Anche stasera

Come l'Opera ti cambia la vita

Voto medio di 45
| 21 contributi totali di cui 11 recensioni , 10 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Questo libro è la storia di una passione, la passione per l'opera lirica, lo spettacolo più elaborato, esagerato, costoso, assurdo - quindi affascinante inventato dall'uomo e, in particolare, dagli italiani. Alberto Mattioli, giornalista ... Continua
Ha scritto il 09/03/16
ANCHE PIÙ OLTREQuando si arriva al termine, si rimpiange che il libro non vada avanti per un altro centinaio di pagine. Perché è un'appassionata dichiarazione d'amore dell'Opera, con tutti i suoi pregi e i suoi difetti - quindi anche tutte le ...Continua
  • 2 mi piace
Ha scritto il 19/04/14
libro prezioso di cui non capisco come si possa parlare male. L'avevo preso in biblioteca, ma ora lo comprerò sicuramente per averlo nella mia libreria nel reparto opera lirica! E quanti spunti interessanti per una che l'opera vorrebbe cantarla, in ...Continua
Ha scritto il 03/09/13
Divertentissimo!
Se un giorno nella vostra vita, comodamente seduti in platea avete desiderato che almeno uno dei puntuali attacchi di tosse durante un "pianissimo" avesse esiti fatali, questo è il libro che fa per voi.
  • 1 mi piace
Ha scritto il 02/04/13
Ho conosciuto Alberto Mattioli grazie alle gustose cronache teatrali pubblicate dal mensile Art e Dossier. In questo volume, in cui si ritrova la penna scanzonata e divertente del giornalista modenese, aleggia però anche parecchia spocchia. Era ...Continua
  • 2 mi piace
  • 1 commento
Ha scritto il 25/12/12
Anche se non concordo con l'autore su alcune sue affermazioni, è un libro scritto bene, molto interessante e divertente da leggere. Lo consiglio sia ai neofiti che agli aficionados degli spettacoli lirici. Buona lettura! Alfredo

Ha scritto il Nov 05, 2014, 14:09
[Il problema più importante è] che il teatro e la musica non sono sottratti al fluire del tempo. E nemmeno al fatto che non cambiano solo i tempi, cambiamo anche noi. Sono diversi, per esempio, i nostri occhi e le nostre orecchie. Cioè, sono ...Continua
Ha scritto il Nov 05, 2014, 14:05
Non ci sarà cantante o ripassatore di spartiti o loggionista o semplice fesso che non garantirà: "Verdi quell'acuto lo voleva, me l'ha detto il mio maestro che l'ha saputo dal suo che era figlio della donna di servizio di Tamagno al quale Verdi ...Continua
Ha scritto il Nov 05, 2014, 14:01
La critica italiana, sempre all'avanguardia della retroguardia.
Ha scritto il Nov 05, 2014, 14:01
A un certo punto arrivò una coppia tedesca giovane e perfetta, marito e moglie alti e biondi e con gli occhi azzurri, scortati dalla governante che accompagnava a sua volta il pupo, non ancora alto ma già biondo e con gli occhi azzurri. Invece che ...Continua
Ha scritto il Nov 05, 2014, 13:56
Ovvio che sulla collina l'intera recita si svolga nel buio più completo e nel silenzio più assoluto. Impensabile udire un telefonino che trilla, una caramella che viene scartocciata, un colpo di tosse men che discreto. All'inizio di ogni atto, in ...Continua

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi