Amore e sesso nell'antica Roma

Di

Editore: A. Mondadori - RAI Eri

3.9
(391)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 316 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8804613920 | Isbn-13: 9788804613923 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Illustratore o Matitista: Luca Tarlazzi

Disponibile anche come: eBook , Paperback

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Storia , Non-narrativa

Ti piace Amore e sesso nell'antica Roma?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Questo è un libro di storia e d’amore. Ci fa immergere in un mondo lontano e affascinante, condotti dal filo della nostra curiosità. Cerca di rispondere alle domande più frequenti e insolite sull’amore e il sesso al tempo dei romani: come ci si baciava, cosa si dicevano gli innamorati guardandosi negli occhi, se si portava fuori a cena la fidanzata, se l’uomo era bisex, quali erano i tabù sessuali, come si “rimorchiava” e si tradiva, come facevano l’amore gli imperatori, se esisteva un kamasutra...

Amore e sesso nell’antica Roma unisce il piacere di lettura di un romanzo all’accuratezza di un saggio storico. Per ricostruire un quadro completo e scrupoloso, e scovare le notizie più sorprendenti, ci si è basati su scoperte nei siti archeologici, dati di laboratorio, una ricchissima bibliografia di testi antichi e studi moderni, e centinaia tra reperti nei musei, affreschi, statue, graffiti di Pompei ed Ercolano. Com’era possibile unire tutte queste scoperte in un unico, coinvolgente viaggio? Immaginate di ritornare indietro nel tempo e di trovarvi in una piazza di Roma antica.

Davanti a voi ci sono delle persone che passeggiano normalmente: una fanciulla e un ragazzo innamorati, un gladiatore che lancia uno sguardo a una giovane nobildonna, un padre che accompagna il figlio alla sua “prima volta”, una prostituta d’alto bordo... Guardate bene queste persone: basterà seguirle nella loro giornata e ci faranno scoprire gli intriganti segreti dell’amore e del sesso ai tempi dell’antica Roma. E quanto il loro modo di amare somigliasse incredibilmente al nostro.
Ordina per
  • 4

    Interessante

    Sulla scia dei precedenti saggi di Alberto Angela anche questo si legge molto scorrevolmente. L'argomento è interessante e intrigante allo stesso tempo.
    Ben documentato e pieno di curiosità. ...continua

    Sulla scia dei precedenti saggi di Alberto Angela anche questo si legge molto scorrevolmente. L'argomento è interessante e intrigante allo stesso tempo.
    Ben documentato e pieno di curiosità.

    ha scritto il 

  • 0

    Dopo aver accompagnato il lettore in una normale giornata nella Roma imperiale e aver seguito le vicende di un sesterzio alla scoperta della società e dell’economia romana, Alberto Angela solleva il v ...continua

    Dopo aver accompagnato il lettore in una normale giornata nella Roma imperiale e aver seguito le vicende di un sesterzio alla scoperta della società e dell’economia romana, Alberto Angela solleva il velo sul lato più privato della vita quotidiana nell’antica Roma: l’amore e la sessualità. Passando attraverso filtri d’amore e repertori di posizioni erotiche, lupanari e preparati anticoncezionali, scopriremo che i Romani non erano particolarmente diversi da noi, ma vivevano il sesso in modo più gioioso e scevro di tabù (anche se questo valeva solo per un’élite di privilegiati appartenenti alle classi sociali elevate). Il lettore apprezzerà la forma quasi romanzesca, costellata di vividi bozzetti, che trasmettono la sensazione di essere reali spettatori di scene d’amore di un tempo che non è più. L’unica nota stonata è rappresentata da qualche espressione infelice venata di maschilismo, relativamente ad alcuni giudizi sulle donne, e da qualche frase che lascia trasparire una sorta di complesso di superiorità culturale dell’uomo occidentale, quando si fa riferimento ad altre culture. Dal momento, però, che la tesi di fondo del libro contraddice la sgradevole impressione comunicata da tali espressioni, ritengo che si tratti solo di sviste, che si sarebbero potute eliminare con un editing più attento. Nel complesso, quindi, un’ottima lettura per chi vuole approfondire un lato poco noto della romanità.

    ha scritto il 

  • 3

    Leggere Angela è come sentirlo parlare, un piacere. E' leggere un testo divulgativo come fosse un romanzo, il mondo di Roma antica poi ha sempre avuto un fascino particolare per me... Anche se la paro ...continua

    Leggere Angela è come sentirlo parlare, un piacere. E' leggere un testo divulgativo come fosse un romanzo, il mondo di Roma antica poi ha sempre avuto un fascino particolare per me... Anche se la parola "fascino"... dopo che mi ha spiegato da dove deriva... ;)

    ha scritto il 

  • 5

    Alberto Angela sa davvero il fatto suo. Il testo è talmente scorrevole che non risulta mai noioso. L'autore ci prende per mano e ci porta con lui nella Roma del I-II sec. d.C. e ci mostra nel dettagli ...continua

    Alberto Angela sa davvero il fatto suo. Il testo è talmente scorrevole che non risulta mai noioso. L'autore ci prende per mano e ci porta con lui nella Roma del I-II sec. d.C. e ci mostra nel dettaglio tutto ciò di cui ci parla. Molto ma molto interessante.

    ha scritto il 

  • 4

    Si tratta di un libro divulgativo su un aspetto molto particolare della Roma del secondo secolo d.C.. L'ho letto facilmente e penso di aver imparato qualcosa, per questo lo considero un buon libro. ...continua

    Si tratta di un libro divulgativo su un aspetto molto particolare della Roma del secondo secolo d.C.. L'ho letto facilmente e penso di aver imparato qualcosa, per questo lo considero un buon libro.

    ha scritto il 

  • 4

    Amore e sesso ma non solo!

    Secondo libro di Angela che leggo e le mie prime impressioni sono state largamente confermate. L'autore pur trattando un tema settoriale e che dal titolo potrebbe sembrare abbastanza circoscritto, in ...continua

    Secondo libro di Angela che leggo e le mie prime impressioni sono state largamente confermate. L'autore pur trattando un tema settoriale e che dal titolo potrebbe sembrare abbastanza circoscritto, in realtà prende il lettore per mano e lo conduce per le vie di Roma alla scoperta non solo dei costumi sessuali dei nostri antenati romani ma esplorando la società dell'epoca nel suo complesso. Dalle donne apparentemente dominate dagli uomini, ai vir romani quasi ossessionati dal dimostrarsi virili. Insomma un trattato sociologico che segue come filo di Arianna il tema del sesso ma in realtà questo libro racchiude molto di più!!

    ha scritto il 

  • 4

    interessante!

    Non sapevo cosa aspettarmi da questo libro, ma devo dire che non mi è dispiaciuto e mi sono proprio fatta una bella cultura. Non conoscevo i romani da questo punto di vista, e ora mi sento più vicina ...continua

    Non sapevo cosa aspettarmi da questo libro, ma devo dire che non mi è dispiaciuto e mi sono proprio fatta una bella cultura. Non conoscevo i romani da questo punto di vista, e ora mi sento più vicina a questa vecchia popolazione.
    Concordo con chi ha già scritto che nel libro ha trovato alcune ripetizioni, e anch'io avrei preferito che non ci fossero. Ma il libro è veramente ma veramente interessante. La capacità dello scrittore è stata quella di portarmi lì, tra le strade di Roma e di Pompei, tanto da farmi penetrare nella loro vita di tutti i giorni e da restarne coinvolta.
    Delicatissime le sue descrizioni. Senza mai cadere nel volgare, ma anzi, elegantemente, è riuscito a raccontare anche i particolari più scabrosi.
    Dal momento che in molti dicono che gli altri suoi libri sono migliori di questo, non vedo l'ora di leggere gli altri!

    ha scritto il 

  • 5

    Sono Porci Questi Romani

    Quale eccitazione si prova ad avere l'occasione di addentrarsi fra le viuzze dell'Urbe, magari proprio nella suburra e poter assistere a ciò che avviene dentro un lupanare. Entrare nella casa di una f ...continua

    Quale eccitazione si prova ad avere l'occasione di addentrarsi fra le viuzze dell'Urbe, magari proprio nella suburra e poter assistere a ciò che avviene dentro un lupanare. Entrare nella casa di una famiglia patrizia e sbirciare nella camera del paterfamilias durante un amplesso proprio con... una schiava!
    Un magnifico reportage dove è illustrata a 360 gradi la vita sessuale e sentimentale dei nostri antichi antenati. Un excursus dettagliato che, passando per le testimonianze di autori dell'epoca, dal padre dell'Ars Venusiana Ovidio al misogino Giovenale ci aprono una finestra sulle usanze sessuali dei romani. Dalla Venus Pendula ad altre mille posizioni, dai vari contratti di matrimonio fino ai gossip piccanti nelle camere del potere di allora.
    Unica pecca è nell'organizzazione del libro, il quale a tratti torna sullo stesso argomento da un capitolo all'altro sembrando così ripetitivo e disorganizzato, in realtà sarebbe bastato dividere ciascuna sezione per argomenti, ma a parte ciò consigliatissimo!

    ha scritto il 

  • 4

    Un libro molto interessante e molto dettagliato. Angela come sempre è interessante, anche su carta. In alcuni punti io personalmente mi ero un po rallentata nella lettura, perché non ho mai letto un l ...continua

    Un libro molto interessante e molto dettagliato. Angela come sempre è interessante, anche su carta. In alcuni punti io personalmente mi ero un po rallentata nella lettura, perché non ho mai letto un libro di Storia per così tanto tempo. Però secondo me ne vale la pena di leggerlo.

    ha scritto il 

  • 5

    I libri sono come i compagni di viaggio. Alcuni sono così orribili da lasciarli in mezzo alla strada e non voltarti indietro. Per alcuni rallenti la marcia al fine di prolungarne la piacevole compagni ...continua

    I libri sono come i compagni di viaggio. Alcuni sono così orribili da lasciarli in mezzo alla strada e non voltarti indietro. Per alcuni rallenti la marcia al fine di prolungarne la piacevole compagnia, ma le pagine scorrono e l'escursione giunge a conclusione. Restano tante, tantissime orecchie a segnare i fogli che ti colpiscono (mai così tante fin'ora). Che esperienza!

    ha scritto il