Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

An Abundance of Katherines

By

Publisher: Penguin Books Ltd

3.6
(373)

Language:English | Number of Pages: 272 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Italian , German , Portuguese , Spanish

Isbn-10: 0142410705 | Isbn-13: 9780142410707 | Publish date: 

Also available as: Hardcover , eBook , Library Binding , Others

Category: Fiction & Literature , Romance , Teens

Do you like An Abundance of Katherines ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
When it comes to relationships, Colin Singleton's type is girls named Katherine. And when it comes to girls named Katherine, Colin is always getting dumped. Nineteen times, to be exact. On a road trip miles from home, this anagram-happy, washed-up child prodigy has ten thousand dollars in his pocket, a bloodthirsty feral hog on his trail, and an overweight Judge Judy - loving best friend riding shotgun - but no Katherines. Colin is on a mission to prove The Theorem of Underlying Katherine Predictability, which he hopes will predict the future of any relationship, avenge Dumpees everywhere, and finally win him the girl. Love, friendship, and a dead Austro-Hungarian archduke add up to surprising and heart - changing conclusions in this ingeniously layered comic novel about reinventing oneself. This book comes from the "New York Times" bestselling author of "The Fault in Our Stars" and "Looking for Alaska", John Green. John has a huge online presence through his 1.1 million Twitter followers and YouTube channel Vlogbrothers, which has been viewed over 200 million times and has 660,000 subscribers, making it one of the most successful online channels in history.
Sorting by
  • 3

    Colin Singleton è un ex bambino prodigio, che parla fluentemente 11 lingue ed è abilissimo negli anagrammi, ma è spaventato di non riuscire a sfruttare le sue abilità per diventare qualcuno, dato che ...continue

    Colin Singleton è un ex bambino prodigio, che parla fluentemente 11 lingue ed è abilissimo negli anagrammi, ma è spaventato di non riuscire a sfruttare le sue abilità per diventare qualcuno, dato che il suo sogno è quello di diventare famoso per la sua intelligenza.
    Per lui la genialità è sempre stata accompagnata dalla difficoltà di fare amicizia e la sua unica compagnia sono Hassan, il suo amico pigrissimo ma simpatico, e le varie ragazze di nome Catherine che incontra e che puntualmente gli spezzano il cuore.
    Dopo essere stato lasciato dalla diciannovesima Catherine, Colin viene convinto da Hassan a fare un viaggio per schiarirsi le idee e i due si ritroveranno nel Tennessee a visitare la tomba dell'Arciduca Francesco Ferdinando, mentre Colin cerca di trasformare il suo dolore in una formula matematica per proteggersi da future sofferenze.

    Il libro segue il tipico schema di John Green: adolescente sfigato e impopolare ma con una particolare caratteristica che compie un viaggio, sia fisico che emotivo, nel quale mette in dubbio tutta la sua vita per poi trovare la sua strada.
    Green usa il suo tocco per aggiungere interesse ad una storia che altrimenti rischia di essere banale e riesce come al solito a stupire.

    said on 

  • 3

    Un Green non eccezionale..

    'Teorema Catherine' è il secondo romanzo pubblicato da Green e, a mio parere, il peggiore tra i suoi romanzi. Il difetto principale è il protagonista eccessivamente noioso. Ha, peró, una morale nascos ...continue

    'Teorema Catherine' è il secondo romanzo pubblicato da Green e, a mio parere, il peggiore tra i suoi romanzi. Il difetto principale è il protagonista eccessivamente noioso. Ha, peró, una morale nascosta e un finale poco prevedibile. Ho adorato le note a piè di pagine con le varie formule matematiche e i vari aneddoti del protagonista. In summa: consiglio questo libro a chi ha già letto Green e vuol 'completare' la sua 'collezione'.

    said on 

  • 2

    Grazie al cielo non sono un genio!

    Purtroppo il mio secondo romanzo di John Green non si è avvicinato per niente al livello di Colpa delle Stelle. A dirla tutta il romanzo sarebbe anche carino, se non fosse per il noioso protagonista. ...continue

    Purtroppo il mio secondo romanzo di John Green non si è avvicinato per niente al livello di Colpa delle Stelle. A dirla tutta il romanzo sarebbe anche carino, se non fosse per il noioso protagonista.

    VOTO: 6-/10

    My English review:
    http://theteenytinytoutfaire.blogspot.it/2015/05/novel-of-week-abundance-of-katherines.html

    said on 

  • 3

    Il primo libro di Green che ho letto è stato Cercando Alaska e devo dire che wow, pensavo di aver trovato un altro di quei casi letterari "veri". Poi ho letto Colpa delle Stelle e dai, non era all'alt ...continue

    Il primo libro di Green che ho letto è stato Cercando Alaska e devo dire che wow, pensavo di aver trovato un altro di quei casi letterari "veri". Poi ho letto Colpa delle Stelle e dai, non era all'altezza dell'altro ma si poteva chiudere un occhio. Ho letto Teorema Catherine con la speranza di confermare la prima impressione avuta su di lui ma niente, un altro libro passabile. Sarà che il protagonista non mi ha colpito dall'inizio e quindi l'ho sempre visto "male", sarà che in mezzo c'è anche la matematica e se c'è una cosa che odio è proprio quella materia, sarà che sono partita da quello che considero in suo capolavoro ma davvero, mi aspettavo di più. La storia è pure abbastanza piatta nonostante sia scritta davvero bene. Mi aspettavo di più ma nonostante questo non riesco a dare meno di tre stelle.

    said on 

  • 1

    Ragazzino prodigio "sò tutto io "

    Non ci siamo per niente.
    Green ha toppato, per me, anche questa volta.
    L'unico libro in cui é riuscito ad essere originale è "Cercando Alaska".
    A me pare che Green voglia imitare a tutti i costi J,D S ...continue

    Non ci siamo per niente.
    Green ha toppato, per me, anche questa volta.
    L'unico libro in cui é riuscito ad essere originale è "Cercando Alaska".
    A me pare che Green voglia imitare a tutti i costi J,D Salinger, se ci fate caso i suoi personaggi maschili sono quasi sempre ispirati un po' al Giovane Holden( fallendo miseramente però).
    Siccome Salinger è il mio scrittore preferito, capisco subito quando qualcuno vuole imitarne lo stile.
    Colin però, a differenza di Holden Caulfield, mi è stato antipatico dall'inizio alla fine.
    La storia a mio avviso é noiosissima( ha saputo rendere noiosa una storia on the road, incredibile!), personaggi insipidi e comicità non credibile.
    Banale anche la storia in sé, poco credibile e a tratti fastidiosa.
    Non so se qualcuno si possa identificare in questi personaggi! uno è "so tutto io e voi non siete niente" e l'altro, il migliore amico, il nullafacente che non fa manco ridere ai polli.

    said on 

  • 3

    Il peggior Green?

    Forse. In realtà anche io sono combattuto, La trama di Teorema Catherine è bizzarra, ma interessante, il problema è che lo sviluppo non mi ha dato quasi nulla. Una costante mancanza di empatia col pro ...continue

    Forse. In realtà anche io sono combattuto, La trama di Teorema Catherine è bizzarra, ma interessante, il problema è che lo sviluppo non mi ha dato quasi nulla. Una costante mancanza di empatia col protagonista non mi ha aiutato.
    In ogni caso credo che i dialoghi siano tra in più belli di quelli che abbia mai letto dalla penna di Green, sicuramente i più ironici. Mi sono fatto grasse risate.
    Io lo consiglio comunque.

    said on 

  • 4

    Teorema

    Questo libro è divertente, fa ridere dall'inizio alla fine. Avendo già letto colpa delle stelle e cercando Alaska mi aspettavo il colpo di scena tragico da un momento all'altro invece (e direi stavolt ...continue

    Questo libro è divertente, fa ridere dall'inizio alla fine. Avendo già letto colpa delle stelle e cercando Alaska mi aspettavo il colpo di scena tragico da un momento all'altro invece (e direi stavolta per fortuna) niente. E' un libro scorrevole e leggero che comunque in perfetto stile dell'autore tratta tematiche relative all'adolescenza con humor e spensieratezza. Ho adorato le note, di solito infastidiscono, invece hanno reso il libro ancora più divertente. I personaggi come sempre sono fantastici e anche se non sono proprio una matematica, ho apprezzato anche le varie formule del teorema. Assolutamente da leggere

    said on 

Sorting by
Sorting by