Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

After the Quake

By

Publisher: Vintage

3.8
(2929)

Language:English | Number of Pages: 144 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Spanish , Chi traditional , Chi simplified , Japanese , Italian , French , Russian , German , Dutch , Polish , Catalan

Isbn-10: 0099448564 | Isbn-13: 9780099448563 | Publish date:  | Edition New Ed

Translator: Jay Rubin

Also available as: Hardcover , Softcover and Stapled , Audio CD , Others , Mass Market Paperback , eBook

Category: Fiction & Literature , Philosophy , Science Fiction & Fantasy

Do you like After the Quake ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
The economy was booming. People had more money than they knew what to do with. And then the earthquake struck. For the characters in After the Quake, the Kobe earthquake is an echo from a past they buried long ago. Satsuki has spent thirty years hating one man: a lover who destroyed her chances of having children. Did her desire for revenge cause the earthquake? Junpei's estranged parents live in Kobe. Should he contact them? Miyake left his family in Kobe to make midnight bonfires on a beach hundreds of miles away. Fourteen-year-old Sala has nightmares that the Earthquake Man is trying to stuff her inside a little box. Katagiri returns home to find a giant frog in his apartment on a mission to save Tokyo from a massive burrowing worm. 'When he gets angry, he causes earthquakes,' says Frog. 'And right now he is very, very angry.' This new collection of stories, from one of the world's greatest living writers, dissects the violence beneath the surface of modern Japan.
Sorting by
  • 3

    Altra raccolta di racconti e secondo libro di Murakami post 1995 (in questo caso è post terremoto di Kobe, l'altro è la raccolta di racconti di Undergorund, libro bellissimo sull'attentato alla metrop ...continue

    Altra raccolta di racconti e secondo libro di Murakami post 1995 (in questo caso è post terremoto di Kobe, l'altro è la raccolta di racconti di Undergorund, libro bellissimo sull'attentato alla metropolitana di Tokyo); lo lessi quasi 20 anni fa e me ne rimane solo una percezione vaga, ma positiva. rileggendolo c'è lo stile Murakami/paraculo classico, racconti sospesi, impalpabili, al limite fra realistico e onirico, in bilico fra detto e nond etto, funzionano, ma alla lunga irritano; gli ultimi due invece sono diversi, il penultimo francamente surreale, ma poco riuscito; l'ultimo molto più realistico e funzionante.

    said on 

  • 5

    "Lei è una bella persona, dottoressa Forte, e dalle idee chiare. Ma sembra che si trascini sempre un peso nel cuore. E' tempo che lei cominci a prepararsi ad affrontare la morte con dolcezza. Se lei ...continue

    "Lei è una bella persona, dottoressa Forte, e dalle idee chiare. Ma sembra che si trascini sempre un peso nel cuore. E' tempo che lei cominci a prepararsi ad affrontare la morte con dolcezza. Se lei continuerà a investire troppe energie solo nel vivere, non riuscirà a morire bene. Un poco alla volta è necessario fare questo cambiamento. In un certo senso vivere e morire si equivalgono, dottoressa"

    said on 

  • 2

    Ho preso in mano questo libro per far fronte a una crisi del lettore incipiente convinta che Murakami fosse un pass par tout ma ho preso una cantonata. Infatti nonostante sia molto molto breve ci ho m ...continue

    Ho preso in mano questo libro per far fronte a una crisi del lettore incipiente convinta che Murakami fosse un pass par tout ma ho preso una cantonata. Infatti nonostante sia molto molto breve ci ho messo più tempo del necessario a terminarlo, lo stile è il suo ovviamente, inimitabile. Il filo conduttore si percepisce anche se a volte sembra buttato lì giusto per rendere il tutto più coerente e contestualizzare in maniera molto accennata, complice anche la mania di Murakami di lasciare le situazioni in sospeso che a volte fa concludere l'ultima pagina con un "Embè?"; tuttavia mentre alcuni dei racconti sono molto interessanti e fanno riflettere altri paiono un po' inconcludenti. Non so se è colpa della mia poca propensione per i racconti brevi, sicuramente ritenterò attaccando "L'elefante scomparso" e "I salici ciechi" che spero siano più promettenti.

    said on 

  • 5

    In genere amo immergermi in letture più corpose dei "racconti" ma, richiamata dal nome dell'autore che amo, ho fatto un'eccezione.......... e ne è valsa la pena!
    Tutti interessanti, tutti sapientement ...continue

    In genere amo immergermi in letture più corpose dei "racconti" ma, richiamata dal nome dell'autore che amo, ho fatto un'eccezione.......... e ne è valsa la pena!
    Tutti interessanti, tutti sapientemente padroneggiati, tutti - pur nelle loro diversità contenutistiche e strutturali - orientati a sondare segreti ed intricati microcosmi umani, la loro indifesa fragilità di fronte a se stessi, agli eventi ed alle forze della natura, questi racconti si pongono come un vero laboratorio di problematiche esistenziali e continuano ad ingigantirtisi dentro e a renderti pensoso ben oltre il breve tempo della lettura.
    Sia i racconti venati di sottile mistero fino alla fine, sia quelli il cui epilogo, a ben pensarci, è fatto intuire sin dall'inizio ("Torte al miele"), sia quelli "sospesi" ( come il I, il II,ed il III) aperti ad ogni conclusione, un po' kafkiani e un po' pirandelliani, presentano realtà immobili od oniriche in cui vivono o si lasciano vivere esistenze stanche, sommessamente inquiete, per le quali sono possibili solo brevi momenti liberatori (di cui il "fuoco" del II racconto e la "danza" del III sono riuscite metafore!) ma non risolutivi di un disagio esistenziale, che si consuma nel chiuso delle coscienze e solo raramente ed accidentalmente si smaglia e si rivela all'esterno, disagio che è poi, a mio parere, la cifra di tutti questi racconti come di tutte le opere di Murakami.
    Racconti brevi ma immensi!
    2 dic. 2008

    said on 

  • 5

    在慌亂的日子里閱讀《神的孩子都在跳舞》,恰好可將神戶大地震的慘劇代入生活裡的變動與改變,遂而藉助故事的力量來支撐我疲累的身心。

    “不用擔心,柴火燒完後,妳不想醒都會凍醒。”——三宅先生

    在冬天里等著熄滅的柴火凍醒自己,感覺挺悲觀的(也暗喻人生嗎)。有時候難免覺得自己也是“空空的”,一無所有的感覺。不是物質上的,而是一種精神世界里的空。六篇故事的開展、漸進和收尾,都在告訴過去的始終過去的,留下來的殘 ...continue

    在慌亂的日子里閱讀《神的孩子都在跳舞》,恰好可將神戶大地震的慘劇代入生活裡的變動與改變,遂而藉助故事的力量來支撐我疲累的身心。

    “不用擔心,柴火燒完後,妳不想醒都會凍醒。”——三宅先生

    在冬天里等著熄滅的柴火凍醒自己,感覺挺悲觀的(也暗喻人生嗎)。有時候難免覺得自己也是“空空的”,一無所有的感覺。不是物質上的,而是一種精神世界里的空。六篇故事的開展、漸進和收尾,都在告訴過去的始終過去的,留下來的殘敗破落會限制我們,但只有自己能拯救自己了。再平凡不已的平凡人,經歷過等待后總要為自己的故事寫上一個結局吧。或許就,彌補過往的遺憾?或者就放下心中執念?或者,藉著遇見新的人而展望新的開始?關於“耗盡的東西”,始終都會有辦法讓它剝落脫離身體的吧......

    特喜歡《有熨斗的風景》、《泰國》還有《蜂蜜派》。《熨斗的風景》淡淡的憂傷和無線空曠般的彷徨,在冬夜里飄散開來,我似乎也凍得只能依賴柴火了。《蜂蜜派》和之前讀的村上大叔的作品似乎有些聯繫...就是人生走了這麼一回,也告訴你關於這世界你所處於的位置了,就做了你想做的吧,不要遺憾......要幸福起來呢。

    said on 

  • 4

    Un sorbito de Murakami

    Lo único que puedo decir de este libro es que sabe a poco y es una de las mejores cosas que se puede decir de un libro. Salvo "Tailandia" que baja un poco el nivel de la colección, el resto de relatos ...continue

    Lo único que puedo decir de este libro es que sabe a poco y es una de las mejores cosas que se puede decir de un libro. Salvo "Tailandia" que baja un poco el nivel de la colección, el resto de relatos es soberbio. Son relatos que reflejan la naturaleza humana de manera magistral.

    said on 

  • 3

    Non mi è piaciuto granché, sono rimasta abbastanza delusa. I sei racconti brevi qui raccolti sono estremamente ermetici, il più delle volte mi sono sembrati solo storie inconcludenti. Giusto Torte al ...continue

    Non mi è piaciuto granché, sono rimasta abbastanza delusa. I sei racconti brevi qui raccolti sono estremamente ermetici, il più delle volte mi sono sembrati solo storie inconcludenti. Giusto Torte al miele l’ho trovato carino, ma nulla di eccezionale. Ogni storia sembra un incipit per un romanzo, un inizio con uno sviluppo successivo. Invece finisce lì, si conclude in una ventina di pagine. Punto, stop. Mi ha trasmesso la stessa sensazione di irritabilità che mi ha dato Se una notte d’inverno un viaggiatore.

    said on 

Sorting by