Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Alfabeto Einaudi

Scrittori e libri

Di

Editore: Garzanti Libri

3.6
(32)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri

Isbn-10: 8811740177 | Isbn-13: 9788811740179 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1ª ed.

Genere: Non-fiction

Ti piace Alfabeto Einaudi?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
"Alfabeto Einaudi" rievoca gli incontri di Guido Davico Bonino con alcuni tra i maggiori scrittori e pensatori del nostro tempo, da Theodor Wiesengrund Adorno a Elio Vittorini, passando tra gli altri per Barthes e Beckett, Foucault e Genet, Lacan e Michaux, Henry Milier e Queneau. E naturalmente gli italiani: Arpino, Bassani, Calvino, Eduardo, Flaiano, Natalia Ginzburg, Carlo e Primo Levi, Manganelli, Parise, Pasolini, Sciascia... In un ventennio di lavoro per la prestigiosa casa editrice torinese, Davico Bonino ha avuto modo di incontrarli: a volte ne è diventato amico e consigliere, a volte ha avuto un contatto fugace, che tuttavia ha portato alla luce un tratto significativo del loro carattere, una piega nascosta della loro personalità. Questo taccuino di memorie ci offre dunque una serie di ritratti ravvicinati, affettuosi e spesso sorprendenti, dal punto di vista indiscreto dell'editor. E ci aiuta anche a capire il mondo della cultura e dell'editoria negli anni di una transizione irreversibile.
Ordina per
  • 4

    Davico scrive deliziosamente. Pettegolo quanto basta (Adorno toccava il culo alle signore, Gianfranco Contini era scostante e sadico e antipatico). Una serie di ritratti tratteggiati nell'essenziale. Memoria fotografica. Gusto della sorpresa, teatrale. Alcuni pezzi hanno alla fine proprio il cou ...continua

    Davico scrive deliziosamente. Pettegolo quanto basta (Adorno toccava il culo alle signore, Gianfranco Contini era scostante e sadico e antipatico). Una serie di ritratti tratteggiati nell'essenziale. Memoria fotografica. Gusto della sorpresa, teatrale. Alcuni pezzi hanno alla fine proprio il coup de theatre: per. es. di Pasolini ricorda l'ultima intervista, rilasciata al tempo, che contiene una premonizione della sua tragica fine.

    ha scritto il 

  • 4

    Una utile introduzione alla casa editrice Einaudi e al lavoro editoriale (mi sono chiesta però se oggi funzioni ancora così e se ci siano ancora nelle case editrici personaggi del calibro di Calvino, Pavese, Vittorini e, ovviamente, Einaudi). I piccoli ritratti di questi personaggi della cultura ...continua

    Una utile introduzione alla casa editrice Einaudi e al lavoro editoriale (mi sono chiesta però se oggi funzioni ancora così e se ci siano ancora nelle case editrici personaggi del calibro di Calvino, Pavese, Vittorini e, ovviamente, Einaudi). I piccoli ritratti di questi personaggi della cultura italiana e non sono piacevoli da leggere, a volte divertenti (l'episodio delle patatine di Manganelli è uno spasso), e possono funzionare anche da spunto per nuove letture e ispirazioni.

    ha scritto il 

  • 4

    un libro fondamentale per capire l'einaudi

    è emblematico il silenzio su giulio einaudi. un silenzio giustificato da poche frasi alla fine del testo. tutte le pagine, però, trasudano la casa editrice: l'apprendistato, le persone, i posti a sedere, i silenzi e i ruoli. è anche un ritratto personalissimo di calvino che fu maestro di davico b ...continua

    è emblematico il silenzio su giulio einaudi. un silenzio giustificato da poche frasi alla fine del testo. tutte le pagine, però, trasudano la casa editrice: l'apprendistato, le persone, i posti a sedere, i silenzi e i ruoli. è anche un ritratto personalissimo di calvino che fu maestro di davico bonino.
    un romanzo di formazione per chiunque voglia lavorare in editoria.

    ha scritto il