Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Amok

By Stefan Zweig

(576)

| Paperback | 9788845918575

Like Amok ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Amok è una parola malese che indica una "follia rabbiosa, una specie di idrofobia umana... un accesso di monomania omicida, insensata, non paragonabile a nessun'altra intossicazione alcolica". Lo sa bene il protagonista di questa novella, un medico d Continue

Amok è una parola malese che indica una "follia rabbiosa, una specie di idrofobia umana... un accesso di monomania omicida, insensata, non paragonabile a nessun'altra intossicazione alcolica". Lo sa bene il protagonista di questa novella, un medico dai tanti conti in sospeso: con la giustizia, con la professione, con la propria vita ormai annientata. In una confessione simile a un delirio, racconta di un mondo febbrile dove si scontrano la dispotica imperiosità di una donna, convinta che tutto si compri con il denaro, e la divorante passione di un uomo cui i tropici e la solitudine hanno sviato la mente e i sensi.

90 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Lo stile di Zweig è intrigante e riesce a stregare e trasportare il lettore negli ambienti torridi e nell'atmosfera monomaniacale e claustrofobica del racconto con una facilità estrema.
    Tuttavia, per gusto personale tendo a preferire i sentimenti so ...(continue)

    Lo stile di Zweig è intrigante e riesce a stregare e trasportare il lettore negli ambienti torridi e nell'atmosfera monomaniacale e claustrofobica del racconto con una facilità estrema.
    Tuttavia, per gusto personale tendo a preferire i sentimenti sommessi o trattenuti, i personaggi più razionali e controllati, perfino calcolatori. Ragion per cui, non sono riuscita a provare né simpatia né pena per i protagonisti di questa storia, così totalmente sottomessi alle proprie sensazioni e desideri, che si lasciano trascinare nel baratro senza nemmeno provare ad opporre resistenza, travolti dalla follia dell'amok, comandati da sentimenti assoluti.
    È tutto troppo estremo perché io possa provare simpatia o empatia per qualcuno di loro. Peccato.
    Di sicuro però leggerò qualcos'altro di Zweig.

    Is this helpful?

    Elisa said on May 29, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    ti toglie il fiato

    All'Autore piacciono le storie di ossessioni. Qui ne traccia una, con la solita superba maestria.
    La storia è tratteggiata con la consueta finezza psicologica, ogni passaggio, pure al limite del verosimile, pare credibile e giustificato.
    Ma è il cont ...(continue)

    All'Autore piacciono le storie di ossessioni. Qui ne traccia una, con la solita superba maestria.
    La storia è tratteggiata con la consueta finezza psicologica, ogni passaggio, pure al limite del verosimile, pare credibile e giustificato.
    Ma è il controfinale a lasciare senza fiato.
    Un piccolo capolavoro, piccolo solo perchè breve,

    Is this helpful?

    blutango said on May 13, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Il mondo si S.Z. fatto di passioni lancinanti, inquietudini profonde, eros distruttivo, in una novella costruita con l'espediente classico ed a lui caro del racconto nel racconto.

    Is this helpful?

    Romeomuratori said on May 8, 2014 | Add your feedback

  • 5 people find this helpful

    Quasi tre stelle nella notte tropicale ...

    Follia e frenesia omicida.
    Zweig stavolta si sposta nelle ambientazioni più tipiche di Conrad che sue. Ma come in altri suoi racconti, qualcuno si beve il cervello per un impulso d’amore.
    Sulla nave che li riporta in Europa, un uomo, nella notte stel ...(continue)

    Follia e frenesia omicida.
    Zweig stavolta si sposta nelle ambientazioni più tipiche di Conrad che sue. Ma come in altri suoi racconti, qualcuno si beve il cervello per un impulso d’amore.
    Sulla nave che li riporta in Europa, un uomo, nella notte stellata, racconta ad un altro uomo la sua storia, non ancora del tutto compiuta. Un medico, richiesto di un aborto da una donna bella e imperiosa, seduta stante viene catturato dalla “spocchia” della signora. Le propone, in pagamento, un rendez-vous amoroso. Ovviamente per la signora lui si trasforma nella cosa più vicina ad uno scarafaggio. Il dottore si pente e la tampina. Lei lo scansa. Lui persegue. Lei cerca altre soluzioni. Lui interviene e troverà un parziale riscatto nel prometterle di fare qualsiasi cosa per coprire il suo buon nome. Anche perché sta arrivando il marito, beatamente inconsapevole delle corna.
    Non all’altezza di altri suoi racconti, ma sempre gradevole. Belle le descrizioni della notte, sulla coperta della nave.

    Is this helpful?

    Anina e "gambette di pollo" said on Apr 18, 2014 | 5 feedbacks

  • 7 people find this helpful

    Amok

    Il protagonista del romanzo è un medico tedesco che, dopo aver fallito la sua carriera in Germania, si trasferisce in India, e vive per anni in solitudine lavorando nelle colonie tra alcol, vecchi ricordi e nostalgia per l’amata Europa, ormai solo pa ...(continue)

    Il protagonista del romanzo è un medico tedesco che, dopo aver fallito la sua carriera in Germania, si trasferisce in India, e vive per anni in solitudine lavorando nelle colonie tra alcol, vecchi ricordi e nostalgia per l’amata Europa, ormai solo passato.

    “Laggiù, in quell’invisibile serra, ti vengono meno le forze: la febbre…ti corrode il midollo, diventi fiacco e pigro, molle, una medusa”

    Il breve romanzo è il suo lungo e delirante racconto, fatto ad uno sconosciuto a bordo di una nave che li riporta in Europa, della sua vita infelice fino al momento in cui incontra una giovane donna europea, affascinante, forte, superba e altera, rimasta incinta per un rapporto extraconiugale, che si reca nel suo ambulatorio per abortire.
    Il medico la ricatta: la farà abortire solo se si concederà a lui. E in seguito a questa richiesta il rapporto tra i due diviene imprevedibile, instabile, irrazionale, l’uomo è posseduto dall'amok, parola maltese che indica una specie di raptus che porta alla rovina chi ne è affetto. L’uomo, vittima dell’amok, viene descritto come una figura crudelmente patetica, ridicola e senza dignità.

    Il racconto, scritto nel 1922, è molto scorrevole e ben scritto; è pieno di tensione, inquietante, morboso e ossessivo. Zweig è un bravo psicologo, abile nel descrivere i sensi di colpa e la volontà di sopraffazione. La narrazione, l’incontro tra un uomo qualunque e una donna fatale, è un pretesto per scavare capire fin dove può arrivare la mente umana. Le frequenti sospensioni, le pause, riescono a evidenziare il tormento interiore, l’angoscia, la passione irrazionale e folle e la sconfitta della propria esistenza.

    “Le situazioni psicologiche misteriose esercitano su di me un fascino addirittura sconvolgente, mi intriga fino al midollo scoprire connessioni, e le persone singolari riescono con la loro sola presenza ad accendere in me un desiderio di conoscerle che non è di molto inferiore a quello del possesso nel caso di una donna”.

    Is this helpful?

    Roberto said on Apr 16, 2014 | 3 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Immediato, claustrofobico, drammatico. Stop, non ho voglia di scrivere altro anche perchè probabilmente altro da scrivere non troverei.
    Ah si, mi ha convinto a leggere "Lettera di una sconosciuta".

    Is this helpful?

    Nikos said on Feb 16, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book

Collection with this book

Margin notes of this book