Alex

Di

Editore: A. Mondadori (Omnibus)

3.9
(748)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 341 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Francese , Portoghese , Spagnolo , Inglese , Chi tradizionale , Catalano

Isbn-10: 8804613599 | Isbn-13: 9788804613596 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Stefano Viviani

Disponibile anche come: eBook , Altri , Paperback

Genere: Criminalità , Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace Alex?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Mentre cammina per le strade di Parigi, Alex, una giovane donna di trent'anni, viene seguita da uno sconosciuto che, dopo averla aggredita e picchiata selvaggiamente, la carica su un anonimo furgone bianco facendo perdere le sue tracce. Portata in un magazzino abbandonato, la ragazza viene rinchiusa in una gabbia di legno appesa a due metri da terra. Per lei non c'è via d'uscita: non sa dove si trova, né cosa voglia quell'uomo che non le rivolge mai la parola. I giorni passano tra mille sofferenze. Piegata dentro quella gabbia che non le permette il minimo movimento, in quel luogo umido e buio, Alex sente che il suo destino è segnato e che nessuno verrà a soccorrerla. Ha una sola certezza: il suo rapitore vuole vederla morire. C'è però un testimone che ha assistito al rapimento, e grazie alla sua segnalazione il comandante di polizia Camille Verhoeven, un uomo fuori dal comune, con un tragico trascorso personale e modi formidabili, inizia a indagare sulla vicenda. Chi è il sequestratore? Perché ha architettato tutto questo? E, soprattutto, chi è davvero Alex? Quando l'aguzzino viene finalmente identificato e la polizia fa irruzione nel luogo del sequestro, la gabbia è vuota. La ragazza si è volatilizzata...
Ordina per
  • 5

    一開始我小看這本書了
    看到評論說媲美龍紋身的女孩
    想說不厚的書能如何精彩呢?
    一開讀後我被吸引住了
    好久沒看到一定要到結束才看透劇情的
    每一步的架構都是精心的安排
    推薦給愛看偵探懸疑小說的人
    這又是一位值得追的作者

    ha scritto il 

  • 5

    Thriller psicologico estremamente intelligente, con un vero colpo di scena, non forzato e studiato bene nei dettagli. Sorprende.
    Leggerò sicuramente altro di questo autore, mi spiace solo di aver comi ...continua

    Thriller psicologico estremamente intelligente, con un vero colpo di scena, non forzato e studiato bene nei dettagli. Sorprende.
    Leggerò sicuramente altro di questo autore, mi spiace solo di aver cominciato col secondo libro di una trilogia ma non avevo grandi aspettative e dubitavo che avrei voluto leggere altri suoi libri. Fa sempre piacere ricredersi.

    ha scritto il 

  • 0

    Ingredienti: un passato di violenze e sottomissioni, un presente di omicidi e sequestri, un futuro di vendette e colpi di scena, un commissario a riannodare e sgrovigliare i fili che nascondono la ver ...continua

    Ingredienti: un passato di violenze e sottomissioni, un presente di omicidi e sequestri, un futuro di vendette e colpi di scena, un commissario a riannodare e sgrovigliare i fili che nascondono la vera identità di una ragazza misteriosa.
    Consigliato: a chi cerca il sottile confine tra vittime e carnefici, a chi indaga sul delicato limite tra verità e giustizia.

    ha scritto il 

  • 1

    aguzzino / vitima e crudeltà finché ne vuoi. Ma che palle!

    Fa leva su una morbosità fine a se stessa. Il genere è quello del supplizio, del prigioniero inconsapevole e dell'insospettabile predatore (o predatrice). Ma che palle! vedo sotto che il libro piace. ...continua

    Fa leva su una morbosità fine a se stessa. Il genere è quello del supplizio, del prigioniero inconsapevole e dell'insospettabile predatore (o predatrice). Ma che palle! vedo sotto che il libro piace... a me , un libro così, è indigesto. L'ho finito per masochismo.

    ha scritto il 

  • 4

    Nessuno fa il suo mestiere

    Ti tiene incollato fino all'ultima pagina. Ben scritto. Personaggi notevoli.
    Nessuno fa quello che dovrebbe fare, ma alla fine il lettore è più che soddisfatto.

    ha scritto il 

  • 5

    Com'è profondo il noir

    Quelli di Lemaitre non sono semplicemente libri gialli. Sono percorsi dentro e fuori dall'animo umano: meschino, violento, oscuro e derelitto come non mai in quest'epoca.
    Alex è un continuo rimando tr ...continua

    Quelli di Lemaitre non sono semplicemente libri gialli. Sono percorsi dentro e fuori dall'animo umano: meschino, violento, oscuro e derelitto come non mai in quest'epoca.
    Alex è un continuo rimando tra vittima e carnefice, una camaleontica mutazione dell'uno nell'altro. L'avvicendarsi dei fatti ti inchioda alle pagine, alla storia, commovente e atroce, a volte cruda e cruenta. Ma in un modo bellissimo e profondo. La scuola del noir alla James Ellroy ha un degno erede.
    Gran libro, gran giallo e grande scrittore.

    ha scritto il 

  • 3

    Tosto

    Un ottimo thriller, ben congegnato, che ti tiene avvinto fino alla fine. Certo è un libro tosto, una storia dura e dolorosa. A leggere i delitti di Alex ti chiedi il perchè di tanta violenza apparente ...continua

    Un ottimo thriller, ben congegnato, che ti tiene avvinto fino alla fine. Certo è un libro tosto, una storia dura e dolorosa. A leggere i delitti di Alex ti chiedi il perchè di tanta violenza apparentemente insensata. Ma poi capisci e comprendi tutto, capisci che ogni delitto ha il suo perchè.
    Una storia comunque terrificante, e quando ne capisci le motivazioni non riesci a non prendere posizione a favore di Alex.
    Però una cosa mi lascia perplesso.
    Quando sta terminando la seconda parte, e chi ha letto il libro capisce cosa intendo, io avevo intuito subito chi sarebbe stato l'accusato nella terza parte; il protagonista che fino a quel momento non era praticamente mai apparso. Così come all'inizio della terza e ultima parte, durante l'interrogatorio, avevo intuito subito quale trappola era stata preparata alla persona interrogata.
    Ma più ci penso e più sono convinto che qui sta l'abilità di Lemaitre, prepararti al colpo di scena facendoti arrivare da solo. La sorpresa così è più gradevole, vissuta. E proprio per questo rimani incollato al libro.
    Consiglio di leggere questo thriller a digiuno però, è per stomaci forti.

    ha scritto il 

Ordina per