Amantes

Di

Editore: Logos

4.0
(44)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 208 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 885760120X | Isbn-13: 9788857601205 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Fabio Regattin

Genere: Fumetti & Graphic Novels , Non-narrativa

Ti piace Amantes?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Amantes, amanti in italiano... Un racconto sensibile e profondo di tante storie diverse. Amori fedeli, diversi, addormentati... uno sguardo sincero e umano, dichiarato con colori e lettere senza mai cadere nella banalità. Un libro da leggere e da guardare, un libro in cui ritrovarsi, fatto di sensazioni che tutti, prima o poi, abbiamo provato.
Ordina per
  • 5

    L'amore non è una cosa semplice

    Un po' Picasso, un po' van Gogh un po' Gauguin...financo qualcosa di Modigliani. Insomma, illustrazioni eccellenti. Testi sublimi, l'autrice ha il dono di condensare in pochi fotogrammi amori interi e ...continua

    Un po' Picasso, un po' van Gogh un po' Gauguin...financo qualcosa di Modigliani. Insomma, illustrazioni eccellenti. Testi sublimi, l'autrice ha il dono di condensare in pochi fotogrammi amori interi e complessi.

    "Sognavamo qualcuno che ci accompagnasse nella vita, rassegnandoci alla solitudine. Finché un giorno ho aperto gli occhi ed eccoti davanti a me."

    ha scritto il 

  • 4

    Momenti d'amore

    Non ringrazierò mai abbastanza chi mi ha donato questo libro e mi ha fatto scoprire questa disegnatrice spagnola, Ana Juan, e questa sua opera grafica Amantes, che mi ha così emozionato e (devo confes ...continua

    Non ringrazierò mai abbastanza chi mi ha donato questo libro e mi ha fatto scoprire questa disegnatrice spagnola, Ana Juan, e questa sua opera grafica Amantes, che mi ha così emozionato e (devo confessarlo) a tratti commosso.
    Undici storie, undici "tipi" d'amore: da quello fedele a quello settimanale, da quello diverso a quello lontano, da quello effimero a quello sconosciuto, fino al primo amore.
    Le illustrazioni sono bellissime. Lo stile risente di molte suggestioni: Picasso, Chagall, forse George Grosz. Ma non si tratta di banali scopiazzature, bensì di una sintesi che suona originale ed evocativa. Cercando in rete lavori più recenti di Ana Juan mi sembra che oggi (Amantes è di cinque anni fa) il suo stile sia diverso, più "floreale" e meno espressionista e, a mio giudizio, decisamente meno coinvolgente. Ma è una valutazione superficiale e sono il primo a riconoscerne i limiti.
    Ma Amantes è bellissimo, senza incertezze e tentennamenti.
    24/12/2015

    ha scritto il 

  • 3

    Non è il genere di libro che comprerei, non sono una fan dei libri 'tante immagini-poco testo', ma l'ho comunque letto volentieri, sotto richiesta di un'amica che voleva anche un mio parere.

    Il testo ...continua

    Non è il genere di libro che comprerei, non sono una fan dei libri 'tante immagini-poco testo', ma l'ho comunque letto volentieri, sotto richiesta di un'amica che voleva anche un mio parere.

    Il testo per quanto breve è poetico,tratta dei vari tipi d'amore che possono esistere senza la presunzione di farne un inventario, chiaramente! Certo le immagini aumentano l'effetto e sono ben studiate.

    ha scritto il 

  • 4

    Ana Juan è una bravissima illustratrice. Questo libro è la ricerca di un equilibrio fra testo e immagine. Le quattro stelline che ho dato, dipendono proprio dai testi, che a tratti banalizzano la f ...continua

    Ana Juan è una bravissima illustratrice. Questo libro è la ricerca di un equilibrio fra testo e immagine. Le quattro stelline che ho dato, dipendono proprio dai testi, che a tratti banalizzano la forza del racconto, che le immagini da sole, riescono ad evocare.

    ha scritto il 

  • 4

    Ana Juan disegna il gioco dell' oca dell' amore, e nel tabellone ci sono le figurine disegnate da George Grosz, con la sintassi malinconica di Derain e gli arredi di Hopper.

    Io ho tirato il dado e ho ...continua

    Ana Juan disegna il gioco dell' oca dell' amore, e nel tabellone ci sono le figurine disegnate da George Grosz, con la sintassi malinconica di Derain e gli arredi di Hopper.

    Io ho tirato il dado e ho saltato l' Amore fedele che non son mai stato bravo, son rimasto fermo troppi turni sull'Amore settimanale, mi son chiesto perchè un tiro doppio mi ha fatto inciampare sull' Amore volatile se c'è una donna con cane e non ci sono ali, sono avanzato con un dado solo sulle caselle dell'Amore diverso e dell' Amore dormiente per imparare quel che non so e non oso.
    Con un doppio sei ero oltre l' Amore effimero, ma arrivato al Primo Amore mi sono ritrovato di nuovo alla Partenza.

    ha scritto il