Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Anarchia e cristianesimo

Di

Editore: Eleuthera

4.2
(13)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 120 | Formato: Altri

Isbn-10: 8885060315 | Isbn-13: 9788885060319 | Data di pubblicazione:  | Edizione 2

Traduttore: L. Ribet

Disponibile anche come: Paperback

Genere: History , Political , Religion & Spirituality

Ti piace Anarchia e cristianesimo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    La recensione in "Bollito Duro" su Linkiesta. Burp!
    http://www.linkiesta.it/blogs/bollito-duro/anarchia-e-cristianesimo-ossimoro-iconoclasta-o-utopica-speranza-la-versione-di-e

    ha scritto il 

  • 4

    Si sa che le sacre scritture possono essere lette sotto moltissime chiavi di lettura. L'autore in questo breve saggio cerca di carpire gli aspetti che sono in comune tra le sacre scritture e i dettami (se così si possono chiamare) dell'anarchia.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Il vero Cristianesimo

    Un mirabile avvicinamento di due elementi apparentemente contrastanti. Ne esce fuori una visione del Cristianesimo delle origini, puro, inteso come una forza non tanto contro quanto oltre lo stato ed il potere politico. Forse la spiegazione in chiave anarchica di alcuni passi di Gesù e di alcuni ...continua

    Un mirabile avvicinamento di due elementi apparentemente contrastanti. Ne esce fuori una visione del Cristianesimo delle origini, puro, inteso come una forza non tanto contro quanto oltre lo stato ed il potere politico. Forse la spiegazione in chiave anarchica di alcuni passi di Gesù e di alcuni santi può apparire a tratti un po' "tirata per i capelli", ma il sottoscritto personalmente è anche dell'idea che i testi sacri vanno interpretati, e in virtù di un'interpretazione flessibile sussistono e coesistono senza problemi i valori cristiani ed anarchici che emergono dai passi citati. Una lettura capace di dare una rinfrescata all'idea dell'amore totalizzato puramente cristiano (perfettamente in sintonia con la cooperazione in assenza di gerarchie tipica dell'anarchismo), valore che ha iniziato a distorcersi (fino a rovesciarsi nella chiesa di oggi) a partire dal 313-314 d.C., per mano di Costantino e Teodosio, ossia quando il Cristianesimo, che "non sarebbe dovuto diventare una religione", sposa lo stato, quindi il potere politico.

    L'unico motivo per cui ho dato 4 stelle e non tutte e 5 è a causa di un (a mio parere) gravissimo errore che consiste nella ormai abusata e imperdonabile equazione "jihad = guerra santa", che purtroppo fa breccia anche nei più lucidi e moderni interpretatori quali J. Ellul (ad essere più proporzionato nel giudizio, avrei dato 4 stelle e mezza, ma si può votare solo per numeri interi).

    ha scritto il