Amori, crimini e una torta al cioccolato

Un'indagine di Tannie Maria

Di

Editore: Guanda (Narratori della Fenice)

3.5
(35)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 430 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8823512751 | Isbn-13: 9788823512757 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: eBook

Genere: Cucina, Cibo & Vini , Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace Amori, crimini e una torta al cioccolato?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Bassina, morbida (forse un po' troppo morbida nei punti sbagliati), Tannie Maria è una donna pratica in puro stile afrikaans, ma è soprattutto ironica, tenera, saggia. Unisce a un robusto appetito il dono di saper cucinare piatti irresistibili. Dal suo angolo di Sudafrica, da anni è la seguitissima voce della rubrica di ricette sul giornale locale, The Karoo Gazette. La chiamano Tannie, zia, in segno di rispetto per la sua esperienza, e proprio in virtù di questa esperienza le viene chiesto dalla direzione del giornale di passare a occuparsi di problemi di cuore. Accetta dapprima controvoglia, non sentendosi all'altezza (diciamo che l'autostima non è il suo forte, e il suo passato sentimentale, con un marito ben poco amorevole, non è un ottimo biglietto da visita), ma scopre ben presto che a ogni pena d'amore corrisponde una cura, e spesso anche la giusta ricetta. Fino a quando, tra le tante lettere di affezionati lettori, ne arriva una che la coinvolge più delle altre. Una richiesta d'aiuto. Si tratta di Martine, una donna fragile e ferita, in fuga da un matrimonio che è diventato un incubo. Con la sua giovane e ardimentosa collega Jessie, "la ragazza con il geco tatuato", si metterà in testa di affiancare la polizia sulle tracce di un assassino. E nessuno, neanche il bel detective Henk Kannemeyer, che la vorrebbe ardentemente fuori dalle indagini, riuscirà a fermarla.
Ordina per
  • 3

    Il giallo a tema culinario è costruito bene e scritto bene, e la protagonista ci risulta subito simpatica ( e simpatizziamo con la sua passione per il cibo e con la sua ciccetta!). Peccato che l'ambie ...continua

    Il giallo a tema culinario è costruito bene e scritto bene, e la protagonista ci risulta subito simpatica ( e simpatizziamo con la sua passione per il cibo e con la sua ciccetta!). Peccato che l'ambientazione sudafricana risulti poco originale, e che a tratti il ritmo della narrazione si faccia un po' lento. Forse qualche pagina in meno avrebbe aiutato.

    ha scritto il 

  • 2

    L'atmosfera della provincia sudafricana è veramente ben descritta ed è impossibile non calarsi nel calore e nei sapori afrikaans del Karoo.
    Anche il giallo è passabile, leggero e dignitoso.
    E' lo stil ...continua

    L'atmosfera della provincia sudafricana è veramente ben descritta ed è impossibile non calarsi nel calore e nei sapori afrikaans del Karoo.
    Anche il giallo è passabile, leggero e dignitoso.
    E' lo stile da commedia rosa che inciampa, con tutte quelle torte sempre in forno, quei pensieri adolescenziali in un corpo adulto e pure sofferto, le ricerche da detective delle Giovani Marmotte.
    Li chiamano "cozy mysteries" negli Stati Uniti, un sottogenere leggero della solitamente più cruenta letteratura gialla, e mi piacciono molto, ma ben pochi vanno oltre la sufficienza.
    Non questo, peccato.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    0

    Sono stata attratta da questo libro in primis per la copertina colorata che mi ha trasmesso subito simpatia e poi da quello che ha scritto come commento McCall Smith che con la sua Precious, personag ...continua

    Sono stata attratta da questo libro in primis per la copertina colorata che mi ha trasmesso subito simpatia e poi da quello che ha scritto come commento McCall Smith che con la sua Precious, personaggio similare a questa protagonista, mi ha conquistata da subito. In effetti le 2 protagoniste hanno qualcosa in comune, ma poco importa, la storia è piacevole, notevole la parte culinaria, bella anche la descrizione del luogo. Nei ringraziamenti finali l’autrice ringrazia anche McCall Smith quindi mi sembra che abbia avuto anche il suo appoggio.
    La parte gialla è ben fatta, nonostante si tratti di qualcosa di leggero ci sono comunque dei morti di mezzo. Ci sono alcune parti molto divertenti, soprattutto da quando ci sono Anna e Dirk all’ospedale e poi tutta la parte seguente con loro sulla sedia a rotelle. Adorabili Jessie e Hattie, degne compagne d’avventura di Maria, che lo è altrettanto.
    Spero di ritrovare presto questa tannie alle prese con qualche altra avventura.

    ha scritto il 

  • 2

    Più che un giallo, un libro di cucina

    La protagonista del libro, Tannie Maria, è una donna sudafricana di mezza età con una grande passione per la cucina ed il cibo, che collabora col giornale locale curando proprio una rubrica gastronomi ...continua

    La protagonista del libro, Tannie Maria, è una donna sudafricana di mezza età con una grande passione per la cucina ed il cibo, che collabora col giornale locale curando proprio una rubrica gastronomica. Quando, per esigenze editoriali, viene chiamata ad occuparsi della posta del cuore", non sentendosi all'altezza del compito, decide di dare ai lettori delle ricette che possano fornire un aiuto a risolvere i loro problemi. E le ricette di Tannie Maria, la sua arte culinaria, pervadono tutto il romanzo, divenendo a tratti ingombranti. Tanto che la soluzione finale arriva così, d'improvviso, un po' banale, quasi come se l'autrice si fosse improvvisamente ricordata di dover chiudere le fila dell'enigma. Un libro anche gradevole, forse poco bilanciato, certamente non un giallo di livello.

    ha scritto il 

  • 4

    Tannie Maria non è perfetta, ma è saggia e sa cucinare benissimo. Ha una rubrica su un giornale locale, dove risponde alle lettere con la sua saggezza e una ricetta. Martine le scrive perché il marito ...continua

    Tannie Maria non è perfetta, ma è saggia e sa cucinare benissimo. Ha una rubrica su un giornale locale, dove risponde alle lettere con la sua saggezza e una ricetta. Martine le scrive perché il marito è ipergeloso e la picchia, e poco dopo viene ritrovata morta. Maria e le sue colleghe decidono di indagare.

    Ho faticato un po' perché utilizza molti termini in afrikaans. Stile lento, ma adatto al paesaggio, fa venire voglia di partire per il Sudafrica.

    * Suicidio. Selfmoord, diciamo in afrikaans: morte volontaria. Sjoe. Per certi versi era peggio che un omicidio. Se un uomo minaccia una donna al punto da indurla a togliersi la vita, è come se la uccidesse due volte: prima nel cuore e poi nel corpo.
    * «Abbiamo tempo fino al 21 dicembre per credere in qualcosa» continuai.
    «Oh, cielo» esclamò Hattie. «Hai parlato con gli avventisti? Di’ la verità.»
    «La fine del mondo è vicina» fece Jessie con il tono di quella a cui non importa nulla.
    «Oh, andiamo. Quelli sono fuori di testa.»
    «Comunque siamo destinati a morire tutti» disse ancora Jessie. «Se non il 21 dicembre, prima o poi.»

    ha scritto il 

  • 4

    Sono contentissima di aver ricevuto questo libro come regalo per Natale, per diversi motivi. Come la protagonista condivido la passione per il cibo ed in questo libro ci sono addirittura un po' di ric ...continua

    Sono contentissima di aver ricevuto questo libro come regalo per Natale, per diversi motivi. Come la protagonista condivido la passione per il cibo ed in questo libro ci sono addirittura un po' di ricette che la protagonista prepara nel corso della storia. Mi è piaciuto perchè si tratta di un giallo ambientato in un paese che non conosco, e di cui non avevo mai letto: il Sudafrica. Oltre al ricettario in fondo al libro c'è anche un dizionario di termini afrikaans e sudafricani che aiutano nella lettura. Mi è piaciuto davvero molto!

    ha scritto il 

  • 3

    Sembra moolto bello, ma

    Un libro che dopo le prime 50 pag. avrei votato a 5 stelle, ma perde di mordente e si banalizza andando avanti. Ottime, anche se l'amore per il cibo mi sembra un po' esagerato, le ricette!

    ha scritto il