Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Al momento della scomparsa la ragazza indossava

Di

Editore: Sellerio (La memoria; 851)

3.6
(354)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 390 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Tedesco , Polacco

Isbn-10: 8838925534 | Isbn-13: 9788838925535 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Luisa Nera

Disponibile anche come: Altri , eBook

Genere: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace Al momento della scomparsa la ragazza indossava?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Nulla può impedire all’ispettore Morse di seguire le proprie intuizioni, anche se queste appaiono campate in aria. Per cui, quando gli viene assegnata l’inchiesta sulla scomparsa di Valerie Taylor, la sua mente irrequieta non riesce ad evitare di ripensare alla morte dell’investigatore che se ne occupava, l’ispettore capo Ainley. Il caso di Valerie, studentessa non ancora diciottenne scomparsa nel tragitto casa-scuola, era stato riaperto dopo due anni e tre mesi. Era infatti arrivata una lettera, a quanto pare di suo pugno, che smentiva l’ipotesi della morte: «sto bene e sono a Londra» scriveva ai genitori. Ma Morse vuole vedervi, in questa banale fuga di teen-ager, una serie di stranezze curiose, soprattutto per sfuggire «alla routine prosaica e tediosa» che l’inchiesta minaccerebbe. L’ispettore deceduto non aveva mai chiuso veramente il caso e lo seguiva nel tempo libero. La breve missiva era giunta esattamente il giorno prima che Ainley morisse in un incidente automobilistico. Non è molto ma Morse è abbastanza fantasioso da concepire «l’idea più strampalata del mondo» e comincia a rifare i passi presunti del collega morto, cercando di intuire le stesse intuizioni. Lo guida l’ipotesi che la lettera non sia ciò che sembra, che contenga un messaggio nel messaggio. E, in un ambiente di studenti ex studenti e professori, ciascuno con le sue tendenze, e di una ragazzina tutt’altro che sprovveduta, in un altalenarsi di sospetti e false credenze, una coincidenza nelle sue abili mani diventa un indizio e l’indizio si trasforma in una traccia che «piano piano, un centimetro dopo l’altro, lo stava avvicinando alla verità». Le inchieste dell’ispettore Morse appartengono al poliziesco della migliore tradizione inglese: trame investigative razionali e prive di toni clamorosi, ambientazione quotidiana, spesso di provincia, investigatori dotati di grande ironia e umanità. Colin Dexter vi aggiunge il talento letterario di arricchire il ritmo della storia con le situazioni particolari dei molti personaggi; una ragnatela di segreti e bugie che si distende sul filone principale dell’inchiesta in una stretta che ne accentua la tensione.
Ordina per
  • 5

    Morse e Lewis ... Come Holmes e Watson..

    Una coppia straordinaria questa formata dall'ispettore Morse e dal sergente Lewis.. Una inchiesta che parte dalla scomparsa di Valerie, "procace giovinetta disinibita"... ma che poi si evolve e non ...continua

    Una coppia straordinaria questa formata dall'ispettore Morse e dal sergente Lewis.. Una inchiesta che parte dalla scomparsa di Valerie, "procace giovinetta disinibita"... ma che poi si evolve e non mancherà il "cadavere".. Continui colpi di scena, ipotesi investigative "appese" ai fili delle intuizioni dei due investigatori ... errori (come in tutti i casi raccontati da Colin Dexter, gli errori sono numerosi), il caso.. l'arguzia del "maturo" ispettore e la logica del suo inseparabile sergente.. i segreti e le bugie degli "indiziati".. Si, c'è una storia che diventa un po' "iperbolica"... ma a me, i gialli di Dexter, piacciono... Scritti bene, filano via veloci, con ritmo , appassionano.. Finisce con una "verità" che si intuisce veramente solo sul finire della storia... Per me "5 stars"!!!

    ha scritto il 

  • 3

    Classica espressione utilizzata quando qualcuno scompare.

    Una studentessa, sveglia, bella e sensuale è scomparsa da due anni. Il caso è stato seguito da un ispettore che muore in un incidente e ...continua

    Classica espressione utilizzata quando qualcuno scompare.

    Una studentessa, sveglia, bella e sensuale è scomparsa da due anni. Il caso è stato seguito da un ispettore che muore in un incidente e tutto passa a Morse. Il giorno dopo i genitori ricevono una lettera da Valerie “…tutto bene …”

    L’autore si diverte con il lettore: Morse inanella ipotesi su ipotesi, esattamente come fa spesso un lettore di gialli. E smonta e rimonta trame diverse. Tuttavia il lettore, al contrario di Morse, sa che l’ipotesi non è corretta sulla base del numero di pagine mancanti alla fine: insomma è un po’ aiutato.

    Chi è abituato a gialli americani (o svedesi) troverà Dexter noioso, con tanti discorsi e pochi morti.

    Mentre scrivo queste quattro righe, sto guardando (con un occhio solo) l’ennesima versione cinematografica di Cime tempestose (ma come c’è anche il libro?) con Ralph Fiennes e Juliette Binoche (che però è del 1992). L’unica versione (a mia memoria) a mantenere la struttura a scatole cinesi del libro fu quella dello sceneggiato televisivo. La comparazione tra lo sceneggiato tv del 2004 e quello del 1956 fa comprendere che non è solo la tv ad essere scaduta, ma pure il pubblico. Lo so che non c’entra nulla con Dexter ……

    ha scritto il 

  • 4

    值得推薦的推理小說!!!

    這本是我第一次讀到邊笑邊思考的推理小說,以前讀福爾摩斯都不會這樣 看了很多讀者的讀後感之後覺得很不錯 不過我是因為影集才去看原著的~真的不後悔~ 若認真讀完卻也和主角一樣解不出謎,代表是正常的== 因為結局很(劇透)

    ha scritto il 

  • 4

    Mi piace sempre di più questo ispettore Morse, che non è un poliziotto infallibile, ma un uomo con tutti i difetti degli uomini, stanco e avvilito a volte, che prende cantonate ma poi arriva sempre ...continua

    Mi piace sempre di più questo ispettore Morse, che non è un poliziotto infallibile, ma un uomo con tutti i difetti degli uomini, stanco e avvilito a volte, che prende cantonate ma poi arriva sempre alla soluzione finale senza giocare al supereroe.

    ha scritto il 

  • 5

    Ispettore inglese stereotipato (Morse) risolve caso scomparsa. Diversi scenari di indagine si presentano in continuazione (troppi forse). Appassionante.

    ha scritto il 

  • 4

    A parte il fatto che adoro l'ispettore Morse per la sua logica non rigorosa e l'impetuosità con cui si getta a capofitto in intricate intuizioni spesso fallaci, qui è intrigante e spassoso vedere ...continua

    A parte il fatto che adoro l'ispettore Morse per la sua logica non rigorosa e l'impetuosità con cui si getta a capofitto in intricate intuizioni spesso fallaci, qui è intrigante e spassoso vedere la sua fertile mente partorire numerosi scenari perfettamente plausibili ma destinati a crollare miseramente man mano che si svela il gioco degli indizi, prima di giungere all'inevitabile soluzione del mistero.

    ha scritto il 

  • 3

    Di solito con Sellerio non si prendono fregature. Si va sul sicuro insomma. Invece questo anziano erudito britannico prestato alla letteratura poliziesca mi ha deluso. Insomma si legge, ma niente di ...continua

    Di solito con Sellerio non si prendono fregature. Si va sul sicuro insomma. Invece questo anziano erudito britannico prestato alla letteratura poliziesca mi ha deluso. Insomma si legge, ma niente di entusiasmante. Non diventerò di certo una Dexteromane.

    ha scritto il