overdrive. Harry Styles lo sa di essere proiezione sessuale nel cervello delle fan? (Nota: non si addita la fantasia a briglia sciolta, ma la sua traduzione a parole e la conseguente diffusione di pensieri reflui che sarebbero dovuti rimanere fra le pareti intime di quella fossa biologica che è la scatola cranica.)
    Machissenefrega se promuove contenuti altamente diseducativi destinati a un audience ancora in fase di sviluppo cognitivo, basta aggiudicarsi la gallina per primi e assicurarsi che deponga tanti begli ovetti, no? Per ora si conta una covata da sei, ma già li vedo fare incetta di lassativi.

    E hanno abbattuto alberi per stampare 'sta roba? Che si introduca il reato di dendrocidio. Ora.

    ha scritto il 

  • 2

    Per chi non vuole letture impegnative direi che questo libro è perfetto. Ma soprattutto è adatto alle ragazzine adolescenti che scoprono il mondo "dell'amore". Ho 27 anni e questo libro mi ha fatto ri ...continua

    Per chi non vuole letture impegnative direi che questo libro è perfetto. Ma soprattutto è adatto alle ragazzine adolescenti che scoprono il mondo "dell'amore". Ho 27 anni e questo libro mi ha fatto ripensare a 10 anni fa, a quanto si è stupidi a quella età: per questo sono contenta di averlo letto ora. Di certo se avessi avuto 17 anni avrei sognato di avere una storia simile. Ma l'amore è un'altra cosa. Leggerò il secondo però, sono curiosa di come evolve la cosa 😂

    ha scritto il 

  • 1

    "So che ho sbagliato..." borbotta lui.

    In ragione del mio ruolo, dopo aver lavorato un'estate piena con un gruppo di adolescenti e aver provato in qualche modo ad entrare in sintonia con loro, decido - per addentrarmi ancora meglio nel con ...continua

    In ragione del mio ruolo, dopo aver lavorato un'estate piena con un gruppo di adolescenti e aver provato in qualche modo ad entrare in sintonia con loro, decido - per addentrarmi ancora meglio nel confronto - di prendere in prestito da una delle ragazze questo libro, oggetto di discussione quotidiana e costante, non per il suo essere tabù, quanto per la sua essenza ridicola, mi rendo ben presto conto, già fin dalle prime pagine.
    Orrendo! Sconsigliatissimo! Asentimentale, esageratamente falso, patetico e soprattutto inutile.
    Qual è stato di fondo, mi sono chiesta, il tentativo dell'autrice? Scalare le classifiche con un romanzo di formazione o meglio di iniziazione sessuale? Esagerare per attirare l'attenzione dei lettori e della critica? Tentativo fallito. Non c'è niente di formativo nelle pagine lette, non trapela - ahimè - nessuna emozione, nessun sentimento... è la riduttiva descrizione di una relazione tra un ragazzo e una ragazza, quasi ventenni, quotidianamente combattuta e in contrasto, che si risolve sistematicamente attraverso pratiche di “sperimentazione sessuale”, mano mano sempre più spinte e disinibite, quasi da laboratorio (come dice la protagonista stessa in un punto), una vivisezione.
    Dubbiosa del motivo per cui questo libro non sia vietato ai minori, mi domando incredula, nel dolce ricordo di un libro nostalgico come “Tre metri sopra il cielo”, come possa l'autrice aver scalato le classifiche mondiali, confortata serenamente dal parere altrettanto unanime dei ragazzi con i quali ne ho discusso! Per quanto l'amore giovanile si nutra di un'alta dose di fisicità, può ridursi a mero atto sessuale? Quasi asettico, freddo, killer? Senza forma alcuna di rispetto per se stessi e per il corpo altrui? Educhiamo così i nostri ragazzi, mi sono chiesta?
    Libro scritto senza alcuna trama e intreccio, si presenta come una serie di episodi, in ottemperanza alla ragione per la quale è stato scritto (storia a capitoli pubblicata su una piattaforma on-line), con un finale ovviamente aperto, nell'ottica del seguito.
    Chiudo il libro sconcertata e sconfortata, mi faccio forte e mi consolo con le parole di una ragazza: “dai, non possono chiamarla letteratura!”, rendo il libro al mittente e provo a dimenticare l'esperienza quanto prima.

    ha scritto il 

  • 1

    ORRENDO. Ma storia d'amore dove? Lui ha molti problemi mentali e di relazione, mentre lei è priva di una volontà propria ed è così ingenua da apparire stupida. Poi viene spacciato per amore un rapport ...continua

    ORRENDO. Ma storia d'amore dove? Lui ha molti problemi mentali e di relazione, mentre lei è priva di una volontà propria ed è così ingenua da apparire stupida. Poi viene spacciato per amore un rapporto malato ed opprimente. Proverò a leggere il secondo libro perché spero che vi sia una trasformazione dei personaggi in termini di crescita sia individuale che come coppia.
    Anche se, se questi sono i presupposti, dubito fortemente.

    ha scritto il 

  • 1

    Ennesima storia del bello e dannato (straordinariamente capace a letto) che incontra una vergine ingenua (al limite con l'essere idiota) e la trasforma in un batter d'occhio in una spregiudicata donna ...continua

    Ennesima storia del bello e dannato (straordinariamente capace a letto) che incontra una vergine ingenua (al limite con l'essere idiota) e la trasforma in un batter d'occhio in una spregiudicata donna emancipata...che tristezza queste storie tutte uguali..

    ha scritto il 

  • 1

    Era da tanto che volevo leggerlo perché me lo ritrovavo sempre davanti in libreria e poi avevo sentito che era diventata una serie famosa perciò ero tentata e l'ho preso. Lo sto leggendo ma non piace ...continua

    Era da tanto che volevo leggerlo perché me lo ritrovavo sempre davanti in libreria e poi avevo sentito che era diventata una serie famosa perciò ero tentata e l'ho preso. Lo sto leggendo ma non piace e penso di abbandonarlo, i protagonisti non mi piacciono, comunque è una lettura molto leggera ma non capisco proprio come abbia fatto a raggiungere il successo...

    ha scritto il 

Ordina per