Agosto

By

Publisher: Punto de Lectura

3.9
(70)

Language: Español | Number of Pages: 192 | Format: Mass Market Paperback | In other languages: (other languages) English , Italian , Catalan

Isbn-10: 8466328041 | Isbn-13: 9788466328043 | Publish date:  | Edition 1

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Travel

Do you like Agosto ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 5

    Agosto tragicomico all'americana

    Una famiglia di psicotici s'incontra dopo anni passati in solitudine (ogni componente nella propria) per via di un orribile lutto.
    E poi bum, avviene l'esplosione: liti, zuffe, lingue biforcute che vo ...continue

    Una famiglia di psicotici s'incontra dopo anni passati in solitudine (ogni componente nella propria) per via di un orribile lutto.
    E poi bum, avviene l'esplosione: liti, zuffe, lingue biforcute che vomitano cattiverie...di quelle che in famiglia non si dovrebbero mai dire, rivelano osceni segreti ....di quelli che in famiglia non si dovrebbero mai rivelare; tutto ha un sapore amaro.
    Nonostante sia una piece teatrale (per cui ha ricevuto il premio Pulitzer) la si divora, si arriva alla fine del libro con voracità anche se alla fine non ci si sfama con un bel happy ending.

    said on 

  • 5

    Bellissimo

    Una amarissima rappresentazione di una famiglia allo sfascio. La madre ubriacona è dipinta con una tale verosimiglianza che viene da pensare che l'autore abbia avuto un'esperienza diretta di questo g ...continue

    Una amarissima rappresentazione di una famiglia allo sfascio. La madre ubriacona è dipinta con una tale verosimiglianza che viene da pensare che l'autore abbia avuto un'esperienza diretta di questo genere di persone e chiunque abbia avuto la sfortuna di incontrarle nel proprio cammino non può che confermare!

    said on 

  • 3

    L'incipit...

    ...di Anna Karenina si conforma ancora una volta: tutte le famiglie felici sono simili fra loro, ogni famiglia infelice è infelice a modo suo. I Weston sono una famiglia tragica e grottesca insieme: ...continue

    ...di Anna Karenina si conforma ancora una volta: tutte le famiglie felici sono simili fra loro, ogni famiglia infelice è infelice a modo suo. I Weston sono una famiglia tragica e grottesca insieme: il padre alcolizzato, la madre malata di cancro, le tre figlie problematiche e angosciate... Litigano, si insultano, si offendono, scoprono terribili segreti... sì sono decisamente infelici e neanche loro sanno bene perché lo sono diventati.

    said on 

  • 4

    Intensa

    Aunque como todo relato teatral su lectura es breve, las páginas de este libro son emocionalmente intensas. Diálogos inteligentes, irónicos y crueles. Ahora toca ver la películas para ver como han pla ...continue

    Aunque como todo relato teatral su lectura es breve, las páginas de este libro son emocionalmente intensas. Diálogos inteligentes, irónicos y crueles. Ahora toca ver la películas para ver como han plasmado esta historia familiar en el cine aunque en realidad lo que me gustaría ver es su representación teatral.

    said on 

  • 3

    tormentate relazioni familiari

    E' il secondo premio Pulitzer che leggo in poco tempo (l'altro è "L'ultimo inverno" di Harding e entrambi i libro sono caratterizzati da una attenzione alle relazioni all'interno delle famiglie che sp ...continue

    E' il secondo premio Pulitzer che leggo in poco tempo (l'altro è "L'ultimo inverno" di Harding e entrambi i libro sono caratterizzati da una attenzione alle relazioni all'interno delle famiglie che spesso sono difficili.
    "Agosto, foto di famiglia" mette in scena una famiglia molto conflittuale contrassegnata da litigi, gelosie e invidie con il padre che scompare misteriosamente e la madre che ha problemi psichiatrici oltre che di dipendenza da droga. Non è una lettura leggera. I personaggi sono di certo ben caratterizzati, ma tutto è contrassegnato dalla disperazione e dall'incapacità di uscire da una situazione dolorosa.

    said on 

  • 5

    Oggi: foto di famiglia

    Se, mentre leggevate questo libro, avete sentito una stretta alla pancia insieme a una voglia irrefrenabile di ridere (non di gusto, ma per compassione e, perché no, per celare l’autocommiserazione) T ...continue

    Se, mentre leggevate questo libro, avete sentito una stretta alla pancia insieme a una voglia irrefrenabile di ridere (non di gusto, ma per compassione e, perché no, per celare l’autocommiserazione) Tracy Letts ha colpito dritto dritto nel bersaglio. Perché la storia della famiglia Weston, disastrata a tale punto da oltrepassare volutamente il grottesco, è la storia – partim, si intende – di un po’ tutti noi.

    Siamo alla fine degli anni duemila in Oklahoma. Famiglia disadattata come poche, quella dei Weston: ci sono il patriarca Bev, ex poeta di fama giovanile, professore in pensione di letteratura (mestiere soffertissimo) e sua moglie, la granitica Violet, la cui perfidia ha raggiunto livelli sadici a causa di una molesta assuefazione da tranquillanti. Ci sono le tre figlie della coppia, tutte sulla quarantina e tutte scappate di casa; le accompagnano i relativi consorti, uno meno affidabile dell’altro. Senza dimenticare il corredo di parentame acquisito che non farebbe invidia a una soap opera.
    E come una telenovela, Letts intesse per queste tragiche figurine della stantia middle classe americana una trama semplice ma dall’ordito velenoso: il patriarca scappa, non si trova per giorni e Violet chiama a raccolta tutti i parenti. Tutti riuniti sotto lo stesso tetto: è questo il momento – disgrazia più, disgrazia meno – nel quale i coltelli che ognuno ha affilato in troppi anni di risentimenti sono pronti a essere sfoderati. Nulla sarà come prima, tra seduzioni proibite, incesti svelati, scenette farsesche e personaggini ritratti in tutta la loro pochezza umana.

    La parola taglia più della spada, si sa, ma nessuno batte i Weston. E i Weston – che Bev mi perdoni – sono Violet. Tempra massiccia e lingua caustica: la matriarca, che incarna nella cattiva sorte il perno di una famiglia che ha vissuto per decenni nella massima incomprensione, c’è e niente la può scalfire, nemmeno il tumore alla bocca che l’ha colpita. A lei Letts affiderà il ruolo di cruda disvelatrice: colei che tutto sa e che tutto può ha il potere di distruggere e di ridare vita alla famiglia che ha creato. È lei stessa a dirlo, nelle sue ultime battute: «Nessuno è più forte di me, cazzo. Quando non resterà più niente, quando tutto sarà svanito, scomparso, io ci sarò».

    Letts – già autore del magistrale Killer Joe – ancora una volta affonda le mani nell’ "oggetto famiglia" e lo ritrae nella sua più sgradevole realtà, ribaltandone gli archetipi alla luce di un disvelamento quasi totale delle debolezze umane: il padre che non regge il peso; la madre matrigna e sadica; le sorelle che a mala pena si conoscono; i loro consorti, per nulla eroici ma esempio perfetto delle imperfezioni maschili. L’unica che pare salvarsi è Johnna, la buona e paziente governante che Bev ha assunto pochi giorni prima di sparire. Quella che secondo le sue intenzioni – e poi spetterà al lettore scoprire se il vecchio Bev aveva ragione – dovrebbe tenere saldo quel poco di famiglia che è rimasto. E non è peregrino domandarsi perché Johnna sia una nativa americana, quasi a simboleggiare la purezza degli indigeni contro la totale degenerazione dei “bianchi”…

    Chi, dicevo, non vedrebbe nei tristi siparietti dei Weston uno scorcio dei propri affetti? Quale padre, quale madre, quale figlio non potrebbe non rispecchiarsi? Tracy Letts ha scritto una sagace pièce che, come uno specchio, riesce a riflettere le nevrosi della società contemporanea e della sua istituzione cardinale: la famiglia. Una famiglia, quella dei Weston, colorita, folle, sfasciata, ma che assomiglia tanto a una famiglia vera.

    said on 

  • 3

    IL LIBRO DI TRACY LETTS DA CUI È TRATTO I SEGRETI DI OSAGE COUNTY

    http://www.roarmagazine.it/libri/agosto-foto-di-famiglia-recensione.html

    Alcune scene da leggere, altre da guardare.

    said on 

  • 4

    這是一個缺乏溝通的家庭發生的故事,我們總是習慣逃避衝突,但溝通不能流暢無礙,愛也容易因此而消失。
    梅莉史翠普主演的《八月,新風暴》,以及3/30日綠光劇團演出的《八月,在我家》都是根據此劇本的電影與舞台劇作品。

    said on 

  • 5

    Thank God we can’t tell the future, we could never get out of bed.

    http://valeriademattei.wordpress.com/2014/02/10/thank-god-we-cant-tell-the-future-we-could-never-get-out-of-bed/

    said on 

Sorting by