Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Along Came a Spider

By

4.0
(83)

Language:English | Number of Pages: 435 | Format: Others | In other languages: (other languages) Spanish , Indonesian

Isbn-10: 0007796528 | Isbn-13: 9780007796526 | Publish date: 

Also available as: Paperback , Mass Market Paperback , Hardcover , Audio Cassette , Audio CD , School & Library Binding , eBook

Category: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Do you like Along Came a Spider ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 3

    Mmm.. Mi aspettavo decisamente di più, lo ammetto :(
    Volevo iniziare a leggere la serie di Alex Cross da millenni: Patterson ha scritto migliaia di libri, è etichettato come lo scrittore thriller più venduto al mondo con fantasmilioni di copie vendute** in tutto il mondo, il caso editoriale ...continue

    Mmm.. Mi aspettavo decisamente di più, lo ammetto :(
    Volevo iniziare a leggere la serie di Alex Cross da millenni: Patterson ha scritto migliaia di libri, è etichettato come lo scrittore thriller più venduto al mondo con fantasmilioni di copie vendute** in tutto il mondo, il caso editoriale dell'anno (di tutti gli anni, ovviamente).. Insomma, il guru, il top, l'immancabile.
    C'è poi da dire che io ho amato alla follia la serie Maximum Ride, divertente, scorrevole, con ottimi personaggi e una bella storia.. Avevo tutte le carte in tavola per un'ottima lettura e aspettarmi non meno di un libro eccezionale..
    Perché non mi ero mai tuffata?! Innanzitutto perché appunto, ogni libro riporta la dicitura "2374565484329298274589549273945592813745592824582 copie vendute nelle sole Isole Marshall (Stato con una superficie di 181 km² in Oceania XD)!!!!!!!!!!!!", la qual cosa mi infastisce da morire.. Poi perché - nota un po' dolentina - ho letto un suo thriller, "Le donne del club omicidi" e l'avevo trovato banale, affrettato, acquoso e SCONTATO. Ma no!! Un thriller scontato è come il cappuccino senza cornetto, i maccheroni senza cacio (Cit arraggianta da Juno), una stanza senza libreria, un.. Vabbé, mi sono capita, no? Come si fa ad avere un thriller scontato.. Già da "thriller" uno si aspetta di avere l'adrenalina a mille da pagina uno, quella della dedica xD
    Tutto ciò per dire che ho rimandato abbastanza la lettura della serie (che, diamine, è arrivata al 21esimo volume. Alla faccia!!), ma ero giustificata xD
    Sinceramente sono rimasta molto delusa U.U Non mi sembra nemmeno lo stesso autore de "Maximum Ride".. Ho provato a giustificarlo dicendomi che, "Vabbé, è un'opera prima.. ci può stare.. Insomma, sicuramente nei successivi migliora.."
    Invece no. Perché - sempre per rimanere in tema thriller, Elizabeth George e Michael Connelly nelle loro opere di esordio mi hanno folgorato, conquistato e fatto venire voglia di leggere tutta la loro produzione dimenticandomi del mondo esterno.. Con Patterson non ho mai avuto pensieri quali "Appena riesco a staccarmi dalla storia mi vado a vedere la bibliografia e l'ordine di lettura dei romanzi successivi così li compro in blocco".. Mi sono detta che una seconda chance alla serie posso dargliela.. Ma chissà quando sarà XD
    La scrittura mi è piaciuta, ma non mi ha fatto impazzire. A tratti ripetitiva, spesso dispersiva e ogni tanto addirittura lenta.. Nel complesso certo non è male ma Patterson mi ha dato prova di saper scrivere molto meglio di così! E qui ci posso stare che magari essendo un'opera prima sia un po' "acerba"..
    (Però che nervi il passaggio dalla prima alla terza persona -.-)
    Il personaggio di Alex Cross.. UMM. Non ho ancora deciso se mi stia simpatico o meno.. Gli concedo il beneficio del dubbio ma, come per la scrittura, non è scattato l'amore e la passione dirompente :D
    In alcuni momenti avrei tanto voluto prenderlo a calci.. Non perché sia uno stronzo o che.. Semplicemente mi ha irritato per motivi oscuri XD
    E' pur vero però che ha dei pensieri che condivido, è un uomo buono e giusto e mi ha fatto anche ridacchiare ogni tanto per alcune sue risposte!
    La storia è un po' nì; innanzitutto secondo me è un po' campata per aria e in certi punti Patterson se la risolve con il famoso metodo letterario di latina discendenza Caciara-caciaris (Talvolta noto anche come "Alla.come-viè-vié-tanto-il-lettore-non-se-ne-accorge-se-faccio-il-furbo" da leggere obbligatoriamente senza riprendere fiato fino alla fine).. Il che mi ha innervosito da morire xD
    Poi anche qui.. Suspense?! Chi? COSA!! Io?! Zero. Niente. Nada. Niet. لا شيء
    Insomma, la svoltona epica che avrebbe dovuto far prendere un infarto e spalancare la bocca fino a terra dalla sorpresa non c'è stata.. Io l'avevo capito subito l'andazzo u.u
    Anche il fatto che il cattivo sia noto subito e si prenda il suo punto di vista.. Non so, mi disturba parecchio. O meglio, mi urta se non si è più che capaci di gestire la cosa.. Ho letto thriller validissimi in cui il cattivo/colpevole di turno è presentato subito e si segue anche lui e la suspense si tagliava con un coltello (meglio del tonno emo che si taglia con un grissino: http://www.memeweb.it/wp-content/uploads/2010/09/59324_136158443094878_120615281315861_216947_6367087_n.jpg"/>) ma sono la netta minoranza.
    Poi tutta l'azione inizia quasi alla fine, quando Alex Cross (smette di tirarlo fuori dalle mutande) si sveglia e inizia a fare il detective come si deve (largo circa): per le prime trecento pagine le indagini sono inesistenti, trovano il tipo per mera fortuna in modo improbabile e soprattutto veniamo ammorbati dal processo di questo povero pazzo.. Per carità, tutto rispetto per i processi.. Ma se voglio leggerne uno mi prendo un legal thriller -.-
    Ad un certo punto ero lì col sonno perenne e la palpebra che scendeva minacciosa.. Ammetto che in certi punti ho saltato le righe ._.

    Forse in realtà non è vero che gli darò una seconda chance.. La delusione (e la noia, talvolta) è stata troppo cocente :(

    ** Ok, momento cattiveria quasi gratuita: certo che se uno scrive un libro ogni tre mesi è normale che poi vende da morire.. :D

    said on 

  • 5

    Terrifyingly brilliant...

    This pleasantly surprised me as being even better than I was expecting. I think this was Patterson's first bestseller and you can see why. It may still be one of his best written books to date. This book introduce's Alex Cross who I have in my head as Morgan Freeman because of the film version an ...continue

    This pleasantly surprised me as being even better than I was expecting. I think this was Patterson's first bestseller and you can see why. It may still be one of his best written books to date. This book introduce's Alex Cross who I have in my head as Morgan Freeman because of the film version and really I think even if he hadn't played him that's who I would have envisioned as him. He's an amazing character and you just love him.

    Gary Soneji is a scary, scary man and as far as I can remember it's not the last we see of him. I think I may have read Roses are Red somewhere down the line. A brilliant book, excellent storyline, engaging characters and a terrifying bad guy!

    said on 

  • 3

    Inspiration vs perspiration

    E' lecito domandare perché diavolo mai io continui a leggere trillerari americani se poi ne penso quel che ne penso.
    E' cortesia rispondere che, da un lato, spero sempre di trovare l'eccezione che conferma la regola del trilleraro americano; dall'altro, ho un insano desiderio di campionare ...continue

    E' lecito domandare perché diavolo mai io continui a leggere trillerari americani se poi ne penso quel che ne penso.
    E' cortesia rispondere che, da un lato, spero sempre di trovare l'eccezione che conferma la regola del trilleraro americano; dall'altro, ho un insano desiderio di campionare lo spazio dei giallisti/trillerari in tutto lo spazio-tempo. Mi piacciono gli obiettivi raggiungibili. Soprattutto perché mi pare giusto fare almeno un paio di misure per autore: è la scienza, bellezza.

    Patterson mi viene in aiuto per il secondo punto, ma questo lo fa chiunque, mentre cade miseramente per il primo, perché di eccezionale non ci trovo proprio nulla. Anzi, ad una seconda analisi, sì.
    Non è il fatto che un autore bianco crei un detective nero.
    Non è neanche il fatto che si tratti di un detective con un'altra specializzazione (psicologo), che, a voler ben gardare, mi sembra solo un modo per rendere più plausibili certe autorevolezze e certi permessi che gli vengono dati.
    Non è nemmeno la presenza di una super donna competitiva assertiva strafiga atletica che guida la moto (sai che fantasia che ci vuole; forse l'unica cosa fantasiosa è la fine che fa -che non dico-).
    Per non parlare dello psicopatico di turno. Cliché.

    Il vero elemento sconcertantemente nuovo è....che il dottordetective Alex Cross suda. Copiosamente. Come risposta base a qualunque stimolo, che sia caldo, paura, adrenalina, fame, sete, sonno, esattore delle tasse, guardia di finanza, gita fuori porta.

    Trovategli almeno un deodorante.

    said on 

  • 5

    1st book of James Patterson I ever read

    and I LOVED it. I was hooked on him from this book on. I would see his books and I would find the money somewhere to buy his lastest book. I wish I could remember the year I read it but I think it was just newly published.

    said on 

  • 3

    Some sections were pretty disturbing. Started to enjoy more in later sections when characters started to develop more. Writer used a number of "tricks" to maintain interest. Was generally engaging enough to want me to read the next in the series, but nothing extraordinary about it.

    said on 

  • 4

    I have been meaning to read this novel for quite some time, however, hadn't gotten around to it until now. I enjoy Patterson's style of writing. It isn't too descriptive, yet you are able to draw conclusions and make assumptions.

    said on