Allegro ma non troppo

By

Publisher: Crítica

4.1
(2003)

Language: Español | Number of Pages: 87 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Italian

Isbn-10: 8484322270 | Isbn-13: 9788484322276 | Publish date: 

Also available as: Mass Market Paperback , Others

Category: History , Humor , Social Science

Do you like Allegro ma non troppo ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 2

    interessante la prima parte

    Interessantissimo il saggio di storia sul ruolo delle spezie (e del pepe in particolare) nello sviluppo economico del Medioevo. La storia come non l'ho mai immaginata.

    Invece le leggi sulla stupidità ...continue

    Interessantissimo il saggio di storia sul ruolo delle spezie (e del pepe in particolare) nello sviluppo economico del Medioevo. La storia come non l'ho mai immaginata.

    Invece le leggi sulla stupidità umana (ricordo che mi entusiasmarono quando le scoprii svariati anni fa) le ho trovate alquanto superate e figlie di una visione abbastanza deludente dell'essere umano. Immaginare che si possa nascere stupidi e che quanto facciamo per migliorare da questo punto di vista sia inutile lo trovo un po' semplicistico e supponente.

    said on 

  • 5

    Un breve brevissimo concentrato di genialità! Sembra un dialogo di qualche film di Tarantino, tutto scorre senza pause e lo si leggerebbe in eterno!

    said on 

  • 3

    Trattasi di puro divertissement storico-filosofico-matematico diviso in due parti.

    Nella prima viene esposto in una concatenazione di cause-effetto umoristiche (ma fino a un certo punto) il ruolo ch ...continue

    Trattasi di puro divertissement storico-filosofico-matematico diviso in due parti.

    Nella prima viene esposto in una concatenazione di cause-effetto umoristiche (ma fino a un certo punto) il ruolo che ebbero le spezie in generale - e il pepe in particolare - nella rinascita economica dell'Europa medievale dal 1000 in poi. Come si può intrattenere con intelligenza e cultura senza cadere nel becerume, facendo anche sfoggia di autoironia sul modo di fare storia (economica, ma non solo) partendo da assunti assoluti e intorno a quel punto fermo far quadrare tutto.

    Nella seconda, giustamente celebre, quella gran testa di Cipolla espone le 5 leggi fondamentali della stupidità umana (semi-seriamente) e mostra, grafici cartesiani alla mano, come la differenza fra civiltà in declino e civiltà in ascesa stia nella quantità di persone stupide (o semi-stupide) al suo interno. Perché, come dice la V legge: La persona stupida è il tipo di persona più pericolosa che esiste.

    Se volete sapere altro, leggetevelo. Ne vale la pena (e qualche ora di relax vi basteranno).

    Unica nota stonata: il prezzo. 8.80 € per 75 paginette sono davvero tanti. Fatto che non toglie nulla alla genialità di Cipolla e che va a totale discredito del Mulino (che su questo libretto fa grandi affari, credo).

    said on 

  • 3

    Ovvero di quando l’economia mondiale si mise in moto per soddisfare la voglia di pepe di qualche monaco. Ovviamente intendo la spezia. Un brevissimo saggio interessante quanto spiazzante, il modo di r ...continue

    Ovvero di quando l’economia mondiale si mise in moto per soddisfare la voglia di pepe di qualche monaco. Ovviamente intendo la spezia. Un brevissimo saggio interessante quanto spiazzante, il modo di raccontare di Cipolla mi ha veramente colpito, per il suo essere così sciolto e spigliato (forse a volte anche troppo). Bellissima la frase finale.
    Il secondo saggio è la celeberrima Teoria della stupidità, lucida analisi degli effetti della stupidità sul genere umano.

    said on 

  • 5

    Se qualcuno a cui tieni ti regala un libro e precisa che quel libro è la sua bibbia, be', prenditi un pomeriggio di relax e leggitelo con l'attenzione che merita.

    Il trattato su "Le leggi fondamentali ...continue

    Se qualcuno a cui tieni ti regala un libro e precisa che quel libro è la sua bibbia, be', prenditi un pomeriggio di relax e leggitelo con l'attenzione che merita.

    Il trattato su "Le leggi fondamentali delle stupidità umana" andrebbe letto nelle scuole.
    Anzi no, ci vorrebbe un preside che un giorno, dopo che l'imbecille di turno ha fatto un danno, entra in classe, disegna alla lavagna un piano cartesiano e spiega per bene chi sono lo sprovveduto, l'intelligente, il bandito e lo stupido.

    Se la scuola non ti insegna almeno questo, ha fallito.
    Magari qualcuno riusciremmo a salvarlo.
    Forse.

    (grazie Angela!)

    said on 

  • 5

    Riletture necessarie!

    La categoria degli stupidi è in crescita. Idiocracy docet. Ovviamente, non c'è salvezza. In primis per il proprio cervello, poi anche per finanze e salute. Ogni tanto me lo rileggo, e mi faccio sonore ...continue

    La categoria degli stupidi è in crescita. Idiocracy docet. Ovviamente, non c'è salvezza. In primis per il proprio cervello, poi anche per finanze e salute. Ogni tanto me lo rileggo, e mi faccio sonore risate ad alta voce. Un po' più amare, perchè la prima volta lo lessi molti anni fa. E murphianamente la situazione, da allora, è peggiorata.

    said on 

  • 5

    Primo comandamento: evitare di comportarsi da stupidi!

    Chi è lo stupido? Cosa fa di preciso? Secondo quali "logiche" si muove?
    Se impari a riconoscerlo, impari ad evitarlo e soprattutto ad evitare di comportarti come lui nelle più svariate situazioni dell ...continue

    Chi è lo stupido? Cosa fa di preciso? Secondo quali "logiche" si muove?
    Se impari a riconoscerlo, impari ad evitarlo e soprattutto ad evitare di comportarti come lui nelle più svariate situazioni della vita.

    said on 

  • 5

    Citazione preferita:

    "Una creatura stupida vi perseguiterà senza ragione, senza un piano preciso, nei tempi e nei luoghi più improbabili e più impensabili. Non vi è alcun modo razionale per prevedere se, quando, come e pe ...continue

    "Una creatura stupida vi perseguiterà senza ragione, senza un piano preciso, nei tempi e nei luoghi più improbabili e più impensabili. Non vi è alcun modo razionale per prevedere se, quando, come e perché, una creatura stupida porterà avanti il suo attacco. Di fronte ad un individuo stupido, si è completamente alla sua mercé."

    said on 

Sorting by