Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Agatha Raisin and the Terrible Tourist

By

Publisher: Constable & Robinson

3.4
(98)

Language:English | Number of Pages: 300 | Format: eBook | In other languages: (other languages) Italian

Isbn-13: 9781849011860 | Publish date: 

Also available as: Mass Market Paperback , Hardcover , Paperback , Audio Cassette

Category: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Do you like Agatha Raisin and the Terrible Tourist ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
In this sixth entertaining outing Agatha leaves the sleepy Cotswold village of Carsely to pursue love - and finds a murderer. Spurned at the altar, she follows her fleeing fiance James Lacey to north Cyprus, where, instead of enjoying the honeymoon they'd planned, they witness the killing of an obnoxious tourist in a disco. Intrigue and a string of murders surround the unlikely couple, in a plot as scorching as the Greek sun!
Sorting by
  • 2

    Allontanarsi da Carsely non fa bene ad Agatha, e il rapporto con James è piuttosto esasperante. In compenso le sono grata perché è sempre lì, quando hai bisogno di lei per rilassarti, per distrarti, p ...continue

    Allontanarsi da Carsely non fa bene ad Agatha, e il rapporto con James è piuttosto esasperante. In compenso le sono grata perché è sempre lì, quando hai bisogno di lei per rilassarti, per distrarti, per un tè in compagnia.

    said on 

  • 5

    Questa volta Agatha mi ha fatto un po' innervosire... Non si è comportata molto bene con James, che a sua volta le ha reso la pariglia. Entra poi in gioco anche Charles, protagonista del libro precede ...continue

    Questa volta Agatha mi ha fatto un po' innervosire... Non si è comportata molto bene con James, che a sua volta le ha reso la pariglia. Entra poi in gioco anche Charles, protagonista del libro precedente, e quindi si creano situazioni non facili. Indagine a Cipro, dove Agatha si trova per aver inseguito James. Credo che la turista terribile sia proprio lei... Questa serie è una goduria! :)

    said on 

  • 4

    Assassinio in vacanza

    Agatha va in vacanza... o meglio rincorre James sperando di riaccalappiarlo e ovviamente ci scappa il delitto! No, lei non ammazza lui, ovviamente, ma una delle persone conosciute durante il viaggio v ...continue

    Agatha va in vacanza... o meglio rincorre James sperando di riaccalappiarlo e ovviamente ci scappa il delitto! No, lei non ammazza lui, ovviamente, ma una delle persone conosciute durante il viaggio viene fatta fuori in discoteca con un'arma molto molto sottile.
    Lettura piacevole, come al solito con tanto rosa (Agatha è a caccia/preda di sfaccendati uomini in vacanza) e una spruzzata di giallo questa volta più corposa del solito.

    said on 

  • 3

    Dopo la mia prima esperienza con Agatha Raisin (Agatha Raisin e i camminatori di Dembley), malgrado quel quarto episodio non mi avesse coinvolto in modo particolare, sono arrivata ad appassionarmi all ...continue

    Dopo la mia prima esperienza con Agatha Raisin (Agatha Raisin e i camminatori di Dembley), malgrado quel quarto episodio non mi avesse coinvolto in modo particolare, sono arrivata ad appassionarmi alle avventure e alle indagini di questa ultracinquantenne dal carattere non facile e alle sue vicissitudini col vicino di casa James Lacey, di cui è innamorata e per cui è arrivata a smussare i lati più affilati del suo carattere, inghiottendo un bel po’ d’orgoglio. Così ho letto gli altri casi, un po’ in italiano, un po’ in inglese, arrivando a questo sesto episodio.

    Nel caso precedente Agatha Raisin e il matrimonio assassino, Agatha ha dovuto rinunciare al suo matrimonio con James, a causa del ritorno del marito da cui non aveva mai divorziato e che si è presentato a Carsley, nei Cotswolds dove Agatha si è ritirata, andando prematuramente in pensione, dopo una vita da squalo delle pubbliche relazioni a Londra. Agatha non aveva mai divorziato perché credeva che Jimmy Raisin fosse morto da tempo; invece l’uomo ha la malaugurata idea di morire subito dopo aver mandato a monte il matrimonio di Agatha e James. E, dopo che la nostra investigatrice risolve il caso che l’ha vista prima sospettata di omicidio e poi costretta forzatamente a letto a causa di un tentato omicidio ai suoi danni, James va via da Carsley per rifugiarsi a Cipro Nord, luogo che sarebbe dovuto essere la meta del suo viaggio di nozze con Agatha. La nostra protagonista, inghiottendo un bel po’ del suo orgoglio e comportandosi quasi da adolescente, decide di seguirlo per recuperare il loro rapporto.

    A Cipro la donna incontra altri turisti inglesi, alcuni snob, altri rozzi arricchiti che – stranamente – sembrano aver fraternizzato e voler trascorrere insieme il resto della loro vacanza. Agatha riesce a trovare finalmente James ma, invece di trascorrere il suo tempo con lei, l’ex-colonnello in pensione preferisce aggregarsi al gruppo di inglesi conosciuti da Agatha. Purtroppo, però, una delle donne della compagnia viene assassinata una notte in discoteca approfittando dell’alternarsi di luce-buio delle luci stroboscopiche. Poiché Agatha e James sono presenti, anche loro vengono sospettati d’omicidio. Come di consueto, i due cominciano a indagare sulla vittima e sui suoi accompagnatori.

    Sull’isola arriva anche Sir Charles Fraith, che Agatha ha conosciuto nel caso dei camminatori di Dembley, che cerca di consolarla della mancanza di attenzioni da parte di James. In questo episodio, infatti, Agatha sembra avere moltissimi ammiratori che la mettono in situazioni piuttosto ambigue agli occhi di James. Questi ne è un po’ geloso, ma non abbastanza da affrontare Agatha e cercare di risolvere la questione. Agatha si trasforma dunque in una via di mezzo fra Bridget Jones e Miss Marple.

    Il giallo classico alla Agatha Christie si intreccia spesso e volentieri a una sorta di guida turistica della parte turca di Cipro. È la prima volta che Agatha Raisin va in trasferta all’estero ed è lontana dai suoi amati Cotswolds, così la Beaton introduce brani che Agatha legge dall’onnipresente guida turistica, spesso irritando i suoi accompagnatori.

    In quest’atmosfera di vacanza, con pic-nic e crociere, ho visto una sorta di omaggio ad Assassinio sul Nilo di Agatha Christie, con ambientazione differente, ma sempre con l’orgoglio – e forse l’arroganza – di essere inglesi in una delle ex-colonie britanniche. Ovviamente, però, il caso d’omicidio non ha nulla in comune con quello risolto da Hercule Poirot, malgrado la Beaton getti il seme del dubbio.

    Una lettura perfetta per l’estate (cosa c’è di meglio di un giallo tradizionale?), con un’ambientazione vacanziera e un’Agatha Raisin più ficcanaso che mai, che non riesce a stare lontana dai casi di omicidio, suscitando la stizza dell’Ispettore cipriota Pamir. E ora, sotto con il prossimo caso, perché – attenzione! – Agatha Raisin dà dipendenza.

    Potete leggere la recensione completa QUI:

    http://www.diariodipensieripersi.it/agatha-raisin-e-la-turista-terribile-e-agatha-raisin-e-la-sorgente-della-morte-m-c-beaton/

    said on 

  • 4

    Dopo il mancato matrimonio, Agatha segue James a Cipro Nord, per tentare di riconquistarlo. Cercandolo negli hotel, incappa in un gruppetto di connazionali di diversa estrazione sociale. Quando una di ...continue

    Dopo il mancato matrimonio, Agatha segue James a Cipro Nord, per tentare di riconquistarlo. Cercandolo negli hotel, incappa in un gruppetto di connazionali di diversa estrazione sociale. Quando una di loro viene uccisa, nessuno può lasciare l'isola, perché sono tutti sospettati. Agatha si ritrova divisa tra James e sir Charles, e dovrà fare di tutto per tornare a casa.

    Quattro stelline solo perché sono affezionata ad Agatha, ma non mi è piaciuta l'ambientazione (i Cotswolds sono molto meglio di Cipro!), e Agatha è quasi patetica nel suo inseguire James per l'Europa, non ci trovo niente di speciale in lui! Noiosetto, antipatico, e freddo come il ghiaccio. Agatha, si sta meglio sole che male accompagnate, credimi!

    * “Ma perché ce l’hanno sempre con me?” gemette Agatha. “Perché non provano a far fuori te?” “Perché io non ficco il naso in modo così plateale.”
    * La gente pensa che le tragedie appartengano solo ai greci e a Shakespeare, ma dammi retta, Aggie, la tragedia è viva e vegeta nelle periferie d’Inghilterra.

    said on 

  • 2

    e no, Agatha, non ci siamo! L'unica cosa che mi incatenava alle tue avventure, ormai, era l'ambientazione. Sei scappata a Cipro (per incalzare pateticamente un uomo abbastanza vicino agli standard di ...continue

    e no, Agatha, non ci siamo! L'unica cosa che mi incatenava alle tue avventure, ormai, era l'ambientazione. Sei scappata a Cipro (per incalzare pateticamente un uomo abbastanza vicino agli standard di quelli che io detesto) e quindi ti abbandono.

    said on 

  • 3

    un pò deludente

    Speriamo nel seguito, perchè questa "puntata" non è stata all'altezza della serie. Non che di solito la trama gialla sia meravigliosa, ma almeno i personaggi si.
    Questa volta sembra che abbiano tutti ...continue

    Speriamo nel seguito, perchè questa "puntata" non è stata all'altezza della serie. Non che di solito la trama gialla sia meravigliosa, ma almeno i personaggi si.
    Questa volta sembra che abbiano tutti un alterego; un james maleducato e cialtrone, un baronetto un pò troppo volubile ed la nostra Agatha eccessivamente remissiva.
    Senza considerare che alcuni punti sono stati copiati da qualche guida turistica.
    Se non si trattasse di questa saga anche 2 stellette!

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    3

    Bella Cipro...ma anche no

    Questo sesto capitolo delle avventure della mia amata Agatha, a mio parere, zoppica un po'...sia perché la mia eroina perde parecchio lustro inseguendo l'ombroso (e leggermente odioso) James a Cipro, ...continue

    Questo sesto capitolo delle avventure della mia amata Agatha, a mio parere, zoppica un po'...sia perché la mia eroina perde parecchio lustro inseguendo l'ombroso (e leggermente odioso) James a Cipro, sia perché ho trovato abbastanza noiose e volutamente ripetute le descrizioni dell'isola, sia perché certi personaggi non sono ben tratteggiati e si comportano un po' a casaccio...

    said on