Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

American Rust

By Philipp Meyer

(1)

| eBook | 9781847377203

Like American Rust ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Set in a beautiful but dying Pennsylvania steel town, American Rust is a novel of the lost American dream and the desperation that arises from its loss. It is the story of two young men bound to the town by family, responsibility, inertia and the bea Continue

Set in a beautiful but dying Pennsylvania steel town, American Rust is a novel of the lost American dream and the desperation that arises from its loss. It is the story of two young men bound to the town by family, responsibility, inertia and the beauty around them who dream of a future beyond the factories, abandoned homes, and the polluted river.
Isaac is the smartest kid in town, left behind to care for his sick father after his mother commits suicide and his sister Lee moves away. Now Isaac wants out too. Not even his best friend, Billy Poe, can stand in his way: broad-shouldered Billy, always ready for a fight, still living in his mother's trailer. Then, on the very day of Isaac's leaving, something happens that changes the friends' fates and tests the loyalties of their friendship and those of their lovers, families, and the town itself.
Evoking John Steinbeck's novels of restless lives during the Great Depression, American Rust is an extraordinarily moving novel about the bleak realities that battle our desire for transcendance, and the power of love and friendship to redeem us.

52 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Un'America ferita ed abbandonata, lasciata a marcire agonizzante.

    Una bella storia tendente al noir, una tragedia si dipana sullo sfondo di una tragedia più grande, la decadenza di una città e della sua popolazione, la tragedia silenziosa di una società impotente di fronte alla deriva.
    Un'imprevedibile catena di e ...(continue)

    Una bella storia tendente al noir, una tragedia si dipana sullo sfondo di una tragedia più grande, la decadenza di una città e della sua popolazione, la tragedia silenziosa di una società impotente di fronte alla deriva.
    Un'imprevedibile catena di eventi segneranno l'esistenza di due giovani amici e dell'intera comunitá in cui vivono. Un libro che lascia un profondo senso di precarietá.

    Ognuno trascina il suo fardello in silenzio, sopporta e va avanti.
    Da leggere ascoltando “Highway Rider” di Brad Mehldau.

    Is this helpful?

    Renzo said on Jul 7, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Che ansia e che tristezza mi hanno infuso queste pagine!!!
    Un bel romanzo, certo, una prosa senza sbavature, un grande narratore ma una vicenda difficile da digerire.

    Il romanzo mette in scena un sogno americano andato in frantumi, "arrugginito", c ...(continue)

    Che ansia e che tristezza mi hanno infuso queste pagine!!!
    Un bel romanzo, certo, una prosa senza sbavature, un grande narratore ma una vicenda difficile da digerire.

    Il romanzo mette in scena un sogno americano andato in frantumi, "arrugginito", come recita il titolo. Un'opera dal sapore epico, dallo stile frammentato e caratterizzato dal passaggio repentino dalla terza alla prima persona singolare per entrare nella mente dei protagonisti; saltano tutti i canoni e i cliché del genere come salta anche la sintassi e la punteggiatura.
    Di certo un libro per palati forti, dalle tematiche decise, sempre velato dalla tristezza per un presente dominato da una crisi che mette sul lastrico tutti, non solo gli adulti ma soprattutto i più giovani, che non hanno più un futuro che non sia fatto di precarietà e delinquenza.
    Questa fase storica è rappresentata dai due protagonisti che potrebbero essere teoricamente dei vincenti, dei self made men se non vivessero nel posto sbagliato. Per loro il sogno americano funziona alla rovescia e si rivolta contro loro stessi.
    Isaac English è un ventenne gracile, piccolo, ma dall'acuta intelligenza, un piccolo genio con un alto quoziente intellettivo che però, invece di poter accedere ad una università prestigiosa ed aspirare ad una brillante carriera, si ritrova a dover accudire il padre ridotto su una sedia a rotelle dopo un incidente sul lavoro.
    Simile destino per Billy Poe, un gigante buono, non troppo intelligente, ma bravissimo nello sport, che invece di aspirare ad una carriera da giocatore professionista di football ha scelto il suo paesino sonnolento e quasi disabitato, senza più speranze, una vita vissuta in un trailer invece che una vera casa, un destino di delinquenza e prigione.
    Proprio questi due ragazzi, amici così diversi tra loro, ma che in un altro scenario avrebbero potuto essere dei vincenti, sono i protagonisti di questo romanzo cupo, destinati a nulla di buono dopo l'incontro con alcuni vagabondi in una notte di pioggia. La fuga per Isaac e il carcere per Poe sono scritti nei loro geni, destinati alla rovina come la ruggine che si posa su ogni cosa nel pese dove vivono, una città industriale ormai in rovina e allo sbando come le persone che ci vivono.

    Un filino deprimente e non molto estiva come lettura, però Meyer è di certo un nuovo grande autore americano.
    Da conoscere.

    Is this helpful?

    Missinblue said on Jul 2, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    IL GRANDE ROMANZO AMERICANO VIVE
    Parafrasando Jon Landau che nel 1974 scrisse sulle pagine del REAL PAPER di Boston testuali parole:
    "Ho visto il futuro del rock'n'roll e il suo nome è Bruce Springsteen "
    Potrei dire la grande letteratura americana è ...(continue)

    IL GRANDE ROMANZO AMERICANO VIVE
    Parafrasando Jon Landau che nel 1974 scrisse sulle pagine del REAL PAPER di Boston testuali parole:
    "Ho visto il futuro del rock'n'roll e il suo nome è Bruce Springsteen "
    Potrei dire la grande letteratura americana è viva e rivive nella penna Philipp Meyer. Romanzi eccellenti ambedue. Il paragone con Steinbeck non è sprecato come quello con McCarthy. Stiamo veramente leggendo un autore che scrive con lo stile e l'anima del grande romanzo americano. Romanzo fatto di spazi sconfinati, di viaggi avventurosi attraverso paesasggi che diventano co-protagonisti del romanzo insieme ai personaggi in carne e ossa.
    Personaggi descritti con una qualità superba e magistrale.
    Personaggi i cui sogni si trasformano in incubi mentre la disgregazione di una nazione nel primo e di una famiglia nel secondo lasciano intendere che un epoca è finita e qualcosa di diverso ne prende il posto.

    Is this helpful?

    Alberto Tonelli said on Jun 24, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    Ruggine e nuvole, la parte triste dell'america... (cit.)

    se "il figlio" si merita 4 stelle piene, questo se le merita un po' risicate: Ogni tanto vien voglia di invitarlo a tagliar corto. Denso di argomenti: amicizia, onestà, dovere, egoismo, mancanza di prospettive per il futuro, crisi di un'intera societ ...(continue)

    se "il figlio" si merita 4 stelle piene, questo se le merita un po' risicate: Ogni tanto vien voglia di invitarlo a tagliar corto. Denso di argomenti: amicizia, onestà, dovere, egoismo, mancanza di prospettive per il futuro, crisi di un'intera società, occasioni perse, provincia decrepita, violenza, carcere... tutt'intorno negozi chiusi, fabbriche decrepite, case in rovina, ruggine.

    Stile riconoscibile, a tratti disturbante, che si è ulteriormente personalizzato nel libro successivo (che ho letto per primo, my fault). Molti capitoli sempre più brevi man mano che la storia avanza, incentrati ognuno sul punto di vista di uno dei personaggi; passaggio, nella stessa frase, dalla terza alla prima persona, per niente, IMO, forzato.

    ACHTUNG, SPOILER

    finale aperto, non si saprà nulla sul futuro di nessuno dei protagonisti. Può piacere, può lasciare un senso di sospensione fastidioso.

    Is this helpful?

    MoscO said on Jun 17, 2014 | 2 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    C'è tutto quello che cerco in una romanzo...E poi che linguaggio, che personalità. E pensare che è un autore abbastanza giovane. Capolavoro? Boh, forse, ma chi se ne frega. Romanzo di straordinaria bellezza.

    Is this helpful?

    Andystarsailor said on Jun 13, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Se avessi letto per primo questo romanzo di Meyer non avrei mai letto il bellissimo "Il Figlio". Buona la scrittura ma la storia è di una noia mortale e alcuni dettagli sono stati trascurati (esempio che fine ha fatto Lee?), quasi nulle le riflession ...(continue)

    Se avessi letto per primo questo romanzo di Meyer non avrei mai letto il bellissimo "Il Figlio". Buona la scrittura ma la storia è di una noia mortale e alcuni dettagli sono stati trascurati (esempio che fine ha fatto Lee?), quasi nulle le riflessioni di ampio respiro o gli spunti davvero interessanti. Ampiamente sconsigliato.

    Is this helpful?

    Ugo Goy said on Jun 6, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book