Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Alice senza niente

Di

Editore: Terre di Mezzo

3.5
(86)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 96 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8861891802 | Isbn-13: 9788861891807 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: eBook

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Alice senza niente?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
“Alice senza niente” racconta una giornata-tipo di Alice, giovane laureata alla ricerca di un lavoro e – tra colloqui assurdi e mille trucchi per sopravvivere con pochi euro – traccia l’identikit (a volte amaramente ironico) di troppi giovani la cui unica aspirazione ormai è quella di “diventare precari”.
Questo romanzo è il manifesto dei “senza niente”, migliaia di ragazzi e ragazze italiani a cui è stata rubata la speranza di un futuro degno.
Ordina per
  • 5

    Sarà perché mi sento come Alice, ma questo libro è davvero fantastico. L'autore, anche in parte alle sue esperienze di laureato che non ha mai avuto un contratto più lungo di tre mesi, è stato braviss ...continua

    Sarà perché mi sento come Alice, ma questo libro è davvero fantastico. L'autore, anche in parte alle sue esperienze di laureato che non ha mai avuto un contratto più lungo di tre mesi, è stato bravissimo a descrivere la situazione in cui si trovano oggi tantissimi giovani (e non). Alice non ha un lavoro, vive insieme al fidanzato in un appartamento minuscolo e non può fare la spesa. è una storia così vera ed è così facile immedesimarsi nella protagonista. Consigliato a chi vive in una condizione precaria. Leggere Alice senza niente darà l'impressione di essere tutti su un'unica grande barca.

    ha scritto il 

  • 3

    Parte molto bene, soprattutto fino alla fine del ° colloquio, poi però comincia a perdere man mano di mordente per lasciarti insoddisfatta proprio alla fine.. che peccato!!!

    ha scritto il 

  • 3

    "Io rinuncio alle mie velleità e voi mi assumete"

    La storia regge molto bene fino al racconto del colloquio, scoppiettante ed ironico. Poi, sinceramente, perde parecchio sia per la banalità dei personaggi di Riccardo e Silvia che per l'esasperazione ...continua

    La storia regge molto bene fino al racconto del colloquio, scoppiettante ed ironico. Poi, sinceramente, perde parecchio sia per la banalità dei personaggi di Riccardo e Silvia che per l'esasperazione con cui vengono raccontati i dettagli della vita di coppia. Nobile comunque l'intento di denunciare il precariato giovanile e, sicuramente, ben scritto.

    ha scritto il 

  • 2

    Io non sono Alice senza niente

    Siccome non posso esimermi dal fare un discorso lungo... ne ho scritto qui http://dopolapioggia.wordpress.com/2012/05/16/io-non-sono-alice-senza-niente/

    ha scritto il 

  • 4

    Alice e il suo ragazzo, entrambi laureati, entrambi quasi trentenni, trascorrono le loro giornate cercando lavoro e pensando a come potersi arrangiare per pagare l'affitto e per fare un pasto decente. ...continua

    Alice e il suo ragazzo, entrambi laureati, entrambi quasi trentenni, trascorrono le loro giornate cercando lavoro e pensando a come potersi arrangiare per pagare l'affitto e per fare un pasto decente. Io, casualmente, ho iniziato a leggere questo libro proprio quando il mio ragazzo aveva deciso di farmi vedere le prime puntate del “Galaxy Express 999” di Matsumoto.
    Avete presente quando due farmaci fanno interferenza e ti capita qualcosa di terribile?Tipo vomito, diarrea, arresto cardiaco?Ecco.
    Pensavo ad Alice affamata e disperata e ai figli di papà con la macchina nuova, a Masai che perde la mamma e agli uomini meccanici che ammazzano le persone per puro divertimento.
    E pensavo che alla fine è la solita storia di ricchi e di poveri, di chi ha tutto e di chi non ha niente.
    Poi mi sono guardata un paio di puntate del Jersey Shore e mi è passato tutto.
    Comunque secondo me non è vero che non abbiamo scelta (o almeno non credo che sia sempre così), il problema reale è che CI FANNO CREDERE CHE NON ABBIAMO SCELTA.Bel libro comunque, scritto in modo particolare.

    ha scritto il