Rappresentata nel 438 a.C., Alcesti è la più antica fra le tragedie di Euripide a noi pervenute. Ispirata a un mito di cui si narra anche nel Simposio di Platone, essa mette in scena una storia d'amore, che ha per protagonisti il re di Tessaglia ... Continua
Ha scritto il 22/07/17
Dalla trama meno potente e significativa rispetto ad altre opere classiche, è stata comunque una lettura interessante. Particolarmente rilevante per i toni e la tematica lo scontro tra Admeto e il padre Ferete.
Ha scritto il 08/01/17
Tematiche di un'attualità sconvolgente : una donna dovrebbe morire per amore di suo marito?
  • 2 mi piace
  • 1 commento
Ha scritto il 05/08/16
Reading challenge 2016 - bestiariocategoria: un libro avanti Cristo.E proprio tu parli della mia vigliaccheria, tu, disgraziato, che sei di tanto inferiore alla donna che è morta per i tuoi begli occhi? O sei stato abile a trovare il modo di non ...Continua
Ha scritto il 17/03/16
Alcesti è la regina della Tessaglia, sposa del re Admeto. Lo ama talmente tanto che accetta di morire al suo posto dopo che a salvare Admeto dalla morte interviene Apollo, poiché i sovrani dell’Ade reclamano comunque un defunto al posto suo – ...Continua
  • 3 mi piace
  • 4 commenti
Ha scritto il 24/09/13
Dopo essersi sacrificata nell'Ade per dovere, non certo per amore, sconvolge nella parte finale del dramma, il ritorno in scena di Alcesti. Impressiona proprio perché lei appare muta e ferma. Non un sorriso o un gesto d'affettuosità nei confronti ...Continua
  • 1 mi piace

Ha scritto il Apr 08, 2011, 11:04
Sai qual è la natura delle cose umane? Penso di no: come faresti a saperlo? Ascoltami: tutti i mortali devono morire, e nessuno di loro sa se vivrà il giorno di domani: è oscuro il cammino della sorte, non si può apprendere e non si afferra con ...Continua
Pag. 121
  • 1 mi piace
Ha scritto il Jun 11, 2010, 13:43
Sai qual è la natura delle cose umane? Penso di no: come faresti a saperlo? Ascoltami: tutti i mortali devono morire, e nessuno di loro sa se vivrà il giorno di domani: è oscuro il cammino della sorte, non si può apprendere e non si afferra con ...Continua
  • 1 mi piace
  • 1 commento
Ha scritto il Sep 24, 2009, 19:57
Molte sono le forme del divino; molte cose gli die compiono contro le nostre speranze; e quello che sia spettava non si verificò, a quello che non ci si aspettava diede compimento il dio.
Pag. 149
  • 1 commento
Ha scritto il Sep 24, 2009, 19:55
Anche i figli dei dei si consumano nell'ombra della morte.
Pag. 135
  • 1 commento
Ha scritto il Sep 24, 2009, 19:54
Adesso lo capisco.
Pag. 133
  • 1 commento

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Ha scritto il Apr 12, 2017, 11:08
collocazione C.c.0023

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi