Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Amore e Amicizia e altri scritti giovanili

Opere di Jane Austen volume primo

Di

Editore: Theoria

3.7
(85)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 244 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8824103669 | Isbn-13: 9788824103664 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Amore e Amicizia e altri scritti giovanili?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 0

    Contiene:

    Lady Susan The Watsons Sanditon Plan of a Novel, according to hints from various quaters Opinions of Mansfield Park Opinions of Emma Poems Charades Prayers ...continua

    Contiene:

    Lady Susan The Watsons Sanditon Plan of a Novel, according to hints from various quaters Opinions of Mansfield Park Opinions of Emma Poems Charades Prayers Sir Charles Grandison or The happy Man, a Comedy

    ha scritto il 

  • 4

    Un mini libro, non conta nemmeno 150 pg, che raccoglie prose giovanili di Jane Austen, quasi tutte incomplete. Un mini libro che è però una sorpresa: rende bene l'anima caustica di Jane Austen, ...continua

    Un mini libro, non conta nemmeno 150 pg, che raccoglie prose giovanili di Jane Austen, quasi tutte incomplete. Un mini libro che è però una sorpresa: rende bene l'anima caustica di Jane Austen, geniale e corrosiva come pochi altri nella storia della letteratura. Finora ho letto solo il lungo racconto epistolare "Amore e Amicizia" (da cui il titolo dell'agile volumetto), ed è stata una lettura piacevole, inaspettata e rivelatrice: pur con tutte le pecche dovute a una penna giovanissima, emerge netto il forte senso dissacratorio e pungente della sua autrice. Attraverso le pseudo avventure/disgrazie della sua protagonista, Laura, che racconta le proprie vicissitudini alla giovane figlia di un'amica, Jane Austen ridicolizza tutti gli stilemi e le soluzioni narrative di un certo tipo di letteratura, quella che oggi definiremo "rosa". Non manca niente: l'amore a prima vista, il matrimonio frettoloso, la famiglia che si oppone, la fuga, i rovesci finanziari, la separazione e il lutto, le agnizioni inaspettate e i ricongiungimenti più sorprendenti. Tutto questo viene esaltato e proposto in sommo grado, in modo che il risultato è tutto fuorché patetico: è altamente comico, di un umorismo ancora non raffinato come in "Northanger Abbey", di cui questo "Amore e Amicizia" si può considerare progenitore, ma forse anche per questo di impatto immediato. Esilarante è la raccomandazione fatta alla protagonista sulla non opportunità di perdere i sensi: "Guardatevi dai deliqui mia cara Laura... Un parossismo di follia è di gran lunga meno pernicioso; è un esercizio per il corpo e, se non è troppo violento, oserei dire che le sue conseguenze giovano alla salute. Perdete il senno tutte le volte che volete; ma non svenite!"

    ha scritto il 

  • 4

    opere incompiute, lettere inventate, una storiografia non attendibile. Jane Austen si ispira ai generi letterari che tanto erano in voga al suo tempo e crea storie stralunate con protagoniste false ...continua

    opere incompiute, lettere inventate, una storiografia non attendibile. Jane Austen si ispira ai generi letterari che tanto erano in voga al suo tempo e crea storie stralunate con protagoniste false ingenue che svengono in continuazione, che si preoccupano del vil denaro e che decantano le proprie lodi.

    ha scritto il 

  • 0

    Bel libro! Specialmente il primo racconto, che è così (volutamente?) ridondante e barocco da risultare comico :-) Si legge in un giorno e merita l'acquisto/il noleggio.

    ha scritto il 

  • 2

    Raccolta di scritti giovanili di una delle mie autrici preferite che però, devo ammettere mi ha lasciato veramente con l'amaro in bocca. Ora posso dire di aver finalmente capito perchè non è ...continua

    Raccolta di scritti giovanili di una delle mie autrici preferite che però, devo ammettere mi ha lasciato veramente con l'amaro in bocca. Ora posso dire di aver finalmente capito perchè non è necessario pubblicare veramente tutta l'opera omnia di uno scrittore, quasi questo libro mi ha rovinato l'amore per tutte le altre opere dell'autrice di cui sono una sfegatata fan. Senza tralasciare il post in cui io e la socia alta ci ritrovavamo a sospirare per un uomo "formato Darcy", ammetto che da quando la scoprii al liceo la Austen è stata una delle mie autrici preferite, ma questi brevi romanzi incompiuti ed epistolari, nonchè primi atti di tragedie, quasi non si possono leggere, una parodia di se stessa, tocca vedere se ne fosse consapevole. Arriverà il tempo di Lady Susan e di Sandition come reali romanzi incompiuti, ma questi Amore ed Amicizia e Lesly Castle sono abbastanza illegibili; sicuramente è stata colpa mia che mi aspettavo qualcosa di serio e non questi divertissment dell'autrice da giovane.

    ha scritto il 

  • 2

    e ½

    AMORE E AMICIZIA

    E' la parodia del romanzo sentimentale, è il romanticismo portato all'estremo con accenti languidi e un concentrato di sventure che invece di mettere in rilievo l'eroicità dei ...continua

    AMORE E AMICIZIA

    E' la parodia del romanzo sentimentale, è il romanticismo portato all'estremo con accenti languidi e un concentrato di sventure che invece di mettere in rilievo l'eroicità dei protagonisti, ne svelano la mediocrità e insulsaggine, suscitando sentimenti di ridicolo anziché di stima. E' questo il caso di Laura, l'autrice delle 15 lettere indirizzate alla figlia della sua migliore (si fa per dire) amica,ove narra "i molti dolori" della sua vita passata e quindi del suo amore contrastato per Edward, dell'incontro con la coppia Sophia e Augustus, della serie apocalittica di disgrazie, colpi di scena, sventure varie a lei occorse.

    LESLEY CASTLE

    Questo romanzo non è totalmente distruttivo come l'altro perché lascia intravedere qualche spunto costruttivo che poi Jane Austen ha sviluppato nei suoi romanzi successivi. Sono lettere scritte da diverse donne ognuna con la sua storia e le sue preoccupazioni, più o meno nobili, personali e familiari, da raccontare, ma che si compongono in un intreccio più vasto e complesso riuscendo a dare, grazie all'ipocrisia innata in ognuna, la molteplice prospettiva che al lettore assicura la visione superpartes della storia complessiva. Le presuntuose sorelle Lesley, la sfortunata Eloisa , la bulimica Charlotte, l'arrivista Lady Susan, sono mittenti, destinatarie e oggetto stesso delle lettere: le prime sono preoccupate per la sorte del loro padre che ha sposato in seconde nozze Lady Susan; Charlotte, dopo aver narrato la sventura occorsa in casa propria alla sorella Eloisa abbandonata a pochi giorni alle nozze dal promesso sposo caduto da cavallo e morto, le rassicura; Lady Susan è curiosa di conoscere le sue figliastre che vivono nel castello dei Lesley in un luogo sperduto e arroccato e tra loro è antipatia a prima vista; Eloisa non riesce a dimenticare il suo sposo, anche se trova una tenera amica nella signora Marlowe. Le storie sono diverse, l'intreccio complesso, ma lo humour, la vivacità dello stile consono a ciascun personaggio possiedono già i toni dell'autrice matura.

    STORIA D'INGHILTERRA

    E' una versione alternativa a quella contenuta nei compendi scolastici dell'epoca, della storia d'Inghilterra.

    RACCOLTA DI LETTERE

    Di soggetto diverso, situazioni disparate, contraddistinte però dalla solita vena ironica.

    2 stelline e mezzo!!

    ha scritto il 

  • 4

    «Non posso dire molto in difesa del buon senso di questo monarca, né lo farei anche se potessi, perché era uno dei Lancaster. Suppongo sappiate tutti della guerra tra lui e il duca di York, che ...continua

    «Non posso dire molto in difesa del buon senso di questo monarca, né lo farei anche se potessi, perché era uno dei Lancaster. Suppongo sappiate tutti della guerra tra lui e il duca di York, che era dalla parte della ragione; se non è così, fareste meglio a leggere qualche altro testo di storia, perché io non ne parlerò molto diffusamente, in quanto il mio intento non è quello di informare, ma solo di sfogare il mio rancore contro di lui e di manifestare la mia ostilità verso tutti coloro il cui partito o le cui idee politiche non corrispodano alle mie.» (Su Enrico VI)

    Storia d'Inghilterra. Jane Austen, sixteen, yorkist (anche se solo per scherzo): I love her. ****

    ----

    «Una sera di dicembre mio padre, mia madre ed io stavamo affabilmente conversando, seduti attorno al fuoco, quando d'un tratto fummo enormemente stupiti nel sentir bussare con violenza alla porta d'ingresso della nostra rustica villetta. Mio padre sobbalzò. "Cos'è questo rumore?", disse. "Sembra che stiano bussando con forza alla porta", disse mia madre. "In effetti è così", esclamai io. "Sono del vostro stesso parere", disse mio padre, "pare proprio che si accaniscano con inaudita violenza contro la nostra innocua porta". "Sì", esclamai ancora io, "non posso fare a meno di pensare che debba trattarsi di qualcuno che bussa per entrare". "Questa è un'altra questione", replicò lui, "noi non dobbiamo avere la pretesa di stabilire per quale motivo questa persona bussi... Anche se ne sono quasi del tutto sicuro, qualcuno sta picchiando alla porta".»

    Amore e amicizia. Insensato e divertentissimo romanzo epistolare, scritto a neanche 15 anni, che mostra tutto il senso del comico e della parodia di Jane, e che ricorda vagamente negli intenti Northanger Abbey. Tra le assurdità: le due protagoniste, per motivi troppo complicati da spiegare, si trovano in Scozia, sedute in riva a un torrente, quando assistono al ribaltamento di una carrozza. I passeggeri sono, incredibilmente, i mariti delle due, che avevano lasciato a Londra; i due mariti muoiono nell'incidente e, dopo vari svenimenti e piagnistei, le due li lasciano morti in mezzo alla strada perché preoccupate dall'umidità della sera.***

    ---

    «Abbiamo preferito viaggiare a cavallo. Mia madre ha montato il nostro piccolo pony, e Fanny e io le abbiamo camminato al fianco, o meglio abbiamo corso, perché alla mamma piace molto cavalcare veloce e ha galoppato per tutta la strada.»

    Frammenti. Nonsense allo stato puro. Vorrei tanto avere la macchina del tempo per andare a conoscere Jane da ragazzina. ***

    ---

    «Siamo tutte e due belle, mia cara Charlotte, molto belle, però tra tutte le nostre doti la più grande è la nostra inconsapevolezza di possederle.»

    Lesley Castle. Jane descriveva la sua scrittura come il lavoro di un sottilissimo pennello. Leggendo gli scritti giovanili e in particolare Lesley Castle, mi piace pensare che il gusto per l'eccesso, per il ridicolo, per la parodia, non sia totalmente scomparso nei sei romanzi (la cui qualità principale è, secondo me, la raffinatezza), ma abbia lasciato una traccia nella stupida piaggeria di Mr. Collins, nella maleducazione di Mrs. Elton, nelle risposte a tono di Marianne Dashwood. ***

    ---

    «Signora, non avete sentito parlare del matrimonio di Willoughby?"»

    Raccolta di lettere. **

    ha scritto il